Skip to content

Critica del soggetto finito e costruzione dell'Assoluto nella "Fenomenologia dello Spirito" di Hegel: l'odissea della coscienza

La coscienza infelice

La figura della coscienza infelice è l'ultima dell'importantissimo momento dell' "Autocoscienza" ed è storicamente collocata da Hegel nel Medioevo; qui la coscienza è però consapevole della sua "infelicità", della sua scissione, e questo ribadisce l'importanza della "negazione determinata", filo conduttore dell'intera ultima opera del giovane Hegel.
La scissione, presente nello scetticismo, tra una coscienza immutabile ed una mutevole, diviene esplicita (o "per sé") nella figura della coscienza infelice ed assume la forma di una separazione radicale tra l'uomo e Dio.
Tale separazione si manifesta dapprima sotto forma di un'antitesi fra l' "intrasmutabile" ed il "trasmutabile".
È questa la situazione propria dell'ebraismo, nella quale l'essenza, l'Assoluto, la realtà vera è sentita come lontana dalla coscienza ed assume le sembianze di un Dio trascendente padrone assoluto della vita e della morte, ovvero di un Signore inaccessibile di fronte al quale l'uomo si trova in uno stato di dipendenza.
Si consideri, in proposito, che il giovane Hegel aveva già fortemente accusato la religione ebraica di eteronomia e di scissione negli Scritti teologici giovanili.
Come si può notare, la coscienza infelice ebraica rappresenta la traduzione, in chiave religiosa, della situazione sociale espressa dal rapporto servo-padrone.
Nel secondo momento il trasmutabile assume la figura di un Dio incarnato.
È questa la situazione propria del cristianesimo medievale, il quale, anziché considerare Dio come un Padre o un giudice lontano, lo prospetta sotto forma di una realtà "effettuale".
Tuttavia, la pretesa di cogliere l'Assoluto in una presenza particolare e sensibile è destinata al fallimento. Fallimento di cui sono un simbolo eloquente le crociate, nelle quali l'inquieta ricerca di Dio si conclude con la conquista di un "sepolcro vuoto".
Inoltre Cristo, di fronte alla coscienza, continua a rimanere qualcosa di diverso e di separato.
Tanto più che egli, come Dio trascendente, esprime pur sempre "il momento dell'aldilà" e, come Dio incarnato, vissuto in uno specifico ed irripetibile periodo storico, risulta pur sempre, per i posteri, inevitabilmente lontano.
Scrive in proposito Hegel:
"Accade necessariamente ch'esso sia dileguato nel tempo e nello spazio, e che sia stato lungi e senz'altro lungi rimanga".
Di conseguenza, con il cristianesimo la coscienza continua ad essere "infelice" e Dio continua a configurarsi come un "irraggiungibile al di là che sfugge", anzi, che è "già sfuggito nell'atto in cui si tenta d'afferrarlo".
Manifestazioni di questa infelicità cristiano-medievale sono le "sotto-figure" della devozione, del fare e della mortificazione di sé.
La devozione è quel pensiero a sfondo sentimentale e religioso che non si è ancora elevato al concetto (e quindi alla coscienza speculativa dell'unità tra finito ed infinito).
In altri termini, come scrive Hegel in una sorta di prosa poetica volta a ricreare certa "atmosfera" medievale dalle tinte romantiche, il pensare della devozione "resta un vago brusio di campane o una calda nebulosità, un pensare musicale che non arriva al concetto".
Il fare o l'operare della coscienza pia è il momento in cui la coscienza, rinunciando ad un contatto immediato con Dio, cerca di esprimersi nell'appetito e nel lavoro.
Tuttavia la coscienza cristiana non può fare a meno di avvertire il frutto del proprio lavoro come un dono di Dio.
Anzi, essa avverte come dono di Dio anche le proprie forze e le proprie capacità, che le sembrano concesse dall'alto "affinché ne faccia uso".
In tal modo essa si umilia e riconosce che chi agisce è soltanto Dio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Critica del soggetto finito e costruzione dell'Assoluto nella "Fenomenologia dello Spirito" di Hegel: l'odissea della coscienza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Martini
  Tipo: Tesi di Master
Master in Perfezionamento o Master di I livello in Filosofia
Anno: 2013
Docente/Relatore: Michela Bartolomucci
Istituito da: Consorzio Interuniversitario europeo "For.com."
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

coscienza
hegel
ragione
sapere
spirito
servitù
odissea
assoluto
calvario
signoria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi