Skip to content

I mercati finanziari: NYSE e NASDAQ a confronto

L’efficienza dei Mercati: Allocativa, Informativa, Operativa

Lo studio dell’efficienza dei mercati si focalizza sui meccanismi di formazione dei prezzi delle attività finanziarie, cioè sullo studio della velocità e della precisione con cui le informazioni hanno effetti positivi o negativi nei prezzi degli strumenti finanziari.

Esistono 3 tipi di efficienza dei mercati:

L’efficienza allocativa: Al mercato finanziario, viene attribuita la funzione primaria di garantire efficienza in ambito di allocazione delle risorse disponibili che devono essere distribuite fra le unità richiedenti. Perché l’allocazione possa definirsi efficiente è necessario che la produttività marginale del capitale sia la stessa per tutte le forme di impiego selezionate in modo che non ci sia convenienza a procedere a una sua riallocazione. Si ha ottimo Paretiano quando non è possibile alcuna riorganizzazione della produzione che migliori le condizioni di tutti. In tale situazione, l'utilità di una persona può essere aumentata soltanto da una diminuzione dell'utilità di qualcun altro; vale a dire che nessuna persona può migliorare la propria condizione senza che qualcun altro peggiori la sua. Affinché l’ipotesi di una efficienza allocativa possa avvenire è necessario che il relativo processo sia incentrato attorno al meccanismo dei prezzi e che, ogni investitore agisca in modo razionale per massimizzare la propria funzione di utilità, tutti i soggetti richiedenti fondi cerchino di dotarsi di una struttura finanziaria ottimale.
Quando si parla di efficienza di mercato tutti i soggetti del medesimo devono essere adeguatamente informati sulle opportunità disponibili e devono essere informati sui prezzi di queste opportunità, infatti tale sistema riveste un ruolo da un lato allocativo facendo affluire risorse dove sono più scarse, da un altro lato determina le quantità scambiabili, assumendo una funzione distributiva.

L’efficienza informativa: Il desiderio dei mercati finanziari è che le informazioni disponibili si riflettano completamente ed istantaneamente nei prezzi che si formano sul mercato, in modo tale da azzerare gli extra profitti. Nei mercati finanziari reali questa caratteristica esisterebbe solo se gli operatori fossero in grado di accedere liberamente, a costo zero, a tutta l’informazione disponibile del mercato. Poiché questa situazione non è realistica, sono state proposte misure del grado di efficienza di un mercato in base al tipo di informazione che viene trasmessa. Si possono definire tre tipi di efficienza:

• efficienza debole
• efficienza semi-forte
• efficienza forte

Ci si trova di fronte ad una manifestazione di efficienza in forma debole qualora i prezzi sul mercato riflettano tutta l’informazione contenuta nella serie storica dei prezzi stessi; con una qualche approssimazione, non è possibile formulare una strategia di trading con un rendimento atteso superiore a quello di mercato basandosi solamente sull’informazione contenuta nella serie storica dei prezzi stessi poiché la valenza, positiva o negativa che sia, è stata già scontata dal mercato.
Il secondo stadio dell’efficienza informativa (efficienza semi-forte) presuppone che le aspettative degli investitori in merito ai rendimenti ed i prezzi futuri si fondino sia sulla serie storica dei prezzi sia su tutta l’informazione di dominio pubblico. Soltanto gli “insider trader” riescono ad avere un vantaggio sfruttando un canale d’accesso privilegiato ad informazioni riservate.
Infine l’ultimo stadio quello dell’efficienza forte presuppone che tutti i prezzi incorporano tutta l’informativa disponibile, storica, pubblica e privata, scambiando valori mobiliari a condizioni vantaggiose. Ma anche in questo caso l’ ”insider trader” avrà sempre una
condizione di accesso ad informazioni privilegiate sfruttabili a proprio vantaggio.

L’efficienza operativa: L’efficienza operativa sussiste quando i mercati funzionano con i più bassi costi di transazione, ci si pone come obiettivo quello di generare condizioni operative per minimizzare costi di transazione e massimizzare condizioni incontro di domanda-offerta. La performance del mercato in questo caso viene stimata sulla base di questi 3 parametri:

• lo spessore
• l’ampiezza
• l’elasticità

Lo spessore di un mercato dipende dalla quantità di ordini di acquisto o vendita basati su prezzi sia superiori che inferiori a quelli correnti, secondo una distribuzione più ampia possibile, tale da impedire variazioni violente dei corsi rispetto ai prezzi di mercato.
Con il termine ampiezza si fa riferimento alla consistenza del volume degli ordini da eseguire. L’elasticità è la caratteristica di un mercato in base alla quale nuovi ordini sono tempestivamente generati a seguito del manifestarsi di fluttuazioni di prezzo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I mercati finanziari: NYSE e NASDAQ a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Flavio Bellitto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Alessandro  Carretta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi