Skip to content

L'economia della felicità: quale equilibrio tra benessere materiale e benessere umano?

Una strada verso la felicità: le relazioni umane

I beni relazionali possono essere un importante strumento per spiegare il paradosso di Easterlin. L'obiettivo è delineare, senza la pretesa di essere esaustiva, i confini di questa nuova categoria economica. Partiamo dall'etimologia del termine relazione. La parola relazione deriva dal latino relatio, relationis che significa rapporto, il portare indietro, contraccambio, rendimento (Vocabolario di latino Campanini – Carboni, 1961, p. 598); quindi religare verbo latino che vuol dire legare insieme. Dunque la relazione può essere definita come il legame che unisce due o più persone.
Ma un legame nasce con l'ascolto, apre all'incontro, si esprime nel dialogo, cresce nella gratuità e si oppone all'indifferenza. In latino la parola incontro è conventus (convenire) ossia il riunirsi di più persone in un luogo.
Essa trova origine dalla divisione in sillabe: in-con-tro. La particella in esprime profondità. Ogni relazione per essere autentica ha bisogno di passare dalla superficie alla profondità e ogni incontro per portare frutto deve avere radici profonde. Con significa insieme. Ogni relazione per essere autentica ha bisogno di due soggetti, il tu e l'io, e ogni incontro per portare frutto deve tenere insieme i soggetti della relazione. L'immagine che esprime l'incontro è l'albero: la terra che accomuna tutte le creature; le radici che si diramano in profondità incrociandosi con altri alberi; il tronco e i rami che si aprono; i frutti, nel tempo della maturità, ci regalano un dono. Gratuità invece è parola greca char, da cui sono nate cháris che vuol dire grazia, favore, generosità ed eucaristia che vuol dire ringraziamento, gratitudine. Gratuità deriva anche dal latino: gratiis che vuol dire senza interesse e gratia che vuol dire benevolenza, cortesia, riconoscenza (Ivi, pp. 288-289). L'immagine che esprime la gratuità è la mano. Nell'iconografia le mani grandi sono il simbolo della carità e della generosità di quelle persone che vivono l'amore gratuito e disinteressato nei confronti degli altri; in alcune culture sono anche il simbolo della gratitudine e del ringraziamento per i doni ricevuti. Ecco perché secondo me una delle più affascinanti spiegazioni del paradosso della felicità è quella fornita da Bruni e Zamagni. "La felicità ha natura paradossale, proprio perché è costitutivamente relazionale: una vita buona non può essere vissuta se non con e grazie agli altri" (Bruni e Zamagni 2004, p. 85). Perché le relazioni genuine ci consentono di uscire dalla solitudine e ci avvicinano alla terra e al creato. L'essere umano è felice se ha amici, se consuma insomma beni relazionali. Il concetto di bene relazionale però è ancora poco noto e poco usato in economia e nelle scienze sociali. I primi a parlarne sono stati Benedetto Gui (1987) e Carole Uhlander (1989), secondo cui "i beni relazionali sono rappresentabili come una particolare forma di beni pubblici locali, la cui condizione essenziale è la reciprocità" (pp. 254-255). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'economia della felicità: quale equilibrio tra benessere materiale e benessere umano?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anna Rita Samale
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Marketing Management
  Relatore: Caterina De Lucia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi