Skip to content

L’educazione domiciliare, la singolarità delle esperienze e le plusvalenze della condivisione. Dalla frammentazione di una categoria ad alcune strategie per la sua ricomposizione

Tra servizi e famiglie una collocazione ancora incerta e precaria

Immaginare le vite degli altri senza sperimentarle in prima persona è estremamente difficile. La condivisione anche di frammenti di vita quotidiana, può consentire di conoscere meglio alcuni segreti e miti familiari. Comunque la sensazione che la relazione possa non avere più una connotazione professionale è una illusione, di cui infanzie, adolescenze e i loro familiari possono essere vittime, come gli stessi educatori. Chiederci il numero di telefono personale, di restare a cena, di vederci la domenica e alle feste di famiglia, sottoporci precise richieste da inoltrare all’assistente sociale o al contrario raccomandato di non riferirle qualche particolare ritenuto scomodo, tutti quanti “abbordaggi” per ridurre quella distanza, che altrimenti potrebbe anche ingessare la stessa relazione.

L’eccessiva vicinanza, tuttavia, potrebbe anche fungere da inesauribile valvola di sfogo, o da partner ideale per la riproposizione di funzioni assistenziali, oppure, come in qualsiasi altro rapporto interpersonale, suscitare irritazioni e mugugni, fino a vere e proprie antipatie e lacerazioni. La mancata chiarezza e riconoscibilità dei rispettivi ruoli, pungolare il senso di inadeguatezza sia dei genitori, che di noi educatori e educatrici, può suscitare processi di rivalsa e competizione del tutto inappropriati, oltre che reciprocamente svalutanti.

Dal momento esplorativo-conoscitivo nei confronti di una persona nuova, esterna alla famiglia, alla costruzione di una relazione significativa e una profonda accettazione della nuova situazione, dribblando richieste più o meno dirette, di maggiore coinvolgimento o l’esecuzione di mansioni prestabilite, non è come si suol dire un itinerario spensierato. Tuttavia proprio “il contatto ravvicinato e continuo, nei naturali luoghi di vita…, dà l’opportunità di porsi come fattore di cambiamento… “il bello e il brutto nello stesso tempo”, ciò che da un lato motiva e dall’altro può mettere in difficoltà”.

La nostra riuscita difatti, è fortemente intrecciata con la nostra “capacità di entrare in relazione anche con il contesto più ampio (territoriale)… di instaurare più o meno facilmente collegamenti tra il dentro e il fuori della famiglia”. La composizione di un gruppo di lavoro potrebbe essere la nostra ancora, ma al di là delle presenze e assenze, più o meno giustificate, un’ equipe funziona, se riesce a esprimere ambiti definiti di corresponsabilità e partecipazione. Sentirci parte integrante di un’equipe professionale è quindi fondamentale per poter riequilibrare il nostro rapporto all’interno della famiglia, per poterci sentire sostenuti nel nostro sostenere gli altri.

La mancanza di sicurezza altrimenti, ampliando il rischio di essere fagocitati dalle situazioni in cui operiamo, potrebbe in via del tutto precauzionale, bloccarci a una distanza tale da essere inefficaci, in un ruolo le cui prerogative sono invece altalenanti tra coinvolgimento critico e distanza partecipe. Ma se il rapporto uno a uno, tuttavia, è ancora un elemento costituente della nostra professione, vissuti di profonda solitudine sono il frutto di una ancora incerta e precaria collocazione tra servizi e famiglie. Scenari quotidiani le cui radici affondano nello stesso atto di nascita di questa professione, sebbene concepita sin dalle sue origini con una spiccata funzione integrativa verso lo stesso ruolo genitoriale, oltre che di raccordo tra le varie professionalità coinvolte.

Queste sue innate propensioni stentano ancora oggi a tradursi come parte integrante della stessa progettazione educativa. Principi tuttavia fondanti lo stesso programma P.I.P.P.I, il quale, come in parte già accennato, mira a giocare a porte aperte, a decostruire l’autoreferenzialità non solo dei vari organismi territoriali, pubblici e del Terzo Settore, ma anche dei vari ruoli e professionalità, cercando di rimuovere quelle zone d’ombra in cui tutti quanti, per convenienza, opportunismo e quieto vivere, possiamo talvolta adagiarci e/o mimetizzarci.

Attraverso il proprio specifico focus, ciascuno di noi può infatti ampliare la profondità di campo generale, necessaria a una definizione condivisa degli stessi obiettivi. La sua implementazione immagina, a seconda dei casi, la ricostruzione di nuovo tessuto connettivo, in grado di consentire una adeguata circolazione tra il feedback delle varie professionalità, delle famiglie, infanzie e adolescenze e delle stesse politiche sociali, sotto la lente multiprospettica e multidimensionale della ricerca scientifica, per poter non solo comprendere, ma anche rispondere in maniera più articolata a quella che è oggi la complessità del disagio sociale.

Salpare senza vincoli di gerarchie precostituite dalla singola prospettiva di ciascuna professionalità verso inesplorati orizzonti ecologici, consentirebbe di integrare e valorizzare la progettualità nel suo complesso. Non solo: permetterebbe anche alle nostre endemiche fragilità, così come a quelle delle altre professionalità coinvolte, di acquisire una maggiore nitidezza in merito allo stretto legame tra fattori endogeni e esogeni nelle relazioni con le infanzie, le adolescenze e i loro familiari.

Poter quindi sperimentare “una visione <> che ci consenta di comprendere con lo sguardo anche che cosa c’è a latere del nostro lavoro educativo”, è quindi fondamentale per tentare di distinguere le contingenze sfavorevoli dalle nostre corresponsabilità, ma anche per porre l’attenzione sui reciproci elementi di interconnessione e collusione, le relative cause e anche alcune ipotetiche soluzioni.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’educazione domiciliare, la singolarità delle esperienze e le plusvalenze della condivisione. Dalla frammentazione di una categoria ad alcune strategie per la sua ricomposizione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Tiziano Martinelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Dirigente e Coordinatore Servizi Educativi e Scolastici
  Relatore: Andrea  Spini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

terzo settore
educazione
politiche sociali
educatore
domiciliare
organizzazione lavoro
educazione domiciliare
educatore domiciliare
politiche socio-educative
educativa domiciliare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi