Skip to content

Lo scrittore al tempo dei media digitali: il caso di Alessandro Baricco

Un salto nel postmoderno baricchiano

In seguito al monologo teatrale Novecento, Baricco riprende la sua esperienza come giornalista scrivendo tutti i mercoledì in una sua rubrica culturale per il quotidiano La Stampa. Raccoglierà poi gli articoli in due libri pubblicati rispettivamente nel 1995 e nel 1998, ovvero Barnum. Cronache del Grande Show e Barnum 2. Altre cronache del Grande Show, entrambi editi da Feltrinelli. Nel 1996 scrive un testo teatrale, Davila Roa, che va in scena nell’aprile dell’anno seguente al Teatro Argentina di Roma per la regia di Luca Ronconi, venendo ferocemente criticato.

Dopo tre anni, Baricco ritorna alla forma romanzo pubblicando Seta (1996) e soprattutto City (1999), che rappresenta il caso più singolare nella sua opera. Intanto è uno dei pochi romanzi ambientati in un tempo più vicino alla contemporaneità, rispetto alle altre opere in cui la storia viene spesso retrodatata almeno alla prima metà del Novecento.

È particolare anche dal punto di vista editoriale, poiché rappresenta il primo libro italiano il cui lancio sia affidato interamente al web, grazie all’allestimento da parte della Rizzoli di un apposito sito ed un forum lettori. È un dettaglio che ci permette di capire soprattutto come l’editoria in questi anni senta gradualmente il bisogno di provare nuove strategie per evitare il crollo in cui sembra essere caduta.

Dal punto di vista dell’intreccio, invece, City è il risultato di una pluralità di storie all’interno di un’unica narrazione. Le tre principali storie su cui ruotano le altre sono quella di Gould, bambino prodigio destinato al Nobel; quella del pugile Larry, frutto dell’immaginazione dello stesso Gould nel momento in cui è intento a ritirarsi in bagno; l’ultima è quella del potenziale soggetto cinematografico di un western fantasticato dalla badante di Gould, Shatzy Shell.

La tecnica narrativa messa in atto da Baricco è quella di uno stravolgersi repentino di storie che mutano spesso il punto di vista da cui sono raccontate. L’obiettivo è chiaramente quello di creare disorientamento nel lettore. Dando infatti uno sguardo ad un chat con i lettori dello stesso autore, si scopre come Baricco sia conscio della difficoltà che i lettori possano trovare nel testo. Ponendo un confronto con il precedente romanzo afferma che mentre City «è un labirinto», Seta appare più che altro come «una linea».

La volontà di Baricco perciò è quella di creare un patchwork di porzioni irregolari di testo, in cui le storie si intreccino confusamente tra loro. Questa struttura è svelata anche nella Prefazione all’edizione di City del 1999 dove si evince che «Le storie sono quartieri, i personaggi sono strade. Il resto è tempo che passa, voglia di vagabondare e bisogno di guardare».

Oltre al patchwork Baricco sembra provare, in linea con molti degli scrittori contemporanei, la forma del pastiche, elemento caratteristico della letteratura postmoderna. A conferma di ciò si può notare come spesso i brani intrattengano forti rapporti intertestuali con opere di altri autori, a volte citandone tecniche formali a volte operando visibili richiami onomastici. Evidentissimo a questo proposito il nome Taltomar, storpiatura forse del Palomar calviniano. O come non notare l’uso della punteggiatura libero che richiama l’opera di Carlo Emilio Gadda, che pone Baricco quasi come un novello “nipotino dell’ingegnere”, del quale lo scrittore non nasconde l’ammirazione.

In realtà questa vena citazionista era già stata avvertita nei romanzi precedenti e molti critici non avevano esitato a farlo notare. Ne aveva avvistato i tratti tra gli altri Casadei che definisce lo scrittore torinese un «oppositore non trasgressivo», «lettore dei classici», «scrittore-citatore», «autore portato a ritornare sempre su pochi temi [...] di grande impatto».

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lo scrittore al tempo dei media digitali: il caso di Alessandro Baricco

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Mussari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giovanni Ragone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura
mass-media
nuovi media
scrittore
alessandro baricco
media digitali
best-seller
caso baricco
i cannibali
tondelli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi