Skip to content

Fatigue cancro-correlata: questioni e aspetti del piano di assistenza infermieristica

Cause di fatigue legate al trattamento del cancro

Quelli finora elencati sono i determinanti di fatigue direttamente correlati alla presenza del tumore. Parallelamente, questo sintomo è un effetto avverso dei trattamenti per il cancro: vari studi hanno registrato la prevalenza di fatigue nei pazienti in trattamento con antiblastici, ormoni, immunomodulatori e radiazioni. Nel caso di trattamento con farmaci la percentuale è del 75-90%, mentre sfiora il 60% quella dei pazienti sottoposti a radioterapia che la riferiscono.

Il problema risiede nel fatto che questi due approcci terapeutici sono tossici anche per le cellule normali, in particolare quelle a più rapido rinnovamento, che sono quelle del midollo osseo, della cute e delle mucose.
Per questo motivo, prima conseguenza quasi obbligata di queste terapie è la mielodepressione, cioè l’inibizione delle cellule del midollo osseo deputate alla formazione di globuli rossi (anemia), globuli bianchi (granulocitopenia) e piastrine (piastrinopenia).

La mancanza di globuli rossi, e quindi di emoglobina (anemia) non permette di erogare ai tessuti il giusto quantitativo di ossigeno, elemento di fondamentale importanza che serve a ogni cellula del nostro organismo per svolgere la sua funzione: ne deriva un deficit che colpisce soprattutto gli organi ad alta richiesta di ossigeno, ossia gli organi vitali e i muscoli. La diminuita capacità di contrazione di questi ultimi determina il quadro di astenia. La carenza di leucociti, che sono le principali cellule deputate alla funzione immunitaria, espone a un elevato rischio di infezioni, che sono un altro fattore causante ipermetabolismo e quindi aumentato consumo di energia. Infine la carenza di piastrine, frammenti di cellule preposte alla coagulazione del sangue, non consente l’adeguato tamponamento anche nei casi di piccole emorragie: se tale eventualità non viene rinvenuta o risolta in poco tempo, si arriva presto all’anemia da perdita di eritrociti.

Si è detto che, oltre al midollo osseo, altre cellule a rapido ricambio sono quelle della cute e delle mucose. A questi livelli, nei soggetti sottoposti a terapia si possono verificare delle irritazioni, che possono condurre ad altri problemi che, seppur lievemente, limitano il livello di energia:
- Mucose del tratto digerente alto: nausea, vomito, stomatite e mucosite (infiammazioni della bocca e della gola), che possono causare inappetenza, alterazione del gusto e conseguente malnutrizione;
- Mucose del tratto digerente basso: diarrea, che può condurre a disidratazione;
- Cute: rash cutaneo (lesioni che si possono manifestare in tutta la superficie corporea), che in un numero di casi ristretto ma non trascurabile provoca un prurito così fastidioso da interferire negativamente con la qualità del sonno.

Un ruolo fondamentale nella comparsa di fatigue, sia direttamente derivata dal cancro, sia conseguente al suo trattamento, è imputato a un gruppo di molecole endogene o esogene dette “citochine”.

Il loro aumento, provocato dallo stress chirurgico o dalla terapia antiblastica, ormonale e soprattutto immunologica (visto che si tratta di una terapia che prevede l’immissione in circolo proprio di citochine, che potenziano il sistema immunitario), può causare una riduzione del tono muscolare, interferire con il metabolismo degli alimenti o con l’eritropoiesi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fatigue cancro-correlata: questioni e aspetti del piano di assistenza infermieristica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Biagio Leandro Firetto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Maddalena Montesarchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cancro
tumore
assistenza infermieristica
processo di nursing
piano di assistenza
crf
fatigue
intolleranza all'attività
diagnosi infermieristica
statistiche sul cancro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi