Skip to content

Il procedimento sommario di cognizione

L’ordinanza di conversione e i suoi effetti

Qualora il giudice all’esito della sua analisi ritenga la causa suscettibile di un’istruzione non sommaria, ai sensi dell’art. 702-ter, comma 3, c.p.c, dovrà disporre la trasformazione del procedimento in rito ordinario, fissando l’udienza ex art. 183 c.p.c.
In via incidentale, occorre precisare che l’udienza di trattazione che si andrà a celebrare nell’ipotesi di conversione del rito, è un’udienza sui generis.

Invero, molte delle attività prescritte dal legislatore all’art. 183 c.p.c risulteranno essere state già espletate nel corso dell’udienza “sommaria”, pertanto, a detta di alcuni autori, tale momento processuale risulterebbe destinato alla sola richiesta delle parti della concessione dei termini di cui all’art. 183, comma 6, c.p.c.
Parte della dottrina ha quindi ritenuto possibile, al fine di evitare un inutile incombente, che il giudice, nel passare al rito ordinario, “trasformi” seduta stante la “prima udienza sommaria” in udienza di trattazione ex art. 183 c.p.c, svolgendo in quella sede, tutte le relative attività, quindi anche quelle prescritte dal comma 6 della predetta norma.

Tale interpretazione, indubbiamente forza il dato testuale dell’art. 702- ter, comma 3, c.p.c, purtuttavia essa appare in perfetta sintonia con l’esigenza di una celere definizione dell’iter processuale e peraltro, non implica alcuna violazione del principio del contraddittorio con riguardo al diritto di difesa delle parti. A diverse conclusioni, invece, si dovrà giungere laddove il giudice nel convertire il rito, ritenga opportuno rimettere in termini il convenuto, il cui diritto di difesa, nella fattispecie concreta, risulti indebitamente compromesso.

La su esposta ricostruzione finisce con l’attribuire alla rimessione in termini, carattere di eccezionalità, tesi questa che non è condivisa da alcuni uffici giudiziari.
Già i primi orientamenti giurisprudenziali, infatti, propendevano per un’automatica rimessione in termini, ritenendo opportuno che il giudice dovesse concedere al convenuto un termine ex art. 163-bis c.p.c., nonché un termine ex art. 166 c.p.c., per il deposito di una “nuova” comparsa di costituzione, dando per scontato che il “più ristretto termine” di costituzione nella fase sommaria non potesse consentire al resistente la piena formulazione delle eccezioni e delle richieste istruttorie.

In realtà, tale tesi risulta condivisibile solo se si attribuisce alla scelta del procedimento sommario intrinseche connotazioni abusive.
Se è vero, infatti, che i ritmi serrati del rito in esame possono rivelarsi potenzialmente lesivi del diritto di difesa del convenuto nelle controversie “complesse”, è altresì vero che la lite può trasformarsi da “semplice” a “complessa” proprio a seguito delle difese del convenuto, a prescindere da qualsiasi pronostico del ricorrente.
Va inoltre considerato, che stando all’esperienza pratica, il termine minimo di comparizione previsto dall’art. 702-bis c.p.c viene spesso “allungato” dal giudice nel decreto di fissazione della “prima udienza sommaria”.
Pertanto, dottrina maggioritaria ha sostenuto l’opportunità di evitare formalismi e rigidità, in favore di una valutazione sulla necessità della rimessione in termini del convenuto, operata caso per caso da parte del giudice.

Un ultimo aspetto da considerare con riguardo all’ipotesi di conversione del procedimento sommario in rito ordinario attiene proprio alla natura del provvedimento con cui è disposta la conversione medesima.
Trattasi di un’ordinanza espressamente definita dal legislatore “non impugnabile”. Essa, dunque, non è né revocabile né modificabile.
Tanto, induce a ritenere che un eventuale errore di valutazione da parte del giudice in merito alla complessità dell’istruttoria, oltre a non essere suscettibile di alcuna forma di controllo, sarebbe, altresì, irreversibile, dovendosi escludere la possibilità di proporre avverso la stessa, ricorso in Cassazione ex art. 111, comma 7, Cost.
Non può ritenersi vero il contrario: il giudice che abbia optato per l’istruttoria sommaria, infatti, può sempre cambiare idea e passare al rito ordinario.

Invero, può accadere che nel corso dell’istruttoria emerga l’opportunità di compiere accertamenti più approfonditi (come, ad esempio, assumere una testimonianza de relato ai sensi dell’art. 257 c.p.c o la delega di una prova costituenda ad altro giudice, nazionale o straniero e così via), ovvero si verifichino determinati eventi.

In tali casi, la necessità di ricorrere alle forme ordinarie è pressoché assoluta.
In ipotesi di questo tipo, peraltro, non sarà necessario far regredire il procedimento all’udienza ex art. 183 c.p.c potendo esso proseguire nel senso previsto con riferimento allo stato di avanzamento del processo medesimo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il procedimento sommario di cognizione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariangela Tieri
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Specializzazione in Professioni Legali
Anno: 2014
Docente/Relatore: Giuseppe Trisorio Liuzzi
Istituito da: Università degli Studi di Bari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

702 bis
procedimento sommario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi