Skip to content

Le TIC: uno strumento per facilitare l'accesso e la condivisione di informazioni nello sviluppo dell'agricoltura: Caso del Perù.

Il divario digitale in ambito rurale

Sono molti nella comunità internazionale, a credere nel potenziale delle TIC per favorire lo sviluppo, non solo in aree urbane, ma anche e soprattutto nelle aree rurali remote. In quelle aree dove si produce il cibo che nutre un mondo sempre più popolato.

Al World Summit on the Information Society nel 2003 e nel 2005, fu immediatamente chiaro ai partecipanti che i problemi da affrontare per superare la sfida del divario digitale vadano ben oltre la semplice tecnologia, questo in particolare in ambito rurale.

I problemi maggiori sono dovuti a: uno scambio di conoscenze inefficace, una cattiva gestione del contenuto informativo; alla mancanza di risorse umane informaticamente alfabetizzate e all`assenza di coordinamento tra le realtà rurali e le realtà istituzionali.

La comunità internazionale riconosce il divario digitale rurale come una sfida complessa. Tra i paesi e tra i diversi gruppi di persone all'interno dei paesi, vi è una grande disparità tra coloro che hanno un reale accesso alle TIC e le stanno usando in modo efficace, e coloro che non lo fanno.

Molti paesi, in particolare in Centro / Est Europa e nel Caucaso, affrontano sfide difficili per estendere la connettività in aree rurali. Tuttavia, essi si trovano ad affrontare molti ostacoli, come la necessità di imparare a utilizzare i vari mezzi di comunicazione e su come trovare o diffondere in modo efficace contenuti pertinenti.
Il fatto è che il divario digitale rurale non è solo legato alla tecnologia e alla connettività, ma è un problema dalle mille sfaccettature, ed include l’inefficace scambio di conoscenze e la cattiva gestione di contenuti informativi, così come la mancanza di risorse umane, le incapacità istituzionali, e la mancanza di sensibilità di genere. Anche se l'obiettivo di colmare il divario rurale trascende le tecnologie, le tecnologie sono gli strumenti usati a tal fine.

Molte soluzioni proposte non sono guidate da prove empiriche, da studi su come le persone utilizzano le tecnologie, ma dagli sviluppatori delle TIC e dai fornitori che si trovano di solito a grande distanza dai luoghi e dai contesti in cui i loro strumenti devono essere utilizzati. Colmare il divario digitale rurale richiede una comprensione di come le persone nelle diverse culture imparano ad utilizzare e applicare le TIC, l'accesso al quale è fondamentale per abbattere il divario. L‘accettazione acritica della tecnologia pone un onere significativo di apprendimento, uso e accesso da parte degli utenti. Molti rimarranno emarginati a causa di barriere linguistiche, genere, disabilità e l'alfabetizzazione, o perché vivono nelle culture orali. Il problema è come mettere la tecnologia a servizio delle esigenze di tali persone.

Il divario digitale rurale persisterà più a lungo, se gli utenti non saranno in grado di affrontare i problemi relativi allo scambio di conoscenze e ad un efficace assorbimento di queste.
Un forte agente di cambiamento consisterebbe nel mobilitare e sfruttare le conoscenze e le informazioni precedentemente inaccessibili in forma digitale, ma informazioni derivate dal contesto locale, o quantomeno adattate ad esso.

Questa strategia è stata inclusa ad esempio nel Programme for Bridging the Rural Digital Divide to Reduce Food Insecurity and Poverty, attraverso il quale l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) faciliterà una partnership globale per affrontare il divario digitale rurale.

In questo programma sono stati individuati otto fattori critici, di cui parlerò più avanti riguardo all’importanza della conoscenza, di cui tener conto per superare il divario digitale rurale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le TIC: uno strumento per facilitare l'accesso e la condivisione di informazioni nello sviluppo dell'agricoltura: Caso del Perù.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Picarella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Stefania  Pinci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sviluppo
information technology
agricoltura
perù
fao
scambio informazioni
open data
telecentro
tecnologie dell'informatica e delle comunicazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi