Skip to content

Il verbo russo: l'aspetto verbale nella prospettiva didattica

La pragmatica nella didattica dell'aspetto

La pragmatica può essere definita come “lo studio degli aspetti del linguaggio che dipendono dal contesto, come lo studio dei principi d'uso e comprensione della lingua che esulano dalle conoscenze linguistiche puramente strutturali (fonologiche, morfologiche, sintattiche, lessicali), come lo studio delle capacità dei parlanti di usare il linguaggio per comunicare più di quanto essi effettivamente dicono”. Nel caso specifico dell'aspetto verbale, il livello pragmatico del linguaggio è da prendere in considerazione per rendere conto del funzionamento dell'aspetto slavo in maniera adeguata, dal momento che un'analisi attenta e mirata di fattori come la forza illocutiva, il punto di vista o la distribuzione dell'informazione nella frase, può essere determinante nel contribuire alla creazione e definizione dei cosiddetti contesti situazionali, vale a dire quell'insieme di criteri su cui è possibile basare la scelta tra perfettivo e imperfettivo anche nelle situazioni definite “extralinguistiche”. L'importanza del contesto nell'apprendimento e nella realizzazione della concorrenza aspettuale emerge da numerosi studi linguistici, tra cui lo storico articolo di R. Jakobson Shifters, verbal categories and the Russian verb del 1957, dove l'attenzione riservata alla contestualizzazione di ciascun enunciato comincia ad assumere un'importanza sempre maggiore, che guida all'introduzione del concetto di shifters, ovvero quegli elementi linguistici la cui interpretazione è influenzata dal contesto situazionale del discorso. Allo stesso modo, linguisti come A.M. Lomov o K.A. Sokołowska ritengono che il significato specifico di ciascun aspetto si realizzi solamente grazie al contesto e che, di conseguenza, limitarsi a definire il perfettivo e l'imperfettivo nei termini opposti di evento compiuto e evento in corso risulti fin troppo generico, giacché, come sappiamo, la compiutezza dell'azione può esprimersi per mezzo di entrambi gli aspetti. 
 Nei manuali analizzati nel paragrafo precedente, lo spazio riservato all'acquisizione della competenza comunicativa è praticamente nullo, fatta eccezione per il volume di A.A. Karavanov Vidy russkogo glagola (2003), in cui il riferimento ai modusnye značenja e alla soggettività del loro significato occupa una minima parte. Le difficoltà riscontrate dagli apprendenti nell'utilizzo concreto degli aspetti verbali, perciò, non sono altro che il risultato dell'insufficiente quantità di informazioni fornite a proposito dell'influenza del contesto discorsivo nella scelta aspettuale: l'utilizzo degli imperfettivi per esprimere fatti compiuti (obščefaktičeskoe značenie), ad esempio, costituisce per gli stranieri uno dei problemi più spinosi, dal momento che presuppone “una capacità di capire la complessità del contesto e una competenza narrativa (misurata dalla capacità di collegare gli eventi tra loro)” che è scarsamente esercitata nelle grammatiche e nei manuali delle lingue slave L2. L'influenza del contesto, infatti, è evidente in misura maggiore nella semantica dell'imperfettivo, in quanto il suo impiego ricorre nella descrizione di situazioni così distanti (dagli eventi in corso o abituali a quelli compiuti o incompiuti), che K.A. Sokołowska in uno dei suoi lavori ipotizzò come principale differenza tra i due aspetti proprio il grado di influenza del contesto, affermando che “il significato del perfettivo «varia», mentre quello dell'imperfettivo «si differenzia»”. 
In relazione al significato generale-fattivo, Vinnitckaja e Wexler sottolineano come “l'informazione data, presupposta, venga realizzata mediante l'uso degli imperfettivi, mentre l'informazione nuova, asserita, riguardante le azioni compiute, sia veicolata dalle forme perfettive dei verbi”. Per chiarire il concetto, applichiamo questa norma all'esempio che segue:

(50) Ja ne mogu učitsja, golova bolit. 

- Tebe dat' aspirin? (P.)

It.: Non riesco a studiare, mi fa male la testa. 

- Vuoi un'aspirina?

(51) Ne znaju. Voobše-to ja protiv medikamentov. 

- Tak vse-taki: davat' ili ne davat'? (I.) 

It.: Non lo so. In genere sono contrario ai medicinali. 

- Allora: la vuoi o no?

Il dialogo risulta essere diviso in due parti: in (50), ricorre l'infinito perfettivo del verbo dat' “dare”, mentre in (51) troviamo l'imperfettivo corrispondente, davat'. Il diverso impiego dei due aspetti, secondo quanto sopra riportato, dipende dal grado di notorietà delle informazioni fornite, per cui il perfettivo in (50) introduce una nuova informazione, il rema, mentre l'imperfettivo in (51) riprende un'informazione già nota, il tema: limitandoci a questo, potremmo immediatamente concludere che nelle frasi che costituiscono il rema l'aspetto da utilizzare sia quello perfettivo, mentre in quelle che costituiscono il tema sia obbligatorio l'aspetto opposto. Tuttavia, casi come questo non ammettono l'esistenza di una regola precisa ed universale in quanto, sebbene l'utilizzo dell'imperfettivo nel rema non sia grammaticalmente possibile, l'informazione contenuta in (51) potrebbe essere resa anche per mezzo del perfettivo, nel caso in cui la domanda fosse formulata con più insistenza o in maniera categorica. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il verbo russo: l'aspetto verbale nella prospettiva didattica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giusy Cianciulli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Viktoria Lazareva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguistica
verbo
verbo russo
lingua russa вид глагола
linguistica slava
русский язык
didattica
aspetto verbale
совершенный вид несовершенный вид
aspetto imperfettivo aspetto perfettivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi