Skip to content

Attività di programmazione e controlli interni nelle banche

Gli obiettivi del sistema di controllo interno

Una prima categoria di obiettivi assegnati al sistema di controllo interno riguarda l’efficacia e l’efficienza delle attività operative in quanto lo svolgimento efficace ed efficiente delle operazioni d’impresa, dei processi e delle loro combinazioni è funzionale al conseguimento di condizioni di economicità.

Un’azione è considerata efficace quando il risultato ottenuto è conforme a quanto programmato. L’attivazione di strumenti atti a misurare l’efficacia delle attività operative implica la messa a punto di un sistema di obiettivi organizzati secondo una sequenza gerarchica sia sul piano temporale che su quello della simultaneità, inoltre è necessario misurare i risultati via via conseguiti in modo da poterli confrontare con gli obiettivi. L’efficienza invece è espressiva del rapporto esistente tra risultati ottenuti e risorse impiegate.

Per il raggiungimento di tale obiettivo, il sistema di controllo interno si avvale delle persone che operano in azienda, di procedure di pianificazione e controllo, di sistemi di reporting, di sistemi di premi e punizioni. Gli strumenti tipici che vengono utilizzati sono i piani a lungo termine, il programma per il prossimo esercizio, il budget del prossimo esercizio, i budget riferiti ad orizzonti temporali più contenuti ed estesi alle diverse aree aziendali, i rendiconti che rilevano i risultati ottenuti e le risorse impiegate, l’analisi degli scostamenti, l’individuazione delle azioni da intraprendere o le modificazioni di obiettivi e strategie.
Un altro obiettivo del sistema di controllo interno consiste nella salvaguardia del patrimonio aziendale.

In un’accezione ristretta, la salvaguardia del patrimonio aziendale può intendersi come protezione dei beni materiali, in particolare nelle banche tali beni sono costituiti dal denaro, dagli assegni, dagli effetti ma anche dagli strumenti di elaborazione elettronica dei dati con riferimento ai quali occorre salvaguardare l’integrità fisica e logica. Da questa concezione scaturiscono alcuni meccanismi di protezione come, ad esempio, il trasporto valori, procedure che consentono di ricostruire i dati e le informazioni contabili in caso di distruzione o di smarrimento. La salvaguardia del patrimonio aziendale deve però essere intesa in un’accezione più ampia tale da comprendere non solo i beni fisici, ma anche il patrimonio commerciale, il patrimonio tecnologico, il capitale umano.

Tale obiettivo della salvaguardia del patrimonio, insieme allo sviluppo quali-quantitativo della banca, impone un processo continuo di valutazione dei rischi che ogni istituto deve affrontare. Come abbiamo già più volte sottolineato, il sistema bancario del nostro Paese è stato soggetto a profondi cambiamenti suscitati da una molteplicità di fattori che hanno portato alla crescita della competitività per l’acquisizione della clientela, generando una più accentuata dinamicità del settore e accrescendo, conseguentemente, il rischio assunto dagli intermediari.

Inoltre ci si rende conto che la tipologia dei rischi sta progressivamente mutando visto che un tempo erano prevalenti i rischi creditizi mentre, nel più recente passato sono emersi soprattutto rischi di mercato riconducibili sia alla maggiore volatilità dei tassi d’interesse e di cambio sia all’accresciuta propensione degli intermediari verso l’adozione di strategie innovative. Non si tratta di evitare i rischi che sono connaturati all’attività tipica degli intermediari finanziari ma bisogna saperli valutare in relazione ad obiettivi compatibili e coerenti e soprattutto saperli gestire.
Un’ulteriore categoria di obiettivi riguarda la conformità delle decisioni e delle operazioni alle direttive emanate dalla direzione che a loro volta devono rispettare lo statuto, le leggi ed i regolamenti esterni.

Un altro obiettivo del sistema di controllo interno è l’attendibilità dei dati e delle informazioni prodotte. Quest’obiettivo, a sua volta, può essere suddiviso nei seguenti sotto-obiettivi:
- “Esistenza: le informazioni prodotte devono riflettere operazioni o processi o accadimenti realmente esistenti;
- Completezza: le operazioni o le condizioni produttive realmente esistenti devono essere riflesse nelle informazioni prodotte;
- Accuratezza: esattezza delle elaborazioni e dei calcoli;
- Classificazione appropriata delle informazioni rispetto a parametri predefiniti;
- Tempistica: esattezza della collocazione e degli attributi temporali delle informazioni;
- Corretta imputazione e somma: esattezza dei calcoli di riepilogo;
- Attendibile valutazione;
- Corretta attribuzione di diritti e obblighi alla base delle informazioni;
- Corretta descrizione e presentazione delle informazioni”.

Sappiamo bene che le persone che operano a tutti i livelli nella banca necessitano di informazioni pertinenti per poter assolvere le proprie responsabilità, infatti il flusso di informazioni alimenta i processi di comunicazione che si dirigono verticalmente, orizzontalmente e trasversalmente all’interno della struttura organizzativa. È opportuno, quindi, che ogni collaboratore sia consapevole dell’importanza dei controlli e di come il proprio lavoro sia correlato a quello di altri, senza dimenticare che sono necessarie anche comunicazioni efficaci con i terzi, come i clienti, i fornitori, le autorità tutorie e gli azionisti.

Questo ci fa capire come il sistema di controllo interno, interessa, secondo diversi ordini di ampiezza, amministratori e direttori generali, i responsabili dell’attività amministrativa in senso lato, tutti gli altri collaboratori e l’apparato informativo contabile. È importante che, oltre alla presenza di un’adeguata struttura organizzativa e alla specifica assegnazione dei compiti ai vari soggetti che operano all’interno della stessa, sussista una sorta di catena di responsabilità e di catena di controlli attuabili ex ante ed ex post all’interno e all’esterno dell’organizzazione aziendale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Attività di programmazione e controlli interni nelle banche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariarosaria Landi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Rosaria Cerrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi