Skip to content

Il ruolo del discount in Italia durante la recessione: il caso Eurospin

La situazione di Eurospin e le prospettive future

La grande attenzione alle voci di costo e l'adempimento massimale alle scelte dei primi discount tedeschi hanno reso la catena veneta una delle realtà più positive, in questo panorama di crisi del mercato, sia in termini di risultati di gestione che di creazione di vantaggi per clienti ed azionisti.

Considerando il basso pricing dei suoi prodotti, che rende necessario ottenere elevati volumi di vendite, Eurospin ha conseguito costantemente buonissimi livelli di fatturato attestandosi in media sui 2,8 miliardi di euro tra il 2005 e il 2011, con 3,4 miliardi nel 2010 e altrettanti nel 2012 (Cazzani, 2013).

Risulta importante, d'altronde, vedere il contributo che le cinque società controllate dalla holding impegnata nelle attività gestionali (Eurospin Italia S.p.A.) sono riuscite a dare, per ogni area territoriale. Il maggiore fatturato fatto registrare nel 2011 appartiene a Spesa Intelligente S.p.A., società che ricopre tutte le regioni dell'Italia settentrionale, il quale supera il miliardo di euro (http://www.media.larena.it) e che consiste in quasi un terzo del volume di ricavi della catena: la maggior parte dei pdv si concentra nelle zone di Milano e di Verona che sono anche quelle a più alta densità di punti vendita.

Nella restante parte della nazione, è importante il contributo di Eurospin Tirrenica S.p.A (Marche, Umbria, Toscana e Sardegna) con 483 milioni di euro registrati nel 2011 e 16,28 milioni di utili nello stesso anno (www.perugia24ore.it) e di Eurospin Lazio S.p.A., avente una notevolissima densità di pdv nei quartieri di Roma, con circa 790 milioni di ricavato e 25 milioni di profitti (Atlante 5000, 2013)64.

I livelli di fatturato del gruppo Eurospin, nel periodo compreso tra il 2005 e il 2011, hanno fatto segnalare una crescita media annua del 15% (Di Napoli, 2013)65 nonostante, attualmente, sembrano essersi stabilizzati: per l'anno 2013, d'altro canto, ci si attende un incremento dei volumi di vendita, vista l'apertura incessante di nuovi punti vendita, con conseguenti effetti sugli utili.

La redditività del capitale proprio (ROE), che mette in rapporto il reddito netto e il capitale netto, è invece calato dal 30% del periodo 2005-2008 al 21% del periodo 2009-2011 restando comunque superiore a quello della media del settore ed, inoltre, c'è da dire che Eurospin, come quasi tutti gli operatori del settore, ha risentito delle conseguenze della crisi 28 economica se si guardano i dati relativi allo spread tra ROE e Ke (costo teorico del capitale netto) che è sceso dal +28% del 2005 fino a 9% del 2011.

Nonostante negli anni la percentuale di margine commerciale sul fatturato (17% tra il 2005 e il 2011) sia risultata sempre al di sotto della media del settore (22% nello stesso periodo), l'azienda riesce sempre a sopperire a questo svantaggio con i costi di gestione, inferiori alla concorrenza, e con la miglior redditività operativa lorda (MOL), garantita dai grandi volumi del venduto, dai ridotti costi di approvvigionamento e dal contenimento di spesa per il personale. (Di Napoli, 2013).

Questi ultimi elementi costituiscono senza dubbio i punti di forza sui quali l'azienda poggia e dovrà poggiare per generare quei vantaggi competitivi in termini di convenienza e qualità che fanno di Eurospin l'azienda leader nel comparto discount in Italia. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo del discount in Italia durante la recessione: il caso Eurospin

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Mancinelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università per stranieri di Perugia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Francesca Ceccacci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi