Skip to content

Il ruolo del Tecnico di Laboratorio Biomedico nei Laboratori Clinici che operano secondo le prescrizioni della ISO 15189:2003

APPARECCHIATURE (p.to 5.3 della ISO 15189)

Per apparecchiatura s’intende: la strumentazione analitica, il materiale di riferimento certificato, quello di consumo, il reagente e i sistemi analitici.
Il laboratorio deve essere fornito di tutte quelle strumentazioni analitiche necessarie per la fornitura del servizio.
Si deve dimostrare che le apparecchiature siano in grado di fornire le prestazioni richieste e che soddisfino i requisiti relativi alle analisi interessate, in quanto tutte le strumentazioni analitiche concorrono significativamente all’incertezza di misura.
Ogni apparecchiatura deve essere corredata di un “registro”, un quaderno contenente informazioni generali comuni a tutti gli apparecchi
Il Registro delle apparecchiature deve prevedere:

a) l'identificazione dell'elemento dell'apparecchiatura e del suo software;
b) il nome del costruttore, l'identificazione del tipo, il numero di serie o altra identificazione univoca;
c) le verifiche di conformità delle apparecchiature alle specifiche;
d) le istruzioni del costruttore, se disponibili;
e) i riferimenti della loro collocazione;
f) le date, i risultati e le copie dei rapporti e dei certificati di tutte le tarature;
g) i criteri di accettazione e la data di scadenza della prossima taratura;
h) il piano di manutenzione, quando appropriato, e lo stato aggiornato delle manutenzioni;
i) l’annotazione di ogni danno, malfunzionamento, modifica o riparazione.

La documentazione relativa a ciascuna apparecchiatura deve essere adeguatamente conservata.
Si deve incaricare un operatore alla gestione di ogni apparecchio, e le apparecchiature devono essere utilizzate da personale autorizzato di cui sia dimostrata la competenza nello svolgimento delle attività.
Le apparecchiature del laboratorio che richiedono tarature o verifiche, devono essere identificate per indicare lo stato della taratura o verifica e la data della successiva taratura o verifica, le attività di taratura e controllo devono essere stabilite per ciascuna apparecchiatura.

Le apparecchiature devono essere sottoposte a manutenzione per assicurare il corretto funzionamento.
La manutenzione si distingue in correttiva (definizioni UNI 10147 art 3.7) e preventiva (definizioni UNI 10147 art 3.9 ); la manutenzione correttiva o manutenzione “a guasto” viene eseguita a seguito della rilevazione di un’avaria e volta a riportare un’entità nello stato in cui essa possa eseguire una funzione richiesta;la manutenzione preventiva viene eseguita ad intervalli o in accordo a criteri e volta a ridurre la probabilità di guasto o la degradazione del funzionamento di un entità.
Quando un’apparecchiatura è momentaneamente rimossa dal laboratorio o è soggetta a riparazione o manutenzione, il laboratorio deve assicurare che essa sia controllata e che sia verificato il suo corretto funzionamento, prima di rimetterla in servizio.
Se sono necessari controlli per assicurare lo stato di efficienza delle apparecchiature, questi controlli devono essere condotti in accordo a procedure definite e adeguate pianificazioni.
Quando la taratura fornisce fattori di correzione, il laboratorio deve assicurare che i fattori di correzioni utilizzati siano correttamente aggiornati.

Le apparecchiature devono essere salvaguardate da modifiche o manomissioni che possano compromettere l'esito delle analisi.
Quando si utilizzano computer per la raccolta, elaborazione, registrazione, refertazione, archiviazione o recupero dei dati delle analisi, il laboratorio deve assicurare il corretto funzionamento dell’hardware e del software.
Devono esistere registrazioni relative alle autorizzazioni per l'uso delle apparecchiature e devono essere previste le procedure di sistema riguardanti la gestione, la manutenzione, la taratura.

Anche materiali di riferimento certificati e i reagenti devono essere gestiti, da un operatore incaricato che ne controlli la certificazione, la scadenza, le idonee condizioni di conservazione e che sistematicamente ne raccolga le relative schede di sicurezza.
I sistemi analitici, come ad esempio i Kit prima di essere utilizzati devono essere validati da organismi internazionali, oppure si deve possedere tutta la documentazione di validazione, anche altri sistemi analitici, come ad esempio filtri, cartucce, colonnine, devono possedere una adeguata certificazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo del Tecnico di Laboratorio Biomedico nei Laboratori Clinici che operano secondo le prescrizioni della ISO 15189:2003

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Figuccia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Professioni sanitarie Tecniche
  Relatore: Marcello Ciaccio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

qualità
tecnico di laboratorio biomedico
iso 15189

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi