Skip to content

La donna (h)a più facce - La figura della donna nel cinema horror italiano e americano

Emancipate, pericolose e italiane


Anche in Italia è stato possibile riscontrare un'affinità con le teorie americane descritte sopra, dagli anni Settanta la donna italiana è riuscita a emergere su più fronti, riuscendo a ottenere la propria emancipazione e a “staccarsi” dalla figura del maschio dominante, e il cinema è stato un degno mezzo di comunicazione per sottolineare questa evoluzione sociale.
Alla fine degli anni Sessanta i personaggi femminili, fino a questo momento rappresentati in modo schematizzato e ai limiti del macchiettismo, subiranno un'evoluzione atta a fornire una maggiore complessità a livello psicologico e sessuale.
Castelli avvolti dalla nebbia cedono il passo ad ambientazioni urbane del quotidiano, più in sintonia con gli stili e le mode del momento. I mostri che prima si aggiravano fra saloni decadenti lasciano il posto ad assassini che colpiscono senza pietà in moderni appartamenti, lussuose ville e nelle vie centrali delle città più alla moda.

Il motivo di questo cambiamento è forse collegabile al clima sociale, politico e coevo di certi episodi che stanno terrorizzando l'Italia intera, uno fra i primi strage di Piazza Fontana a Milano nel 1969. Il senso di paura e di insicurezza aumenta nelle persone, nessuno è più al sicuro, tutti possono essere vittime.

Il cinema del periodo riesce a trascrivere il disagio della popolazione attraverso molteplici generi, e il giallo riesce a sublimare tutto ciò attraverso la figura del cittadino insospettabile che diventa mostro.
La donna in tutto questo emerge, come si è detto prima, grazie al cambiamento del suo personaggio del cinema dell'orrore. Cambiamento dovuto anche al fatto che in quegli anni l'emancipazione femminile arrivò al suo massimo storico attraverso la legge sul divorzio che trovò massimo appoggio nelle femministe e attiviste impegnate.
Una donna mutata, una donna alla pari con l'uomo, insospettabile, cittadina rispettabile, emancipata e letale. Questa è la ricetta “tipo” di una qualunque assassina nel cinema horror del periodo. Un esempio perfetto ce lo fornisce Nina (Mimsy Farmer), la protagonista di 4 mosche di velluto grigio (Dario Argento, 1971). Ella riesce perfettamente a combinare l'aggressività e la violenza proiettandola sulla figura maschile. Sull'aspetto fisico la si può considerare una Final Girl ante litteram dato che è caratterizzata da una forte androginia fisica. La sua ansietà profonda porta a uccidere chiunque interferisca fra lei e il suo passato, reso travagliato da una figura paterna psicologicamente instabile.

Soffri adesso? Io ho sofferto per anni ed anni. Quel porco di mio padre voleva un maschio. Era un militare, non sopportava l'idea di aver avuto una femmina. Mi faceva vestire da ragazzo e mi picchiava perché imparassi a reagire come un uomo. Poi disse che ero pazza come mia madre, che era morta in casa di cura e mi fece rinchiudere in manicomio. I medici erano maschi, dappertutto maschi. Ma io ho saputo aspettare. Quel maiale di mio padre morì prima che potessi ucciderlo. Quando arrivasti tu, mi parve un miracolo, gli assomigliavi come una goccia d'acqua. Tu sei mio padre!

Il discorso riportato qui sopra, è estratto dalla sequenza finale della pellicola di Argento. Nina, parlando al fidanzato, confessa a quest'ultimo tutto il malessere e l'odio covati nei confronti del padre e per riflesso anche in quelli di tutti gli uomini che ha incontrato, sfociando così in una violenta psicosi sessuale dove la morte viene riconosciuta come unico mezzo di espiazione.
Dopo la rivoluzione sessuale del 1968, è interessante notare come i ruoli sessuali siano diventati sempre più elastici rispetto alle decadi precedenti. A livello politico vengono istituite diverse organizzazioni femministe tra cui il Movimento di Liberazione della Donna (1969), Fronte Italiano di Liberazione Femminile (1970) e la più radicale Rivolta Femminile (1970).

Il maschio viene sempre più visto come attentatore dell'emancipazione femminile e quindi nemico da eliminare.

Nel cinema italiano questi cambiamenti sono stati largamente percepiti. Durante gli anni Settanta si è notato come la figura maschile si sia sempre più diretta verso una concezione sessuale (e talvolta fisica) debole nei confronti della donna, ponendo quest'ultima come identità forte e temuta, i ruoli si stanno pian piano ribaltando. La donna è diventata una leader, scalzando l'uomo.
Il film dell'orrore rende chiara la frustrazione maschile nata dalla liberalizzazione sessuale della donna. La protagonista (Carla Gravina) de L'anticristo (Alberto De Martino, 1974) riesce a fornirci un chiaro esempio, ovvero la trasformazione della figura femminile: da debole e remissiva a sessualmente attiva e mortalmente pericolosa nei confronti del sesso opposto. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La donna (h)a più facce - La figura della donna nel cinema horror italiano e americano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Foschini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Claudio Bisoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donna
cinema horror
giallo
final girl
sesso
cinema dell'orrore
horror cinema
cinema
horror
morte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi