Skip to content

Misure di performance dei fondi di investimento

Introduzione al modello CAPM

Il CAPM è un modello di rischio - rendimento, che permette di determinare il rendimento di un titolo azionario in funzione del suo rischio "non diversificabile".

Secondo tale modello, ad ogni investimento in un certo titolo è associabile un rischio che può essere scomposto in due parti: un rischio caratteristico della specifica società che i titoli rappresentano, il quale può essere eliminato mediante una opportuna attività di diversificazione, ovvero combinando tra loro più titoli in modo tale che il rischio del portafoglio sia inferiore alla somma dei singoli rischi associati alle attività che lo compongono; un rischio "ineliminabile" in quanto sopportato dal sistema economico nel suo complesso, definito appunto rischio sistematico o non diversificabile.

Poiché ogni singolo titolo è correlato, in qualche misura, alla performance del mercato complessivamente considerato, il premio per il rischio di un titolo azionario è calcolabile come il prodotto tra: il premio per il rischio di mercato, vale a dire la differenza tra il rendimento del portafoglio di mercato (rM) e il rendimento dell'attività priva di rischio (rf).

Il Beta (β), è il coefficiente che misura la sensibilità di un singolo titolo al rischio sistematico, il cui valore può essere superiore o inferiore all'unità a seconda che il rendimento del titolo sia superiore o inferiore al rendimento del mercato.

Se tutti usano l'approccio media-varianza per investire, e se tutti hanno lo stesso stimato tasso di rendimento atteso, varianza, e covarianza allora tutti devono investire nello stesso fondo F di assets rischiosi e in assets risk-free.

Perché F è lo stesso per tutti, in equilibrio, F deve corrispondere al portafoglio di mercato M – il portafoglio in cui ogni asset è pesato in base alla porzione totale di mercato capitalizzato.

Questa osservazione è alla base per il Capital Asset Pricing model (CAPM).

Se il portafoglio di mercato M è un portafoglio efficiente di assets rischiosi, segue che la frontiera efficiente nel diagramma (ṝ,Ơ) è una linea retta che si espande dal punto risk-free e passante attraverso il punto rappresentato da M.

Questa linea è la Capital Market Line (CML).

La sua pendenza è chiamata prezzo di mercato del rischio.

Ogni portafoglio efficiente deve trovarsi su questa linea. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Misure di performance dei fondi di investimento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Gazzelloni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Statistiche
  Corso: Scienze Statistiche ed Attuariali
  Relatore: Massimo De Felice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 210

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi