Skip to content

Il rapporto con l'alterità nel pensiero di Emanuel Lèvinas

L’etica come filosofia prima, la libertà e la pace

Non risulta difficile capire il concetto di “etica come filosofia prima” dopo aver compreso bene il concetto di elezione da parte del Bene e la responsabilità come quidditas dell’unicità del soggetto. Ciò che è importante precisare prima di giungere alle conclusioni è la visione levinasiana di “etica come filosofia prima” in quanto uscita dall’Essere. Lévinas non vuole stravolgere tutta l’ontologia occidentale, ma, riuscendo a cogliere ciò che maggiormente lo intimorisce, trova un’originale soluzione.

Per Lévinas (e questo è dimostrato da tutta la sua filosofia) la vera paura è l’anonimato, inteso come il “non luogo” dove non vi è unicità. Tutta la filosofia precedente, secondo Lévinas, porta con sé l’ontologia come filosofia prima e, quindi, non riconosce il valore dell’Altro in quanto unico e in quanto “volto” che apre alla trascendenza. Il discorso filosofico, se impostato ontologicamente o teologicamente, porta ad una concezione totalizzante (che riduce il Medesimo e l’Altro alla stessa categoria), nel senso che la molteplicità degli enti, avendo un’origine comune e una dipendenza dall’Essere, rimane legata ad esso e non è costituita da esseri unici e irripetibili. Questi restano all’interno di una “storia già scritta”, dove tutto è finalizzato al “ritorno all’origine”.
In pratica, in questa ottica, l’uomo come ente dipendente dall’Essere non creerà mai nulla di nuovo, poiché tutto è totalità:
«Se il Medesimo si identificasse per semplice opposizione all’Altro, farebbe già parte di una totalità che ingloba il Medesimo e l’Altro. La pretesa del desiderio metafisico dalla quale eravamo partiti –relazione con l’assolutamente Altro- si troverebbe ad essere smentita».

E ancora:
«Il sapere assoluto, così come è stato cercato, promesso o raccomandato dalla filosofia, è un pensiero dell’Uguale. […] Esso consiste proprio nel fare in modo che l’Altro divenga il Medesimo».

Per Lévinas, invece, vi è una possibilità d’uscita, e questa è il dialogo, il linguaggio, l’etica:
«La rottura della totalità non è un’operazione di pensiero […]. Il vuoto che la rompe può mantenersi contro un pensiero, fatalmente totalizzante e sinottico, solo se il pensiero si trova in faccia ad un Altro, refrattario alla categoria. Invece di costituire con esso, come un oggetto, un totale, il pensiero consiste nel parlare. […] Ma dire che l’Altro può restare assolutamente Altro, che entra soltanto nel rapporto del discorso, significa dire che la storia stessa […] non può pretendere di totalizzare il Medesimo e l’Altro».

Non è un caso che Lévinas evidenzi i concetti del “faccia a faccia” e del “parlare”. E’ proprio il dialogo orale, come si è ben notato, che produce la fuoriuscita dall’Essere. Nella relazione personale e irripetibile di un unico con un altro unico, si sfugge alla totalità:
«L’esperienza irriducibile e ultima della relazione […] si trova non nella sintesi, ma nel faccia a faccia degli umani, nella socialità, nella sua significazione morale. […] La moralità non si aggiunge come uno strato secondario […] : la moralità ha una portata indipendente e preliminare. La filosofia prima è un’etica».

Questa affermazione esprime esattamente, in maniera implicita, la responsabilità come origine del soggetto. Si era affermato precedentemente, riguardo la responsabilità, che essa non è un’aggiunta al soggetto, ma che il soggetto è eletto nella responsabilità, e che, in quanto responsabile, esso è soggetto. Ecco perché la moralità non è un’aggiunta al discorso, ma ne è la condizione: la filosofia prima è l’etica. E’ partendo dal rapporto umano che si può parlare dell’Essere, della creazione, del Bene, di Dio.
Un’altra caratteristica propria del soggetto che, però, Lévinas pone in un secondo momento, è la libertà. Infatti si era già affermato che non è la libertà a fare l’uomo, ma la responsabilità.

Di solito si è portati a pensare che la libertà sia proprio l’assenza di responsabilità. In Lévinas, al contrario, ci si trova di fronte ad un soggetto necessariamente responsabile. Ma, se il soggetto è inevitabilmente responsabile, continuamente chiamato a rispondere ad Altri e per Altri, come può essere libero?

Lévinas risponde a questa domanda senza variare minimamente il suo discorso, anzi, rafforzandolo. Si parte dal presupposto che:
«La libertà deve giustificarsi. […] La libertà non si giustifica con la libertà. […] Andare incontro ad Altri significa mettere in questione la mia libertà».

Già in queste brevi affermazioni si nota come la libertà non sia data per scontata, in quanto deve giustificarsi, e non si giustifica con se stessa. Subito dopo Lévinas evidenzia come sia la presenza stessa dell’Altro a metterla in questione, in quanto l’Io non è solo al mondo, ma deve rendere conto ad Altri del suo “posto al sole”.

Poi continua:
«La libertà non si giustifica nella coscienza della certezza, ma in una pretesa infinita nei propri confronti. Ma questa pretesa infinita nei propri confronti –appunto perché mette in questione la mia libertà- mi situa e mi tiene in una situazione in cui non sono solo, in cui sono giudicato. […] Questo giudizio su di me non è pronunciato da un Neutro. […] Nella pretesa infinita che si ha nei propri confronti si produce la dualità del faccia a faccia».

La libertà, dunque, non è mai sottratta al giudizio, che è sempre giudizio dell’Altro, di un uomo, non un giudizio “in generale”. E, quasi assurdamente, la vera libertà si giustifica in questo giudizio che la limita, ovvero la presenza dell’Altro che mi “ri-guarda”. Anche per quanto concerne il concetto di libertà, dunque, Lévinas è riuscito ad essere coerente con la sua filosofia della responsabilità che, apparentemente, dovrebbe negare la libertà stessa.
Concludendo, è opportuno precisare un ultimo concetto strettamente legato al rapporto con l’Alterità nel pensiero di Lévinas: la pace.
Senza entrare in dettagli riguardanti la socialità, che si avvicinano più ad una lettura politica del pensiero del filosofo, è possibile delineare la concezione levinasiana di “pace”. E’, infatti, la pace l’“obiettivo” che si pone nel momento in cui l’oggetto del discorso è il rapporto con l’alterità.

Ciò che è essenziale tenere in considerazione è che, per Lévinas, la pace non è semplicemente l’assenza della guerra, quindi la “quiete” a cui banalmente si pensa. La pace, come tutti i termini fondamentali nel pensiero di Lévinas, è un movimento non afferrabile:
«La pace non può quindi identificarsi con la fine dei combattimenti per mancanza di combattimenti, per la sconfitta degli uni e la vittoria degli altri».

Questa visione, oltre l’ovvia condanna della violenza espressa in termini di “sconfitta” e “vittoria”, nasconde un aspetto ancor più violento, la causa, per Lévinas, della violenza sotto tutti i suoi aspetti: la totalità, la riduzione dell’Io e dell’Altro alla medesima categoria. Nella guerra e nella violenza c’è il non-riconoscimento del volto d’Altri, la riduzione dell’altro essere umano a oggetto, frutto dell’egoismo. Eppure, come si è già accennato precedentemente, l’essere umano, nel commettere omicidio, vuole annullare ciò che si sottrae completamente al potere, e in questo tentativo conferma la trascendenza di ciò che vuole ridurre ad oggetto.
Ma ciò che più conta nel pensiero levinasiano è la personalizzazione del concetto di “pace”, il quale, se espresso in maniera generica rischia di non avverarsi mai:
«La pace deve essere la mia pace, in una relazione che parte da un io e va verso l’Altro, nel desiderio e nella bontà in cui l’io contemporaneamente si mantiene ed esiste senza egoismo».

Si ritrova, in un certo senso, lo stesso concetto che si era affrontato nel tema della responsabilità. L’Io non può permettersi di pensare a ciò che fa l’Altro, poiché questo è “affar suo”, come si era detto. Ogni soggetto, dunque, deve agire nella “sua pace”, senza tener conto di ciò che l’Altro può fare. E’ un movimento gratuito, come gratuita è stata l’elezione da parte del Bene, ed è proprio questo movimento gratuito verso Altri che caratterizza l’uscita dalla totalità, dalla filosofia del potere.
Precisa Lévinas:
«L’unicità dell’unico è l’unicità dell’amato. L’unicità dell’unico significa nell’amore. Da qui la pace come amore. […] Il soggettivo come tale sarebbe precisamente l’apertura […] verso l’unico, verso l’assolutamente altro, attraverso l’amore, la prossimità umana e la pace».

Questa è una delle poche affermazioni di Lévinas nelle quali si parla di “amore”, e non è un caso che sia la pace il tema argomentato. L’amore ci riporta alla persona, dunque il concetto è sempre lo stesso: non si può parlare di pace se non partendo dal singolo soggetto. La responsabilità dell’Io di fronte al volto d’Altri è l’essenza della pace:
«Il volto dell’altro nella sua precarietà e nel suo senza-difesa, è per me al contempo la tentazione di uccidere e l’appello alla pace, il “Tu non ucciderai”. […] La prossimità del prossimo […] è la responsabilità dell’io per un altro, l’impossibilità di lasciarlo solo di fronte al mistero della morte. Che è, concretamente, la capacità di morire per l’altro. La pace con altri giunge fino a questo punto. E’ tutta la gravità dell’amore del prossimo, dell’amore senza concupiscenza».

In questa citazione sono presenti tutti i temi fondamentali del pensiero levinasiano, accomunati dalla pace. Il vertice della pace è la capacità di morire per l’Altro, un amore senza eros, gratuito, senza godimento ed egoismo.

Anche per quanto riguarda il concetto di “pace”, dunque, Lévinas è riuscito impeccabilmente nel non rinunciare alla persona, nel non estendere un termine così comune (e spesso inopportunamente pronunciato) ad un “genere umano”, ma sempre e solo al soggetto in quanto unico, sottoposto al comandamento insito nell’alterità. In riferimento a questo comandamento Lévinas utilizza l’espressione “deve essere” riferendosi alla pace. La pace è “come un dovere”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il rapporto con l'alterità nel pensiero di Emanuel Lèvinas

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Pelullo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Rocco Ronchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi