Skip to content

Correlati psiconeuroendocrinologici della Disforia di Genere

Riassegnazione chirurgica del sesso (RCS)

Una volta che le fasi precedenti sono state affrontate con successo, si può presentare al giudice del Tribunale di residenza la richiesta di autorizzazione agli interventi chirurgici per la riassegnazione del sesso, grazie alla quale sarà anche possibile modificare i dati anagrafici (benchè i tempi burocratici siano piuttosto lunghi).

L’intervento consiste nell’asportazione degli organi genitali primari e secondari e nella ricostruzione degli organi caratteristici dell’altro sesso. L’equipe chirurgica ha il compito di esaminare tutti gli aspetti relativi all’intervento, tra cui le aspettative del paziente e le possibilità di realizzazione, informando costantemente il paziente, in modo che sviluppi delle aspettative realistiche e ottenga, di conseguenza, un buon grado di soddisfazione per i risultati raggiunti. Si tende a privilegiare l’aspetto della salute e della funzionalità, mentre l’aspetto estetico è inizialmente posto in secondo piano.

Nelle MtF l’intervento è demolitivo, con l’asportazione dei testicoli e del pene, e ricostruttivo, con la creazione della neovagina e di genitali esterni il più possibile simile a quelli femminili. L’intervento si struttura nel modo seguente:

- orchiectomia;
- asportazione dei corpi cavernosi e dell’uretra spongiosa;
- preparazione del moncone uretrale e uretrostomia;
- creazione della neovagina;
- formazione delle grandi labbra, delle piccole labbra e del cappuccio clitorideo;
- creazione di un neoclitoride dotato di sensibilità (Dèttore, 2005).

Solitamente l’aspettativa principale è quella di poter praticare il prima possibile il coito vaginale, a tale scopo è possibile utilizzare dilatatori e lubrificanti per “allenare” la neovagina alla penetrazione; i dilatatori possono essere utilizzati anche per contrastare la tendenza del nuovo organo a ridursi di lunghezza e di diametro. In alcuni casi possono essere presenti dispareunia e difficoltà a raggiungere l’orgasmo, che possono dipendere dal fatto che la tecnica chirurgica utilizzata abbia risparmiato o meno le strutture erogene e dalle dimensioni della neovagina. Negli anni, comunque, la percentuale di simili complicanze si è ridotta in maniera significativa, grazie alle innovazioni delle tecniche chirurgiche (Dèttore, 2005).
La ricostruzione chirurgica risulta migliore nelle MtF rispetto agli FtM, considerato che in questi ultimi la tecnica mira alla creazione di un organo prima inesistente.

Anche negli FtM l’intervento prevede una fase demolitiva e una successiva fase di ricostruzione del neofallo. La falloplastica è così strutturata:

- fase demolitiva (mastoplastica riduttiva e isteroannessectomia) e ricostruttiva in un unico tempo chirurgico;
- accettabilità estetica da parte del paziente;
- confezionamento di una neouretra che permetta la minzione in posizione eretta;
- sensibilità tattile ed erogena;
- rigidità sufficiente a permettere la penetrazione vaginale;
- guaribilità con il minimo difetto estetico e funzionale della regione donatrice del tessuto necessario alla costruzione del neofallo (Dèttore, 2005).

L’ultimo punto si riferisce al fatto che le tecniche di falloplastica per il confezionamento del neofallo utilizzano lembi cutanei e sottocutanei di altre zone del corpo (ad es. della parete addominale o dell’avambraccio). Le difficoltà connesse alle aspettative sui rapporti sessuali riguardano la scarsa sensibilità del neofallo, per cui per raggiungere il piacere occorre stimolare altre zone erogene, e la possibilità di penetrazione, per cui può essere necessario l’impianto di una protesi. La creazione del neofallo, però, non rappresenta l’unica opzione: in alternativa, si può ricorrere alla clitoridoplastica e configurare, quindi, il clitoride (già reso ipertrofico dalla terapia ormonale) come un piccolo pene, conservando al tempo stesso la capacità orgasmica fisiologica.

Sono considerati buoni predittori di riuscita dell’intervento fattori quali l’età al momento della richiesta di RCS (l’esito è migliore nel caso in cui il soggetto richiedente abbia massimo 30 anni), la collaborazione del paziente ad attenersi alle prescrizioni dell’equipe multidisciplinare e alle linee guida della WPATH, un adeguato supporto familiare e sociale e, naturalmente, la soddisfazione per i risultati funzionali ed estetici ottenuti (Dèttore, 2005).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Correlati psiconeuroendocrinologici della Disforia di Genere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Maria Falciglia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze della mente
  Relatore: Laura Gianotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

transizione
transessuale
transessualismo
sistema endocrino
disforia di genere
steroidi sessuali
terapia ormonale
ftm

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi