Skip to content

Diffusione e insediamento delle mafie italiane in Europa fra fine XX e inizio XXI secolo

La compenetrazione fra le mafie italiane e la criminalità straniera in Italia

Nella fase di forte espansione all'estero della mafia siciliana, trainata dal suo ruolo predominante nel narcotraffico verso gli USA, le altre organizzazioni di stampo mafioso si erano evolute comunque nella medesima direzione, seguendo la tendenza all'internazionalizzazione della struttura, al seguito dei mercati. Il narcotraffico garantiva introiti talmente elevati che anche le rotte minori e i traffici di secondo piano risultavano di estremo interesse per la 'Ndrangheta, la Camorra, la criminalità pugliese e i gruppi criminali stranieri che iniziarono ad interagire con queste.
Fra la fine degli anni '80 e i primi anni '90, si registrarono infatti i primi importanti contatti fra gruppi criminali di origine straniera, stanziati sul territorio italiano, e la criminalità mafiosa autoctona, il che era emblematico dei grandi processi in corso di apertura dei mercati e di conseguente crescita della mobilità delle persone. É allora che l'Italia diventa, per la prima volta nella storia del '900, meta e territorio di transito di un imponente flusso di immigrazione proveniente dall'area balcanica e dall'Africa centrosettentrionale.
Il fenomeno dell'immigrazione introdusse un enorme mutamento nel contesto sociale italiano, che iniziò così a confrontarsi con comunità straniere di ogni provenienza e cultura. Per la prima volta un Paese storicamente di emigranti, la cui diaspora aveva popolato il mondo di milioni e milioni di persone di origini italiane, si trovò dall'altra parte della barricata, testimone di un'afflusso continuo di persone che spesso non avevano con sè -come tanti emigranti italiani decenni prima- nient'altro che i propri vestiti, e la speranza di una nuova vita in un nuovo, ricco Paese. Questo notevole afflusso di persone generò una reazione difensiva, in un Paese timoroso, tendente all'invecchiamento e che mostrava ampi segnali di rallentamento economico quale era già l'Italia dei primissimi anni '90, dopo la fine del "secondo miracolo economico" che fra l'84 e l'87 aveva fatto sperare ad una possibilità di crescita duratura. Gli anni '90 si aprirono con una profondissima crisi economica, politica, sociale: l'intera struttura partitico-clientelare che aveva gestito il potere negli ultimi decenni crollò su se stessa, portando alla luce una situazione economica nazionale assolutamente drammatica. I sacrifici imposti dalla crisi e la disoccupazione crescente determinarono inevitabilmente forti tensioni e diffidenze, tendenze che alimentarono la ghettizzazione degli stranieri in comunità spesso separate, ai margini dei grandi agglomerati urbani, nelle periferie che avevano vissuto una fortissima espansione edilizia, ma di pessima qualità abitativa.
D'altronde la tendenza alla coesione delle comunità straniere di recente formazione era la reazione naturale in un contesto nuovo, alieno, forse anche ostile; anche gli italiani, da emigranti, avevano reagito così, trovando sicurezza nel rafforzamento della propria identità culturale, etnica, perfino "paesana".
Ma il fenomeno dell'immigrazione, oltre a portare alla luce delle tensioni sociali che sarebbero divenute progressivamente più forti, venne sfruttato, con pieno vantaggio, dalle organizzazioni criminali straniere, spesso già collegate alle mafie italiane da pregresse relazioni criminose. Si verificarono di conseguenza importanti aggiustamenti strutturali nell'economia illegale, ben più reattiva del settore legale, costretto a confrontarsi con le pastoie burocratiche e i "lacci e lacciuoli" della legge. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Diffusione e insediamento delle mafie italiane in Europa fra fine XX e inizio XXI secolo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Leo Cusseau
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Sandro Rogari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riciclaggio
camorra
'ndrangheta
cosa nostra
sacra corona unita
mafie
infiltrazioni mafiose
colonizzazione mafiosa
quarta mafia
espansione mafiosa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi