Skip to content

Ricerche storico-giuridiche sulla Diocesi di Mondovì nel periodo napoleonico

L'arrivo di Mons. Vitale a Mondovì e la sua attività pastorale

I fatti ricordati fino a qui precedettero di pochissimi anni l'ingresso in diocesi di Mons. Vitale. Giacobinismo e giansenismo non vennero più ufficialmente professati, così come fu messo a tacere il clero apertamente antifrancese in quanto ritenute posizioni intollerabili negli anni dell'apoteosi di Napoleone imperatore e della formale conciliazione tra Impero e Chiesa. Senza dubbio, però, le idee considerate meno ortodosse continuarono a rappresentare un riferimento ideale per chi, almeno privatamente, si contrapponeva alla politica ufficiale.

Il clero di Mondovì visse, così, una nuova stagione con parecchie limitazioni e con qualche sicurezza in più, dovute all'applicazione anche in Piemonte delle norme del Concordato del 1801. Molti conventi vennero soppressi con grande clamore dell'intera città dove vi erano ben quattordici comunità religiose, per un totale di centotrenta religiosi, compresi i Cistercensi del Santuario; alcune chiese divennero teatri o luoghi di intrattenimento popolare, ma la diocesi fu salva ed ebbe un nuovo vescovo. Il luogo di devozione più caro ai monregalesi, il Santuario di Vicoforte, venne salvato, anche se non era ancora chiara, al momento, la sua destinazione definitiva. Alcuni documenti relativi alla nuova sede vescovile rivestono una certa importanza e mettono in luce la delicatezza della situazione. Mons. Vitale ricevette dal card. Antonelli, in data 24 dicembre 1803, una lettera in cui veniva invitato ad accettare un nuovo Vescovado dal Primo Console. Il Piemonte era ormai terra francese e le nuove norme del Concordato prevedevano la nomina da parte dello Stato, mentre l'istituzione canonica continuava ad essere concessa dal Papa. La lettera è, in ogni caso, segno che a Roma non vi era alcuna opposizione alla nuova politica ecclesiastica del Primo Console. Il Card. Antonelli, infatti, scriveva così: “Se il Primo Console di Francia nominasse V. S. Ill.ma e Rev.ma a qualche altro Vescovado, non solo il Santo Padre ne sarebbe sommamente contento, ma l'esorta anzi ad accettarlo affinché l'opera sua pastorale e la sua virtù non resti oziosa e nascosta, anzi, quanto più sarà vasta la vigna, che le sarà data a coltivare, tanto più richiederà una mano esperta ed un'indefessa fatica del coltivatore e niuno meglio di lei può assumere questo carico e questa coltivazione”. Mons. Vitale, per il suo comportamento dopo il 1800, sembrò proprio la persona ideale per ricoprire un incarico importante, per il quale si richiedeva un personaggio tranquillo e capace di smussare ogni contrasto. Egli poté, quindi, diventare il primo e sarà anche l'unico, vescovo monregalese di Francia.

L'assicurazione che la diocesi sarebbe sopravvissuta venne da una lettera del vescovo di Amiens, Mons. Villaret, incaricato dell'applicazione del decreto di soppressione delle diocesi ai dignitari e canonici del Capitolo della cattedrale. Nella lettera, in data 12 maggio 1804, si informò che Napoleone “a reconnu, comme moi, que les intérets de la religion sollicitoient puissement la conservation du siège episcopal dans votre ville”. Naturalmente, ogni concessione ebbe il suo prezzo: “Un si éclatant témoignage de l'affection et du zèle du Chef de l'état, sera pour le clergé de Mondovì un nouveau motif d'adresser pour Lui au Ciel les voeux les plus ardents, de se pénétrer envers son Auguste Personne de la plus juste reconnaissance, et de se appliquer avec un zèle particulier à inspirer à tous les habitants du département de la Stura les sentiments du respect, de soumission et d'attachement, qui sont si légitimement dus ò celui, qui vient de leur procurer le plus précieux bienfait”.

Lo storico Danna, una cinquantina d'anni dopo i fatti, scrisse che “se Napoleone conservò la sede vescovile di Mondovì la quale, secondo la legge doveva venire con altre soppressa, vuolsi senza dubbio ripetere dell'essersi accertato, per mezzo del vescovo di Amiens, che i sacerdoti mondoviti abborrivano dalla servilità invereconda ugualmente che dalle ostinate temperanze”. In realtà, dalla lettura dei fatti e dei documenti che stiamo conducendo, si può più coerentemente concludere che la decisione di Napoleone ed anche la scelta del vescovo, siano state ispirate proprio da motivi opposti. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ricerche storico-giuridiche sulla Diocesi di Mondovì nel periodo napoleonico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michela Marchesani
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Enrico Michele Martino Genta Ternavasio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diocesi monregalese
mondovì

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi