Skip to content

Lo sviluppo del Turismo come leva economica. Il caso dei distretti turistici della Regione Sicilia

Il nuovo turista contemporaneo e il sistema delle esperienze

Nel nuovo scenario mondiale, il valore per il cliente viene creato offrendo esperienze e non solo beni e servizi.
Il nuovo turista è molto più esigente ed richiede una politica e una gestione delle risorse turistiche innovativa rispetto al passato. Non è più l'offerta che fa il mercato, ma viceversa.
Quello che il nuovo turista cerca è la Total Leisure Experience, cioè una pratica turistica e di tempo libero complessa e diversificata che richiede specializzazione, segmentazione, terziarizzazione, integrazione che solo un sistema di collaborazione pubblico-privato è in grado di offrire.

Il turista richiede l’accoglimento di una molteplicità di bisogni che non possono essere soddisfatti se non ricorrendo all’aggregazione, alle forme di partecipazione e partenariato.
Nella definizione di questa nuova tipologia di turista, è interessante sottolineare la tesi di J.Pine II e J.H. Gilmore che, partendo dall’ipotesi secondo cui la domanda è alla ricerca continua di nuove forme di consumo, emozioni e sensazioni e di maggiori pretese consumistiche, affermano che l’epoca dei sevizi è giunta al termine per lasciare il passo all’economia delle esperienze, piuttosto che beni e servizi.
Le esperienze sono proposte economiche che si differenziano dai servizi tanto quanto i servizi si differenziano dai beni, pur rappresentando anch’essi “prodotti” che possono essere proposti al cliente in maniera isolata o congiuntamente con altri output, sotto forma di pacchetti.

Le esperienze si differenziano perché sono uniche e sono personali, anziché personalizzate e vengono messe in scena, anziché erogate.
Lo scopo è quello di creare “sorprese” e di ampliare la differenza tra quanto il cliente percepisce e quanto si aspetta di ottenere.

Il nuovo modo di concepire il turismo, attraverso la visione dei distretti, che nascono ancora spontaneamente, senza una vera e propria finalizzazione economica e di marketing, e dove gli operatori sono impegnati ad offrire un mix più o meno integrato di beni e servizi, ben si adatta a questo nuovo tipo di domanda. Perché ciò sia possibile è però necessario che l’offerta rimodelli se stessa, che si doti di produttori e venditori di ricordi e che il marketing prenda come punto di riferimento il modello del teatro.
I distretti turistici in quest’ottica devono esser concepiti come un sistema vitale dotato di un organo di governo in Il marketing relazionale totale si discosta dal paradigma classico delle 4 P, lo ingloba al suo interno, e lo indirizza verso un approccio manageriale più ampio ed olistico, che considera il cliente finale come uno dei tanti destinatari dell’azione di marketing e che riconosce che in un organismo, le parti che lo compongono, interagiscono tra loro e ricompongono continuamente l’unità del sistema.

Il marketing relazionale è basato sul network e sulle interazioni: assumono un ruolo parimenti importante il cliente e tutti gli stakeholders coinvolti, si fondono i concetti di marketing e qualità totale, ci si focalizza sia sulla customer satisfaction, sia sul customer service.

Il turismo negli ultimi anni si è trasformato da un fenomeno elitario ad una forma di agire sempre più diffusa, è diventato un bene di cittadinanza delle società industrializzate ma oltre ad aumentare quantitativamente in termini di viaggiatori, sono aumentati comportamenti di consumo turistico e moltiplicate le forme di fruizione del tempo libero.

Il consumatore turistico, attraverso l’esperienza del viaggio, vuole soddisfare una molteplicità di bisogni e per farlo investe tempo, denaro ed energia per ottenere un riequilibrio esistenziale.
Si può parlare di domanda di esperienze che coinvolgono il turista a livello emotivo, fisico, intellettuale, spirituale.
Il modello adottato da Pine e Gilmore è quello degli stati evolutivi della domanda. La domanda del mercato viene saturata da un’offerta sempre più ampia e con costi decrescenti, ma nello stesso tempo si forma una domanda di tipo superiore.

Nel modello preposto si possono osservare:
− Commodity: materiali fungibili estratti dal mondo naturale;
− Beni: manufatti tangibili standardizzati e immagazzinabili;
− Servizi: attività intangibili personalizzate in base alle richieste individuali;
− Esperienze;
− Trasformazioni.

Nel settore turistico, in particolare, si passa dalle esperienze, che sono eventi memorabili che coinvolgono gli individui sul piano personale, alle trasformazioni, che sono cambiamenti individuali ed efficaci, prodotti sull’individuo.
Le imprese possono quindi decidere a quale segmento di domanda riferirsi e quale offerta produrre.

Solitamente nel settore turistico si fa riferimento all’offerta delle esperienze. Gli attori dell’offerta dovranno quindi tenere presente questo modello e la progressione del valore economico, focalizzandosi sul concetto che offerte di ordine superiore generano una maggiore attrattività della domanda. Questo consente l’applicazione di prezzi più alti e offre la possibilità di posizionarsi in maniera più competitiva e differenziata sul mercato scelto. Bisogna offrire output di esperienze, dotati di maggiore valore economico, capaci di generare maggiore valore per i clienti, rispetto ai tradizionali beni o servizi.

Il turista non è più semplice elemento passivo del sistema ma è un attore chiave, attivo, che interagisce e genera dinamiche capaci di creare comunità di turisti con interessi comuni.
Il nuovo approccio non è più col singolo ma col gruppo; il valore dell’esperienza dei singoli è subordinata alla rete di relazioni che l’offerta assicura a tutti i partecipanti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lo sviluppo del Turismo come leva economica. Il caso dei distretti turistici della Regione Sicilia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Lorena Nigro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Antonio Gambino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia italiana
sviluppo economico
destination management
distretti turistici stl sistemi turistici locali
economia del turismo governance
sicilia turismo turista fers 2014 - 2020
sistema delle esperienze
distretti industriali marketing relazionale
isole e arcipelaghi di sicilia
total leisure experience (tle)

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi