Skip to content

L'autoefficacia nello sport

La valutazione dell’autoefficacia

Come precisa Bandura “il sistema delle convinzioni di efficacia personale non corrisponde ad un tratto globale, bensì ad un set differenziato di convinzioni su di sé, connesse a distinti ambiti di funzionamento” (Bandura, 2001, p. 15). Partendo da ciò, Bandura (2001) deriva che le scale di autoefficacia devono essere progettate e costruite facendo riferimento a specifiche situazioni e a specifici ambiti di funzionamento.

Non esiste pertanto un’unica misura di efficacia personale adatta a tutto. Le convinzioni di efficacia, infatti, sono sempre relative a forme di essere specifiche. La specificità è un elemento che contraddistingue le autovalutazioni che si riferiscono alle proprie convinzioni di efficacia. Una determinata persona sarebbe auspicabile che “fosse parimenti efficace dovunque e comunque, come studente, figlio, padre, sposo, amico, collega o paziente, nel gestire i propri affetti positivi e negativi e le proprie relazioni, ma ciò non corrisponde a quanto avviene in realtà” (Caprara, 2001, p.10).

È lecito pensare che le persone nutrano convinzioni di efficacia simili per attività che dipendono da abilità simili ed è lecito pensare anche che la convinzione di riuscire in un determinato ambito possa facilitare il rendimento in attività simili in ambiti contigui. È anche da tenere presente, però, che più si allarga la sfera delle attività alle quali si riferisce un giudizio di efficacia personale, tanto meno si può fare affidamento su tale giudizio in merito alla previsione del comportamento specifica prodotto in un determinato ambito.
Per questo vanno costruite scale che siano capaci di valutare le convinzioni di autoefficacia che le persone hanno di saper dominare le attività, le relazioni e le sfide che effettivamente connotano gli specifici ambiti in cui operano. (Caprara, 2001).

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'autoefficacia nello sport

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Walter Tabbi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marinella Paciello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sport
efficacia
autoefficacia
basket
psicologia dello sport
coaching
bandura
misurazione autoefficacia sport
psicologia positiva
sociocognitiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi