Skip to content

Bilinguismo, educazione, società. Riflessioni sull'apprendimento di una L2

Apprendere una nuova lingua: differenze tra bambino e adulto

In campo glottodidattico, troviamo due ipotesi riguardanti gli studi sulle differenze di apprendimento di una seconda lingua; la prima suppone che la capacità di apprendere una L2 abbia dei limiti temporali, il cosiddetto “periodo critico” o “periodo sensibile” (Penfield, Roberts, 1959; Lenneberg, 1967), il quale coinciderebbe con il periodo di lateralizzazione del cervello umano o con il passaggio dall’infanzia alla pubertà.

Ad esempio tra i 5 e i 7 anni, sono state riscontrate le prime interferenze a livello fonologico, tra la L1 e la L2; mentre prima dei 7 anni, sembra ancora possibile un’acquisizione intuitiva e la competenza nella L2 sarà vicina a quella materna. Entro questo periodo critico, quindi, sarebbe favorevole l’acquisizione del linguaggio; ma superato questo stadio, si andrebbe verso una condizione di declino che peggiora con l’aumentare dell’età.

Contrariamente a Lenneberg e Chomsky (1975), che hanno contributo a rinforzare l’idea del periodo critico; altri autori (Krashen et al, 1979) hanno proposto l’analisi di due aspetti dell’apprendimento di una L2, mettendo a confronto bambino e adulto: 1) il livello di competenza linguistica finale raggiunto in L2 (ultimate attainment); 2) l’andamento, cioè la capacità con la quale si progredisce in ogni singola fase dell’apprendimento (rate).

La ricerca ha evidenziato che entrambi i tipi di discenti proseguono seguendo percorsi simili (route), ciò che cambia sono rate e ultimate attainment. Secondo gli studiosi, gli adulti hanno un’acquisizione più rapida (rate), specialmente nelle prime fasi di acquisizione morfo-sintattica.

Al contrario, i bambini sarebbero al principio più lenti, ma raggiungerebbero un livello di competenza linguistica superiore (ultimate attainment). Ciò conferma quindi la tesi del periodo critico, superato il quale non si potrebbero raggiungere gli stessi livello di competenza pari a quelli dei nativi.

La differenza principale tra bambino e adulto è il luogo di acquisizione (setting); difatti, acquisire una nuova lingua in contesti naturali, quindi con autoctoni e con determinati input linguistici / culturali, sarà totalmente differente rispetto all’apprendimento effettuato in contesti istituzionali, che avviene in un solo setting (classe), con un solo interlocutore (un insegnante di L2, quasi mai madrelingua) e per poche ore d’esposizione (3 ore a settimana circa).

Bisogna però prendere in considerazione il fatto che tali ricerche sull’apprendimento del linguaggio sono stati applicate all’apprendimento di una L2 in contesti naturali, i quali sono stati poi generalizzati, per poter essere applicati all’apprendimento guidato in contesti educativi, al di fuori quindi dell’ambiente naturale.

Se vogliamo svolgere al meglio l’insegnamento istituzionale, bisogna affrontare con Colombo (1982) una certa suddivisione del periodo critico, nelle seguenti cinque fasi: 1) onset (l’età in cui comincia l’esposizione alla lingua; 2) offset (l’età in cui termina il percorso d’istruzione obbligatorio); 3) una componente di maturazione intrinseca; 4) una componente estrinseca; 5) il sistema stesso coinvolto e oggetto di apprendimento.

Per Colombo, onset e offset sono gli aspetti più importanti nell’apprendimento di una L2, poiché il fattore età è attinente agli studi coinvolti nel determinare a quale età sarebbe preferibile iniziare l’apprendimento di una L2 a scuola, sia quanto intensivo deve essere tale studio in base all’età. Neanche qui si è raggiunto un totale accordo, anche se vige il diffuso “the younger, the better”, difatti se i discenti iniziassero ad acquisire la L2 verso la fine del periodo critico, conseguirebbero un livello di sviluppo nella L2 molto basso.

Gli studi generalmente si sono focalizzati più sull’ultimate attainment che sul rate, ovvero sui vantaggi che, seppur limitati nel tempo, tuttavia sembrano persistere. In accordo con Krashen et al. (1979), Muñoz (2006), Singleton e Ryan (2004), “c’è generale concordia nel ritenere che gli apprendenti più adulti acquisiscono più velocemente ed efficientemente dei più giovani nei primi stadi dell’apprendimento, ovvero nel breve termine. (...) Al contrario i più giovani sono più lenti all’inizio, ma arrivano a livelli di competenza simili a quelli di un parlante nativo nel lungo termine.”

Gli adulti, rispetto ai giovani, “sono più abili nell’apprendimento esplicito, meta-linguistico, dichiarativo e analitico e possono fare leva su capacità cognitive e conoscenze enciclopediche più sviluppate” (Dekeyser, 2000, p.335). Però poi perdono l’automatismo nell’apprendimento durante la crescita. Secondo Dekeyser, riguardo invece ai bambini: “da qualche parte tra i 6-7 anni e i 16-17, ciascuno di noi perde il dispositivo mentale richiesto per l’induzione implicita degli schemi astratti che sono alla base del linguaggio umano”.

I bambini quindi hanno dalla loro, il vantaggio di possedere delle capacità induttive rispetto agli adulti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Bilinguismo, educazione, società. Riflessioni sull'apprendimento di una L2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica di Vito
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue nella Società dell'Informazione
  Relatore: Antonio Filippin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi