Skip to content

La fiaba: ponte educativo tra l'adulto e il bambino

Fiaba e immaginazione

La fiaba riesce a catturare l'attenzione del bambino proprio perché stimola la sua immaginazione: facoltà fondamentale per il suo sviluppo e percorso formativo. La parola immaginazione viene generalmente pensata in opposizione a ragione e razionalità. Mentre la logica con la sua oggettività ci conduce a verità universali e condivise, «l'immaginazione ci allontana dalla realtà portandoci in un mondo che non esiste. Al realismo dell'una si contrappone, generalmente l'inconsistenza dell'altra».

In realtà, ciò che distingue scienza da immaginario è il campo di applicazione: mentre la prima attraverso la logica, spiega e ordina il reale con regole e leggi, il secondo sviluppa connessioni legate al proprio mondo interiore. «Se la scienza ci consente di dominare la realtà, l'immaginario ci offre l'opportunità di penetrare il senso che anima i nostri vissuti» consentendoci di avviare un percorso di crescita personale. L'immaginazione è quindi importante per dare forma a sensazioni ed emozioni ancora non chiare e definite. Appare quindi come un luogo di creazione di emersione di vissuti che ancora non hanno raggiunto la compiutezza ma che hanno necessità di essere espressi. Da qui l'importanza di potenziare la capacità umana di costruire immagini per conoscersi attraverso di esse.

La relazione con la creazione di immagini, la ritroviamo anche in Aristotele, che accostandola al termine di fantasia (phantasía) ne indicava la derivazione da phàos (luce), collegandola a una rappresentazione mentale di tipo visivo. L'immaginazione è infatti «la facoltà che permette a ognuno di noi di pensare ed elaborare idee attraverso le immagini», esattamente come ci consente di fare la fiaba.
Il filosofo Hegel inoltre, approfondisce il tema fornendo una chiara distinzione tra l'immaginazione e la fantasia. Nonostante siano entrambe «determinazioni dell'intelligenza», la prima è semplicemente riproduttiva, la seconda è invece creatrice.
Così nettamente separati, i due termini servirono per sancire la differenza tra il poeta (artista), capace di fantasia creatrice e l'uomo comune, che utilizza l'immaginazione per scopi puramente pratici.
Ascoltando la fiaba e recependo le immagini che suscita in noi, è quindi possibile ampliare i nostri orizzonti consentendoci di:

«rappresentarci le cose non solo per come esse sono ma anche per come potrebbero essere. Ci permette di esaminare virtualmente un avvenimento ed anticipare le relative reazioni e conseguenze, facilitando la presa di decisione. Certo la realtà è diversa dalla finzione, ma immaginandosela (anticipandola), il bambino (e l'adulto) si prepara ad affrontarla».

La fiaba è dunque il regno dell'immaginazione dove il bambino viene reso libero di fantasticare sui propri sogni e desideri, creando immagini mentali che diano sfogo alle proprie ansie. Occorrerà però far seguire alla narrazione delle proprie fantasie, un percorso di elaborazione personale che rappresenta di fatto, il vero fulcro del lavoro educativo. Senza questo passaggio, la fiaba rimane un puro semplice racconto capace di evocare emozioni ma non necessariamente di educare.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La fiaba: ponte educativo tra l'adulto e il bambino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Dolcetta
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Iusve- istituto universitario salesiano di Venezia
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Lucia Ferraro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 36

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiaba
magia
immaginazione
valore educativo
vladimir propp
personaggi fiaba
come raccontare
luoghi fiaba
origine fiaba
contro la fiaba

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi