Skip to content

L'evoluzione della finanza etica: dai Monti di Pietà al microcredito oggi

I Monti di Pietà nell’età moderna: l’area emiliano – romagnola

Ad oggi, tracciare la precisa evoluzione dei Monti di Pietà tra il tardo Cinquecento e la fine del Settecento risulta notevolmente complicato. Bisogna infatti tener presente che le diverse situazioni in cui si trovavano le città in cui furono fondati influirono non poco sul percorso successivo alla formazione. Tuttavia quanto appena affermato non ci impedisce di delineare alcune tendenze generali circa l'evoluzione dei Monti in età moderna. Per farlo prendiamo in esame la zona emiliano – romagnola caratterizzata nel corso dell'età moderna da una grande articolazione di assetti politico – istituzionali in grado di influenzare diversamente l'evoluzione delle diverse istituzioni socio – economiche.
Tra Cinque e Seicento nella zona presa in esame sono presenti diversi Monti di Pietà che però nascono in due ondate temporali distinte. La prima è quella del Quattrocento che si sviluppa grazie alla veemente predicazione dei Minori Osservanti e coincide con la fondazione di questi enti nei centri maggiori della regione disposti sulla via Emilia. La seconda ondata si registra a partire dagli anni Trenta del Cinquecento e coinvolge i centri urbani minori e la comunità rurale della pianura emiliana. Rispetto alla precedente questa seconda fase dipende molto più da fattori economici ed istituzionali. Come conseguenza di queste due ondate nei primi anni del XVII secolo possiamo contare poco più di quaranta Monti cui sono da aggiungere altri cinque nati nei primi due decenni del Seicento. La seconda fase, inoltre, fu accompagnata da un progressivo mutamente dei Monti creati nel periodo precedente. L'ammodernamento fu fortemente sostenuto dalle elite patrizie che puntavano al rafforzamento di questi istituti soprattutto dopo che il Concilio di Trento le aveva definite inequivocabilmente pia loca. Si acuiva così la competizione con le gerarchie ecclesiastiche. Questa situazione fu generata soprattutto dal clima culturale della Riforma cattolica e dall'aggravarsi della congiuntura economica. Nell'epoca di Riforma e controriforma la Chiesa, poi, si mosse in maniera tale da eliminare qualsiasi diversità dalle altre confessioni. Vediamo in questo periodo la modifica degli statuti con il fine di consolidare l'amministrazione dei Monti che, nel periodo passato, aveva palesato gravi inefficienze. Molti, infatti, erano stati i casi in cui chi era incaricato della gestione degli enti ne aveva approfittato usando per scopi altri il denaro. Il rafforzamento del governo dei Monti mirava a tutelare il ruolo di erogatori di denaro a tassi di interesse contenuti in un quadro generale che vedeva, invece, l'aumento dei prezzi, soprattutto agricoli. Ne derivò un aumento dell'impegnazione nell'area emiliano – romagnola negli ultimi decenni del Cinquecento che proseguì nel corso del Seicento. Nella seconda metà del XVI secolo solo nel Monte di Bologna, ad esempio, si registrarono circa 60.000 operazioni di impegno.
Ovviamente si resero necessarie delle modifiche per far si che la nuova attività potesse essere sostenuta. Vennero dunque attribuite nuove funzioni che lo fecero diventare il perno del sistema di compensazione locale. Tuttavia l'evoluzione del Monte di Bologna è sostanzialmente anomala in quanto rappresentò il tentativo del Senato cittadino di dotarsi di un organismo potente con cui controllare le turbolenze sociali. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'evoluzione della finanza etica: dai Monti di Pietà al microcredito oggi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Piersantelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Gaetano Sabatini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

casse di risparmio
microcredito
grameen bank
yunus
unicredit foundation
monti di pietà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi