Skip to content

La produzione di rifiuti, gli sprechi alimentari e le possibili soluzioni: il Progetto No Waste a Reggio Emilia

Gli impatti degli sprechi alimentari

Un impatto è definito come un urto che avviene in modo brusco, considerato in relazione agli effetti che se ne possono risentire. Se prendiamo questa definizione e la colleghiamo agli sprechi alimentari si intuisce come le ripercussioni a questo problema possano avere effetti notevoli data la natura dei beni e delle risorse impiegate, la grandezza e l’importanza del fenomeno stesso. Gli impatti degli sprechi alimentari possono essere di tre tipi: ambientali, economici e sociali.

L’impatto ambientale
Per produrre il cibo che consumiamo vengono utilizzate una serie di risorse naturali, come l’acqua o la terra, e vengono dispersi una serie di gas nell’atmosfera, oltre alla produzione di rifiuti qualora questi cibi alla fine non venissero consumati. Per produrre il cibo che non consumiamo vengono utilizzate le stesse risorse e generati i medesimi gas. Generare sprechi alimentari gettando il cibo nell’immondizia equivale quindi a gettare anche tutte quelle risorse utilizzate inutilmente.

Ogni alimento che arriva sulle nostre tavole è il frutto di un viaggio lungo tutta la filiera agroalimentare. «Questo lungo viaggio from cradle to grave (dalla culla alla tomba) comporta un consumo di risorse, lavoro e conseguenti emissioni di gas serra. Considerando un alimento lungo tutto il suo ciclo di vita, quindi, si dovrà tenere conto anche dell’acqua, dell’energia e delle risorse che sono state consumate, e di conseguenza sprecate, quando questo cibo diventa rifiuto». Per questi motivi, per stimare l’impatto di un alimento sprecato è necessario considerare il suo intero ciclo di vita, tenendo altresì in considerazione gli impatti legati ai passaggi nelle varie fasi (basti pensare all’impatto dato dal trasporto della merce su gomma).
Gli indicatori più importanti che vengono considerati come maggiormente indicativi degli impatti ambientali sono tre:

** Il Carboon footprint (impronta del carbonio) è un indicatore che misura l’impatto che le attività umane hanno sul’ambiente in termini di emissioni di gas serra prodotte nell’intero ciclo di vita di un prodotto. Per la filiera alimentare queste emissioni sono costituite prevalentemente dalla CO2 generata dal consumo dei combustibili fossili, dal metano emesso dalle fermentazioni enteriche dei bovini e dalle emissioni di protossido d’azoto generate dall’utilizzo dei fertilizzanti;

** L’Ecological footprint (impronta ecologica) è un indicatore che misura la quantità di terra o mare biologicamente produttiva necessaria per fornire le risorse (energia e materia) consumate ed assorbire le emissioni e gli scarti associati ad un sistema produttivo. Indica quindi il peso che le persone esercitano sulla Terra, sia direttamente che indirettamente. Le diverse tipologie di territorio considerate sono: terreno agricolo, terreno a pascolo, foreste, area edificata, superficie acquatica e terreno per l’energia. L’unità di misura utilizzata ê l’ettaro globale (gha);

** Il Water footprint (impronta idrica) è un indicatore del consumo di risorse idriche associato alle filiera agroalimentare che misura il volume di acqua dolce utilizzata per produrre i beni consumati dalle persone. Questo consumo non deriva solamente dall’acqua “reale” che utilizziamo per bere e lavarci, ma soprattutto dall’acqua “virtuale”, cioê quella parte di acqua che ê necessaria per produrre il prodotto in questione e che nella maggior parte dei casi non è contenuta nel prodotto finale. Per produrre un kg di carne bovina ad esempio vengono utilizzati più di 15.000 litri d’acqua, per un litro di latte 1.000, per un kg di pane 1.600 litri e così via. Questo indicatore viene scorporato in tre componenti, che rappresentano tre diversi utilizzi dell’acqua: verde, l’acqua evaporata durante la coltivazione; blu, l’acqua superficiale o sotterranea utilizzata ad esempio per l’irrigazione; grigia, l’acqua inquinata derivante dal processo di produzione. L’unità di misura utilizzata è il m3.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La produzione di rifiuti, gli sprechi alimentari e le possibili soluzioni: il Progetto No Waste a Reggio Emilia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Carpi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Cooperazione e Sviluppo Locale e Internazionale
  Relatore: Andrea Segrè
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 256

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rifiuti
sviluppo sostenibile
waste
life
riduzione rifiuti
sprechi alimentari
food waste
progetto no waste
no waste
riduzione sprechi alimentari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi