Skip to content

Maternità e bias percettivi: uno studio pilota sulla percezione degli stimoli visivi nelle madri

Baby blues, depressione postnatale e psicosi puerperale

Per quanto la nascita di un bambino rappresenti uno dei momenti più belli della vita di una donna, rimane comunque un periodo particolarmente critico in cui la madre è molto vulnerabile e può sviluppare sintomi depressivi.
Le stime (Monti, Agostini, 2006) riportano che una percentuale che varia dal 30 all'85% delle neomamme è a rischio di sviluppare una condizione depressiva transitoria nei giorni successivi al parto, chiamata maternity blues. Si tratta di una sindrome caratterizzata da sintomi ansiosi e tono dell'umore decalato e che tende a regredire autonomamente entro il primo mese di vita del bambino.
Diverso è invece il caso della depressione postpartum, una condizione psichiatrica più severa che coinvolge circa il 15% delle puerpere. Si tratta di un quadro con sintomi completamente assimilabili a quelli classici del disturbo depressivo ad eccezione del periodo d'insorgenza, che in questo caso è direttamente riconducibile all'evento del parto (Jesse e Graham, 2005). La sua comparsa può determinare gravi conseguenze sulla vita della donna ed in particolare risulta in grado di compromettere l'interazione madre-bambino, in quanto tali condizioni emotive si riflettono sul comportamento di accudimento.
Il comportamento delle madri che soffrono di depressione postpartum è caratterizzato da passività, minore espressione di affetti positivi e contatto fisico, mancanza di disponibilità emotiva nei confronti del bambino, ridotta capacità nel percepirne i segnali e a rispondervi in modo adeguato e contingente (Murray e Trevarthen, 1983; Field e coll., 1985). Al bambino non viene così fornito il supporto di cui ha bisogno per il suo sviluppo psicofisico e relazionale, tanto che alla Strange Situation i figli di madri depresse mostrano un'alta frequenza di attaccamenti di tipo insicuro (Radke-Yarrow e coll., 1985).
A livello d'interazione verbale, la depressione sembra influenzare la quantità delle parole (Teasdale e coll., 1980), la qualità della voce (Sherer, 1986) e anche la frequenza del contatto oculare (Bellack e coll., 1983) delle madri quando si rivolgono ai propri bambini.
Inoltre, anche i partner delle donne con depressione postnatale mostrano, a lungo andare, maggiori disturbi dell'umore, quali un disturbo d'ansia generalizzato o un episodio di depressione maggiore (Milgrom e McCloud, 1996; Areias e coll., 1996). Risulta quindi chiaro quanto sia importante identificare e diagnosticare tempestivamente la depressione postpartum in modo da limitare il più possibile gli effetti negativi sulla donna e sulla sua famiglia in generale.
La psicosi puerperale si manifesta invece attraverso sintomi affettivi (depressione, mania o stati misti) a cui si associano elementi deliranti: allucinazioni, incoerenza, disorganizzazione del comportamento, confusione mentale. I contenuti dei deliri sono collegati all'esperienza materna e generalmente riguardano la vita e la salute del bambino, che la madre crede compromesse, l'appartenenza del neonato, che la donna crede essere stato scambiato con un altro o, ancora, deliri di negazione dell'esistenza del figlio e della maternità. Dal momento che questa patologia sembra, almeno in parte, biologicamente mediata e che la sintomatologia appare fin da subito piuttosto grave, è richiesto l'intervento di uno psichiatra che valuterà la possibilità di un ricovero o di una terapia farmacologica domiciliare anche al fine di prevenire eventuali agiti aggressivi nei confronti del bambino.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Maternità e bias percettivi: uno studio pilota sulla percezione degli stimoli visivi nelle madri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Berardo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica e di comunità
  Relatore: Rocco Quaglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi