Skip to content

Analisi e confronto di parametri etologici ed endocrini in esemplari di tigre siberiana (Panthera tigris altaica) mantenuti in ambiente controllato, in diverse condizioni gestionali

Le minacce alla sopravvivenza della tigre siberiana

Oggi la tigre siberiana è ancora minacciata soprattutto da cause di origine antropica (Seidensticker & Lumpkin, 1992). Una delle ragioni che ha contribuito in passato, ma contribuisce ancora oggi, alla diminuzione d’individui è la caccia di frodo effettuata dai bracconieri. Per quanto ci siano controlli più rigorosi per contrastare quest’attività, le tigri siberiane vengono spesso uccise per poter poi immettere sul mercato della medicina tradizionale cinese alcune parti anatomiche dell’animale.

Le ossa triturate e ridotte in polvere vengono utilizzate per produrre medicinali contro disturbi quali flogosi, reumatismi e ulcere gastriche. I genitali dell’animale sono considerati un potente afrodisiaco, l’encefalo una base per preparare un medicinale contro l’acne e gli occhi curerebbero dall’epilessia.

Non esistono oggi come oggi prove scientifiche dell’efficacia nell’uso di queste parti anatomiche per la cura di disturbi e patologie, ma il mercato che si basa su questo tipo di commercio è ancora molto florido (Seidensticker & Lumpkin, 1992).

Nel 1993 è stato vietato in Cina, nella Farmacopea, l’utilizzo di parti anatomiche di questo animale per la preparazione di farmaci (Yeh, 2012). Il fattore di rischio principale che minaccia oggi la tigre siberiana è però da ricercarsi nella frammentazione e distruzione dell’habitat, determinato dalla presenza antropica sempre maggiore nelle zone che ospitano i territori occupati dalla tigre. Qui il disboscamento intensivo va a compromettere il territorio occupato da questo animale (una copertura vegetale fitta è uno dei tre fattori chiave per la sua sopravvivenza, insieme a disponibilità di prede e accesso a fonti d’acqua).

La frammentazione dell’habitat invece contribuisce a separare le diverse sottopopolazioni, che si ritrovano isolate per la mancanza di corridoi ecologici che permettano un contatto tra i differenti animali: questo va a ridurre il pool genetico che caratterizza i singoli gruppi, i quali restano così isolati. Inoltre ciò determina un incremento dell’inbreeding, che può portare all’estinzione delle singole sottopopolazioni (Nowell & Jackson, 1996). Una terza minaccia alla sopravvivenza della tigre siberiana va ricercata nella diminuzione del numero di ungulati presenti sul territorio occupato dall’animale.

La causa di questo ê in larga misura dovuta all’eccessiva pressione venatoria esercitata dall’uomo. Inoltre, esattamente come la tigre, anche gli ungulati risentono del fenomeno della frammentazione dell’habitat, determinato dal disboscamento e dalla progressiva urbanizzazione dei territori.

Questa riduzione di prede per motivi antropici, unita alle morie di ungulati che avvengono durante gli inverni particolarmente rigidi, può spingere questo felide a spostarsi verso insediamenti umani alla ricerca di cibo, determinando così un conflitto diretto con l’uomo. La diminuzione degli ungulati determina inoltre una percezione negativa della tigre da parte delle comunità locali: essa finisce per essere abbattuta dai cacciatori, perché vista come un competitore (Gratwicke et al., 2005).

Assume quindi rilevanza, nell’ottica di un programma di protezione della tigre, monitorare e proteggere le popolazioni di ungulati di cui abitualmente essa si nutre. Al di fuori delle aree protette la tigre siberiana rimane comunque estremamente vulnerabile, considerando anche che solo il 20% del suo areale si trova nelle riserve naturali (Nowell & Jackson, 1996). La vicinanza di questi felidi rispetto alle aree abitate dall’uomo può essere un problema, in quanto si possono verificare casi di abbattimento di bestiame da parte dell’animale o attacchi alle persone, che sfociano così nell’uccisione della specie per opera dell’uomo.

Una soluzione a questo problema prevede la cattura e lo spostamento di esemplari presenti nelle zone a rischio di conflitto umano diretto verso aree protette (Goodrich & Miquelle, 2005).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi e confronto di parametri etologici ed endocrini in esemplari di tigre siberiana (Panthera tigris altaica) mantenuti in ambiente controllato, in diverse condizioni gestionali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Sconfienza
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi
  Corso: Evoluzione del Comportamento Animale e dell'Uomo (ECAU)
  Relatore: Elisabetta Macchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etologia
stress
comportamento
benessere animale
cortisolo
bioparco
tigre
felidae

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi