Skip to content

La responsabilità del consulente tributario

La disciplina dei reati tributari

Com'è ormai noto, il legislatore memore degli insuccessi derivanti dalla pregressa ed oggi abrogata legge n. 516/1982 c.d. manette agli evasori, è venuto a riformare l'intero impianto sanzionatorio penal-tributario per mezzo del D.lgs. n. 74/2000, emanato in attuazione dell'art.9 della legge n. 205/1999, concernente la "Nuova disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto". Ne derivava così un nuovo sistema, incentrato più che altro sul profilo dell'aggressione al bene protetto e sull'intensità del danno effettivamente prodotto, al fine ultimo di recuperare e valorizzare la funzione di extrema ratio dello stesso diritto penale.
Infatti, l'originaria disciplina, individuava, in modo casistico e dettagliato, un complesso di fattispecie ritenute idonee presuntivamente a ledere l'interesse erariale sotteso alla corretta percezione dei tributi. Tali erano, le c.d. fattispecie prodromiche all'evasione che a loro volta si sostanziavano in "reati ostacolo", ossia reati contravvenzionali di mera condotta e di pericolo astratto, intesi a colpire più che altro l'inosservanza da parte del contribuente di tutti quegli obblighi documentali strumentali, funzionali a consentire agli uffici finanziari la verifica dei redditi o dei ricavi. Dunque, da tale schematica si evince chiaramente l'intento del legislatore originario, di salvaguardare più che altro l'interesse strumentale alla trasparenza fiscale, punendo così il mero e semplice intento evasivo contrariamente a quanto prescritto da quel "canone" essenziale che contraddistingue il nostro diritto penale, ossia il principio di materialità e di offensività.
Dato l'evidente fallimento cui si è andati incontro anche e soprattutto sotto il profilo procedurale, come detto inizialmente è intervenuto il legislatore del 2000 riformando in toto la materia de qua.
Più precisamente con il D.lgs. n. 74/2000, il legislatore ha introdotto un numero ristretto di fattispecie criminose, di natura esclusivamente delittuosa, caratterizzate dal dolo specifico finalizzato ad evadere le imposte, prevedendo con riferimento ad alcuni illeciti di rilevante significato economico determinate soglie limitative di punibilità, al fine di deflazionare il numero dei processi penali. L'asse portante del nuovo sistema punitivo tributario è dato dunque, dai delitti in materia di dichiarazione, come sicuramente quello di dichiarazione fraudolenta, di dichiarazione infedele ed omessa dichiarazione, oltre che da una serie di fattispecie delittuose meramente documentali. Segue poi, anche una specifica disciplina delle rispettive cause di non punibilità oltre che del tentativo, concepito in ordine a specifiche fattispecie criminose.
Rileva in ordine a tale intervento riformistico, sicuramente quell'inversione di tendenza del legislatore nello strutturare il nuovo sistema non più su reati "ostacolo" o di mero pericolo, bensì su reati di danno, mutando così anche l'individuazione del bene giuridico tutelato dalla stessa normativa penaltributaria. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La responsabilità del consulente tributario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Gesualdi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Tinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tributario
diritto tributario
responsabilità
commercialista
consulenza tributario
consulente tributario
voluntary disclousure
international tax planning
pianificazione fiscale aziendale
pianificazione fiscale internazionale aggressiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi