Skip to content

Il gap tra le società calcistiche europee ed italiane

Il fatturato dei singoli TOP 20

Otto mesi prima del termine della stagione 2013/14 è stata presentata la 18th edizione del “Deloitte Football Money League”. In particolare, la Money League effettua annualmente un’analisi completa, aggiornata e dettagliata delle performance finanziarie dei club calcistici con il più alto fatturato.

Secondo quanto riportato dalle analisi effettuate, per la decima edizione consecutiva il Real Madrid domina la Money League. Tuttavia, vi sono delle novità non poco rilevanti. Il Manchester United , in questa 18th edizione, si presenta insieme al Real Madrid , come l’unico club che ha generato un fatturato superiore ai 500mln di euro.

Numeri abbastanza rilevanti che mettono in risalto un fatturato totale dei TOP 20 pari a 6,2 miliardi di dollari, in crescita di circa il 14% rispetto all’anno precedente. La prima edizione della ricerca avvenne nel 1996/97. Confrontando i risultati estrapolati allora con quelli odierni, si può affermare che i ricavi generati dalle TOP20 sono esattamente quadruplicati. Il settore calcio viene attualmente definito polarizzato, basti pensare che oggi i TOP 20 rappresentano circa il 20% dei ricavi dell’intera industria del calcio. (Deloitte, 2015).

Il Paris-Saint-Germain si presenta come unica squadra francese nella TOP20, occupando il quinto posto con un fatturato di 474,2 milioni di euro. Secondo quanto riportato dal report, il club francese lo scorso anno ha ottenuto la più alta singola fonte di ricavo fino ad ora mai registrata dal Money League (ricavi commerciali per oltre 300 milioni). (Deloitte, 2015)

Ottimi i risultati ottenuti dal Galatasaray, unica squadra appartenente al campionato turco a rientrare tra le TOP20. Per il terzo anno di seguito, il club riesce ad occupare la ventesima posizione. (Deloitte, 2015)
Il Barcellona si posiziona al quarto posto con un fatturato di 484,6. Risultati non soddisfacenti per il club catalano considerando il fatto che per la prima volta, a partire dalla stagione 2007/08, non ottiene il primato; il club spagnolo , nonostante i margini di fatturato estremamente elevanti, nella stagione 2013/14 occupa la posizione più bassa mai ottenuta dal 2004/05. (Deloitte, 2015)
Eccezionale è stata invece la stagione dell’Atletico Madrid che ,vincendo la Liga è riuscito a salire di cinque posizioni , occupando la quindicesima con un fatturato di 169,9 milioni di euro.

Il numero di squadre italiane presenti nella TOP 20 ammonta a 4. Tuttavia, secondo le stime in prospettiva futura effettuate dalla Money League , tale numero è destinato a diminuire. La Juventus FC si classifica prima tra le italiane, ma solo al decimo posto nella TOP20. Secondo quanto riportato dalla Money League, tale fatturato è stato mantenuto a stento dalla società bianconera grazie alla partecipazione alle competizioni europee ed agli introiti generati grazie al possesso di uno stadio di proprietà. Ancora più complicata è la situazione per il Club rossonero, AC Milan, il quale per la prima volta si classifica al dodicesimo posto, restando fuori dalla TOP 10.

Tuttavia, a causa della non partecipazione in competizioni europee nella stagione 2014/15, la sua risalita tra le TOP 10 sarà quasi impossibile da raggiungere nel futuro più prossimo. Risultati migliori, rispetto agli anni precedenti, sono stati quelli ottenuti dal Napoli. Grazie alle buone performance ottenute in campo europeo, il Club entra nei TOP 20 superando l’Fc Internazionale. Quest’ultimo si classifica al diciassettesimo posto, fino ad ora la posizione minore raggiunta. Un declino non indifferente quello italiano, messo in evidenza dalla Money League. Basti pensare che nella stagione 2001/02 il numero di squadre italiane nella TOP10 era pari a cinque e pari a 7 nella TOP20.

I risultati migliori, in termini di fatturato, sono stati quelli ottenuti dalle squadre inglesi. Nella TOP20 sono presenti 8 squadre appartenenti alla Lega Premier. Tale numero, che ammontava a 6 nella scorsa stagione, è aumentato. Una delle ragione di tale incremento di fatturato da parte delle squadri inglesi è stato grazie al buon funzionamento del broadcasting. (Deloitte, 2015)
Così, la Premier League supera tutti. Quest’anno entrano per la prima volta in classifica Newcastel ed Everton. Ma c’è altro, tutte e 20 le squadre appartenenti al campionato inglese rientrano tra le prime 40.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il gap tra le società calcistiche europee ed italiane

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Policastri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Ernesto Paolillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi