Skip to content

Internazionalizzazione dell'industria automobilistica italiana e gli investimenti diretti esteri nei Balcani

La responsabilità sociale dell’impresa multinazionale nell’attuale contesto internazionale

Con l’affermarsi della globalizzazione economica, il peso politico ed economico delle imprese multinazionali è notevolmente accresciuto, comportando dei benefici come la crescita economica e tecnologica dei paesi emergenti in cui operano, ma anche svantaggi, tra cui l’eccessivo sfruttamento delle risorse ambientali, dovuto anche a sistemi politici e giuridici abbastanza permissivi che accettano sui loro territori gli investimenti esteri di tali imprese per stimolare la crescita dell’economia.

Per tale motivo, per le aziende risulta fondamentale costruirsi una solida reputazione in materia di responsabilità sociale, che è una delle chiavi di successo e di affermazione sui mercati internazionali, in cui la competitività si gioca sempre sul terreno delle qualità del prodotto e della filiera produttiva ma anche sulla capacità di comunicare l’attenzione su questi temi.
In risposta alla crisi, a livello europeo e internazionale, sono state, infatti, rilanciate dai governi delle iniziative e strumenti per favorire la condotta responsabile delle imprese, dalla Strategia europea per la responsabilità Sociale delle imprese agli orientamenti Onu e Ocse.

In questo quadro, la strategia del governo italiano pone l’accento sull’importanza del ruolo dell’impresa nella società e sulla gestione responsabile delle attività economiche, grazie alle quali avviene la creazione di valore, a mutuo vantaggio delle imprese, dei cittadini e delle comunità. Questa strategia è stata agevolata da due caratteristiche tipiche delle imprese italiane: la capacità di radicamento e di relazione con il territorio in cui operano e la dimensione sociale in termini di relazioni industriali e impegno sociale. Tali caratteristiche rischiano, però, di deteriorarsi sotto la pressione delle dinamiche internazionali e, per tale motivo, il governo si è adoperato a valorizzarle e sostenerle attraverso azioni strategiche condivise con tutti i portatori di interesse.

Inoltre, oltre ad avere ricadute positive sui lavoratori e sul territorio, un corretto approccio strategico alla responsabilità sociale internazionale comporta anche un vantaggio per la competitività delle imprese, in termini di gestione del rischio, riduzione dei costi, accesso al capitale, relazioni con i clienti, gestione delle risorse umane e capacità di innovazione.
Nel quadro delle politiche nazionali per la crescita e l’occupazione è riconosciuto, dunque, il ruolo della responsabilità sociale internazionale come un elemento qualificante dei processi aziendali e delle produzioni italiane, favorendo la permanenza nel medio – lungo periodo delle imprese sui mercati globali. Infatti, grazie agli elementi essenziali della responsabilità sociale internazionale, come gli investimenti in risorse umane e conoscenze, relazioni industriali, tutela ambientale, rapporti con il territorio ed i portatori di interesse (stakeholders), lotta alla corruzione, il Made in Italy può rafforzarsi e distinguersi sui mercati in tutto il mondo.

Quindi, il governo italiano ha attuato il Piano d’azione nazionale sulla responsabilità sociale d’impresa che si colloca all’interno della rinnovata strategia europea per la RSI “Strategia rinnovata dell’UE per il periodo 2011-2014 in materia di responsabilità sociale delle imprese” e contribuisce alla sua realizzazione. Il piano si fonda su tutto quanto già realizzato a livello nazionale e, valorizzando le nuove pratiche, mira a fornire orientamenti condivisi per le azioni future. Il Piano specifica la necessità di procedere con un’azione sinergica tra le istituzioni, ai diversi livelli settoriali e territoriali. Nella definizione ed attuazione del piano, un’attenzione particolare è dedicata alle piccole e medie imprese, le quali molto spesso non dispongono delle risorse finanziarie e delle conoscenze sufficienti ma sono, comunque, fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi del governo dato che gran parte di esse ha intrapreso generalmente forme leggere di internazionalizzazione della loro produzione.

Riassumendo, il piano di azione si articola nei seguenti obiettivi:

1) Obiettivo A: aumentare la cultura delle responsabilità presso le imprese, i cittadini e le comunità territoriali;

2) Obiettivo B: sostenere le imprese che adottano la RSI;

3) Obiettivo C: contribuire al rafforzamento degli “incentivi di mercato” per la RSI;

4) Obiettivo D: promuovere le iniziative delle imprese sociali, delle organizzazioni del Terzo settore, di cittadinanza attiva e della società civile;

5) Obiettivo E: favorire la trasparenza e la divulgazione delle informazioni economiche, finanziarie, sociali e ambientali.

Per concludere, a partire dal 1992, quando è stata tenuta la ”Conferenza internazionale su Ambiente e Sviluppo”, le imprese multinazionali hanno cominciato ad assumere un ruolo significativo nella creazione e diffusione di normative e standards ambientali. Ciò è avvenuto con l’introduzione di sistemi di gestione ambientale come quelli disciplinati dallo UN Global Compact e con l’adesione alle certificazioni ambientali. In particolare, i problemi ambientali che l’operare delle imprese multinazionali solleva sono essenzialmente tre:

- L’esportazione di prodotti pericolosi, come pesticidi, prodotti farmaceutici e chimici;
- Il trasferimento all’estero di processi di produzione o tecnologie altamente inquinanti, quindi che mettono a rischio la salute e l’ambiente;
- L’acquisizione da parte delle IMN di diritti di proprietà intellettuale su prodotti derivati da piante e animali che si trovano nei PVS destinatari degli investimenti: lo sfruttamento non regolamentato dei prodotti locali, infatti, può provocare danni alla biodiversità del paese.

Come ho già sottolineato precedentemente, questi comportamenti delle IMN possono avvenire grazie alle legislazioni ambientali permissive dei paesi ospitanti, che hanno necessità di attrarre investimenti. Tali paesi vengono, inoltre, indicati con il nome di pollution havens e, di contro, le IMN sono spesso accusate di adottare degli standards ambientali doppi, cioè alti nei paesi avanzati e scarsi nei PVS.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Internazionalizzazione dell'industria automobilistica italiana e gli investimenti diretti esteri nei Balcani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angela Temelkova
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Giovanni Balcet
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi