Skip to content

Oltre Shakespeare: il Lear di Edward Bond

Il terzo atto: Lear e l’ombra di Tolstoj

La ripartizione in atti della rappresentazione, come si è già evidenziato, è funzionale alla resa del messaggio celato nella (ri)scrittura della tragedia shakespeariana. L’adattamento viaggia su binari paralleli rispetto al suo pre-testo fino alla fine del secondo atto. È possibile, cioè, trovare nel percorso evolutivo del personaggio di Lear un preciso riscontro dinamico della vicenda che accomuna le due opere. Quando si giunge al termine del secondo atto, infatti, il Lear bondiano ha preso coscienza di se stesso e dei suoi errori, esattamente come il Lear shakespeariano: ha messo in dubbio il suo concetto di morale e, sprovvisto per la prima volta della sua veste regale, si è trovato a fare i conti con l’umana natura priva di etichette sociali grazie anche al confronto con uomini di umile provenienza. Shakespeare si ferma qui, la crescita morale del suo protagonista non prosegue più in là di così e non trova nessuna risoluzione pratica. Bond va oltre Shakespeare: il terzo atto del Lear ha l’hegeliana funzione di riprendere il filo del discorso laddove secondo l’autore si era bruscamente interrotto, per veicolare i problemi politici sollevati ad una sintesi risolutiva che mira a conciliare la coscienza politica e l’attivismo politico. L’ombra di Lear a questo punto si biforca, a quella del personaggio shakespeariano, la cui funzionalità si è ormai esaurita, si aggiunge l’ombra di Tolstoj. Il legame fra lo scrittore russo e il personaggio del King Lear era stato individuato già nel 1947 da Orwell nel suo saggio “Lear, Tolstoy and the Fool”, scritto in risposta ad un’acida invettiva contro Shakespeare contenuta in un pamphlet datato 1903 del settantacinquenne Tolstoj. Il King Lear è qui preso come esempio atto a dimostrare la mediocrità di Shakespeare come scrittore e l’inutile verbosità dei suoi personaggi privi di anima.
Orwell individua la fonte dell’astio di Tolstoj verso la figura di Lear nella sua inconsapevole identificazione con il personaggio.

There is general resemblance which one can hardly avoid seeing, because the most impressive event in Tolstoy’s life, as in Lear’s, was a huge and gratuitous act of renunciation. In his old age, he renounced his estate, his escape from his privileged position and live the life of a peasant. But the deeper resemblance lies in the fact that Tolstoy, like Lear, acted on mistaken motives and failed to get the results he had hoped for. According to Tolstoy, the aim of every human being is happiness, and happiness can only be attained by doing the will of God. But doing the will of God means casting off all earthly pleasures and ambitions, and living only for others. Ultimately, therefore, Tolstoy renounced the world under the expectation that this would make him happier. But if there is one thing certain about his later years, it is that he was not happy. On the contrary he was driven almost to the edge of madness by the behaviour of the people about him, who persecuted him precisely because of his renunciation. Like Lear, Tolstoy was not humble and not a good judge of character. […] And though Tolstoy could not foresee it when he wrote his essay on Shakespeare, even the ending of his life – the sudden unplanned flight across country, accompanied only by a faithful daughter, the death in a cottage in a strange village – seems to have in it a sort of phantom reminiscence of Lear.

A bene vedere l’atto di rinuncia che Tolstoj si autoimpone non ha lo stesso valore se posto di fronte ad occhi laici. La rinuncia di fama, titoli nobiliari e ricchezze, l’abolizione della violenza in ogni sua qualsivoglia forma non implica l’abolizione del principio di coercizione e il superamento dell’appetito per il potere. Orwell ribadisce che in questi casi “they have done no more than exchange one form of egoism for another”. Questo è vero anche nel caso di Lear che rinuncia al trono ma si aspetta che tutti continuino a trattarlo come un re. La sua follia si compone di due elementi legati a questo fatto: il trovarsi per la prima volta nella sua vita uomo fra gli uomini, e la rabbia verso coloro che lo hanno trattato duramente. Il suo grande atto di rinuncia, come quello di Tolstoj, perde di valore perché è compiuto nell’errata previsione di una ricompensa più grande della rinuncia stessa. La “ricompensa” sul palcoscenico bondiano è data in pasto ai maiali. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Oltre Shakespeare: il Lear di Edward Bond

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Pasqualini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Fernando Cioni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi