Skip to content

Metodi statistici applicati alla stima del turismo sommerso nel comune di Verona

L'ambiente abituale

La definizione di turismo richiede, per una corretta traduzione operativa, alcuni chiarimenti di ordine semantico, con riferimento al concetto di ambiente abituale.
La definizione di ambiente abituale viene data per la prima volta dall'UNWTO nel 1994 e poi revisionata nel 2008 portando alla seguente:
"L'ambiente abituale è luogo in cui la persona stanzia usualmente, definito come l'area geografica all'interno della quale il soggetto svolge la sua vita consuetudinaria"
Successivamente è stato approvato dal parlamento europeo e dal consiglio, nel 6 Luglio 2011, il regolamento 692/2011, che riporta anche le definizioni che concernono le statistiche europee sul turismo, nel quale l'ambiente abituale viene così definito:
"Lo spazio geografico, seppure non necessariamente contiguo, nel quale una persona conduce la sua normale vita quotidiana, determinato sulla base dei seguenti criteri: l'attraversamento di frontiere amministrative o la distanza dal luogo di residenza abituale, la durata della visita, la frequenza della visita, lo scopo della visita."
Le raccomandazioni dell'UNWTO indicherebbero l'ambiente abituale come l'area che include il luogo di residenza della famiglia a cui appartiene il soggetto, il suo luogo di lavoro, di studio e qualsiasi altro luogo che frequenterebbe con regolarità e frequenza.
Il concetto di ambiente abituale è stato introdotto con l'intento di escludere dal concetto di turismo quei viaggiatori che si spostano regolarmente al di fuori del proprio luogo di residenza per motivi di lavoro, studio, per visitare parenti e amici (quando è implicita una routine) e per altri motivi che implicano spostamenti regolari e frequenti.
Le dimensioni che sicuramente servono a delimitare il concetto di ambiente abituale sono:
- La frequenza degli spostamenti, quando i luoghi vengono visitati con ripetitività, anche se gli stessi sono situati a notevole distanza dal luogo in cui si ha la residenza.
- La distanza tra il luogo di residenza e il luogo raggiunto, quando una località è situata in prossimità del luogo di residenza, anche se viene visitata raramente.
L'ISTAT, recependo i dettami del regolamento 692/2011, stabilisce che i viaggi e le escursioni abituali, quelli effettuati settimanalmente nella stessa località, diversa dal luogo in cui si vive, sono comunque assimilabili all'ambiente abituale e non rientrano nei flussi turistici, infatti nel focus "Viaggi e Vacanze" dell'Indagine sulle spese delle famiglie questi sono considerati nella voce "viaggi abituali".
Sono altresì escluse dalla definizione di turista le persone che si spostano giornalmente o settimanalmente per lavoro, per studio o per motivi personali, che configurano delle attività di routine.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Metodi statistici applicati alla stima del turismo sommerso nel comune di Verona

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Barbarossa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Stefano Federico Tonellato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

statistica
rifiuti solidi urbani
verona
regressione
stima
escursionismo
metodi statistici
escursionisti
variabile proxy
turismo sommerso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi