Skip to content

Potere, biopolitica e sessualità in ''Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto'' di Elio Petri (Italia, 1970)

La morte di Pinelli e l'affaire Calabresi

Indagine fu inoltre implicato, coinvolto in una coincidenza storica che ha dell'incredibile.
La decisione di Petri di scegliere come protagonista il commissario di un ufficio politico, andò fortuitamente a sovrapporsi alla funesta vicenda che seguì immediatamente la strage di piazza Fontana.

La notte del 15 dicembre 1969 infatti, lo stesso giorno in cui si erano svolti i funerali delle vittime di piazza Fontana, Giuseppe Pinelli, un ferroviere anarchico fermato per gli attentati dei giorni precedenti, precipitò da una finestra del palazzo della questura di Milano. Erano presenti quattro sottoufficiali della di Pubblica sicurezza e un tenente dei carabinieri, ma non Luigi Calabresi, il commissario dell'Ufficio politico che condusse gli interrogatori, e che sarebbe stato subito additato dalla sinistra extraparlamentare – e da una parte consistente dell'opinione pubblica – come il responsabile della morte di Pinelli.
Comunicata pressoché subito dal questore durante una conferenza stampa, la morte di Pinelli venne presentata come suicidio seguito all'ammissione del suo coinvolgimento nell'attentato alla Banca Nazionale dell'Agricoltura.

L'attentato coincide con la fine della lavorazione del film. Ugo Pirro dichiara:

«[…] Il consenso degli spettatori verso il film veniva alimentato dall'indignazione montante per quanto avveniva nella questura di Milano e ovunque. […] A tanta distanza di anni mi chiedo […] come […] fu possibile che in quella situazione pesante, con le piazze occupate dai manifestanti e la polizia in difficoltà, lasciassero circolare Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, ispirato, così sembrava, da quanto accadeva proprio in quei giorni.»

Anche se l'effetto di sovrapposizione è fortuito, la morte di Pinelli legittima un'ulteriore svolta verso unal ettura del film in chiave referenziale, alla ricerca di riferimenti precisi al presente. «Lotta Continua» appoggia il film suggerendo di identificare il commissario di Petri e Pirro con Luigi Calabresi, già ritenuto responsabile della morte di Pinelli.

Petri e Pirro furono peraltro tra i firmatari della famosa lettera aperta sul caso Pinelli, pubblicata suL'Espresso il 13 giugno 1971, a cui settecentocinquantasette personalità del mondo politico e intellettuale italiano aderirono formulando una serie di accuse a persone che avrebbero condizionato, a vario titolo, l'iter processuale in favore del commissario Calabresi. Tra queste persone accusate c'era anche lo stesso magistrato Giovanni Caizzi che un anno prima aveva negato la censura di Indagine e che in seguito indagò sulla morte di Pinelli insieme a Carlo Amati.

Sebbene infatti il film cominci con la dicitura "Ogni riferimento a persone o fatti è puramente casuale", la somiglianza notevole del protagonista con il commissario Calabresi, mai confermata dagli autori, proprio nel momento dell'istruttoria sulla morte dell'anarchico Pinelli, portò ad una richiesta di sequestro della pellicola da parte della questura di Milano, fortunatamente poi invalidata dal giudice. (Per il testo completo si rinvia ai documenti II e III in Appendice).
Come sappiamo però, la storia non perdonò nulla a nessuno: l'anarchico Valpreda fu arrestato per poi essere dichiarato innocente ben dieci anni dopo; il commissario Calabresi fu assassinato da membri di Lotta continua il 17 maggio del 1972; Adriano Sofri, accusato di essere il mandante dell'omicidio, passerà ventidue anni in carcere, nonostante si sia sempre dichiarato innocente. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Potere, biopolitica e sessualità in ''Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto'' di Elio Petri (Italia, 1970)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alice Diacono
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Fabio Martelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sessualità
strategia della tensione
anni di piombo
potere
michel foucault
biopolitica
elio petri
indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospe

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi