Skip to content

Inquinamento acustico e stress: il ruolo dell’infermiere di comunità nella promozione della salute e nella prevenzione delle complicanze correlate al disturbo del sonno associato ad annoyance notturno

Conseguenze del sonno disturbato da annoyance notturna

Quando il sonno è continuamente (si potrebbe dire quindi cronicamente) disturbato, si trasforma in una patologia ; viene infatti classificato nell’ICSD-2005 come “malattia ambientale del sonno” (di cui il disturbo del sonno indotto dal rumore è un esempio). Questo viene descritto come un disturbo del sonno a causa di un fattore ambientale che a sua volta causa lamentele sia per insonnia che per eccessiva sonnolenza.

Vi possono però essere anche dei deficit secondari come difficoltà di concentrazione e attenzione, diminuzione della performance, vigilanza ridotta, malessere ed irritabilità. Qualsiasi individuo può presentare tale disturbo ma, chiaramente, bambini, anziani, donne incinte ed in generale persone sotto stress, sono più vulnerabili e sensibili a questa esposizione.

L’esposizione al rumore notturno ha numerose conseguenze sul corpo umano; esso causa effetti uditivi ed extra uditivi, immediati e secondari, acuti o cronici (breve termine o lungo termine). E’ da tener presente che i vari effetti non sono a sé stanti ma sono collegati l’un l’altro.

Informazioni tesi

  Autore: Paola Fiori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Angelo Solimini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi