Skip to content

La Reputation Online: da strumento a strategia di sviluppo turistico

Il Passaparola

L'evoluzione delle relazioni sociali nel tempo ha messo in evidenza l'influenza esercitata sulle scelte di un individuo dalle opinioni espresse da altri individui ritenuti suoi pari e affidabili per un determinato argomento. Il passaparola (Word-Of-Mouth), infatti, è da sempre uno dei più potenti mezzi di diffusione di un messaggio (positivo o negativo).
Il passaparola online è la migliore strategia di marketing per una struttura ricettiva.
Questo perché la credibilità che un soggetto attribuisce all'opinione o al suggerimento di un suo pari di cui nutre fiducia è di gran lunga maggiore di quella attribuita a un messaggio proveniente dall'azienda. Se, però, nelle relazioni tra persone è fondamentale che ci sia, alla base, un legame di fiducia, la stessa cosa è valida per i rapporti che intercorrono tra i brand e tutti i loro stakeholders. Solo se i consumatori hanno fiducia nel brand, nei suoi prodotti/servizi e nei suoi rappresentanti, saranno propensi a condividere le loro esperienze positive con gli amici.
Offrire la propria opinione a un'altra persona, innescando così un passaparola sull'azienda o sul prodotto, si configura quindi come un'azione spontanea: l'esperienza del prodotto costituisce una forma di capitale sociale per il consumatore che assume maggiore valore quando questi lo mette in comune con altri. Questa fiducia, però, non può essere creata in un unico momento: dev'essere coltivata nel tempo attraverso tutte le micro interazioni con i consumatori e attraverso il mantenimento delle promesse.
L'influenza del word-of-mouth viene potenziata da tutti gli strumenti del social web come travel blog, wiki e forum dedicati, piattaforme di social networking e di geolocalizzazione (come Facebook o Foursquare), piattaforme di social sharing di immagini (Flickr, Pinterest o Instagram) o video (YouTube), o aggregatori di commenti (come Tripadvisor), oppure community di appassionati di viaggi(come virtualtourist.com) o più semplicemente gruppi tematici su Facebook, i quali rendono la diffusione della memoria di viaggio un fattore di rilevanza fondamentale per il turismo.
I social media giocano quindi un doppio ruolo: nella fase post-experience diventano il deposito delle memorie di viaggio individuali, ma, nel contempo, fungono da luoghi di condivisione e confronto delle proprie esperienze con un numero enorme di altri viaggiatori che sono, invece, in fase di ricerca e selezione di offerte e pareri.
Grazie alle recensioni positive che i visitatori lasciano su TripAdvisor e gli altri Social Network è possibile far percepire una elevata qualità del servizio e quindi incrementare l'appetibilità della struttura, rispetto ai concorrenti.
Sono meglio poche recensioni veritiere che tante ma fasulle, un problema questo riscontrato su TripAdvisor motivo per il quale questo è situato al 15° posto e con solo due stelle dalla classifica stilata da Kwikchex che ha comparato vari siti di recensioni; infatti TripAdvisor è riuscito, grazie ai numeri, ad imporsi come uno standard per gli utenti, ma la penetrabilità del sistema di controllo rischia di ledere proprio la sua reputazione. Tra gli altri siti di review possiamo ricordare: "breakfast review": sulle colazioni nel mondo, "sailsquare": per vacanza in barca, "nuok": gruppo di urban reporter che permettono di scoprire luoghi sconosciuti, "frestyl": per eventi musicali, "sonda": per hotel e ristoranti, "lookal": guida per l'Italia, "waway": per viaggi di gruppo.
Misurare il passaparola online permette a un'azienda di conoscere il proprio mercato e i propri consumatori e di pensare ai propri prodotti in modo diverso, nuovo, comprendendo il modo in cui li vedono coloro che li usano.
I social network, blog e Internet hanno un livello di influenza particolarmente elevato: infatti la loro capacità di disconfirmation (ovvero di modificare, fino a cambiare completamente, l'opinione dell'individuo su prodotti e servizi già noti) è generalmente la più alta tra i media oggetto della rilevazione. Infatti otto milioni di consumatori italiani hanno dichiarato di modificare le loro scelte di acquisto a seguito delle informazioni recuperate attraverso i social media, 15 milioni si fidano pienamente dei giudizi su prodotti e servizi espressi nei blog e nei forum, e 12 milioni danno molta credibilità alle informazioni riportate sui social network. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Reputation Online: da strumento a strategia di sviluppo turistico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Lisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Sviluppo Territoriale
  Relatore: Stefano Soglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing
turismo
reputation online
online travel agency

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi