Skip to content

L'intelligenza del cuore

Architettura emotiva della mente

Come si costruisce la mente? Le emozioni come influenzano lo sviluppo cognitivo? Il neonato impara a conoscere il mondo attraverso ciò che ha a disposizione, che nei primissimi mesi sono le sensazioni più semplici, in particolare quelle tattili e sonore. Il modo in cui impara a prestare attenzione, a comprendere e a discriminare fra sensazioni diverse è noto ormai da tempo, mentre quello che le ricerche sulle prime percezioni, cognizioni e sullo sviluppo emotivo hanno finora trascurato è un dato apparentemente scontato ma che non va sottovalutato ossia che di solito ogni sensazione che viene registrata dal bambino, dà origine a un’emozione, a un affetto.

Così un giocattolo può essere divertente o noioso, una voce simpatica o odiosa, oppure il bambino può sentirsi protetto dalla mamma quando lo abbraccia o spaventarsi. Quanto più cresce la sua esperienza, tanto più legate ai sentimenti diventano le sue impressioni sensoriali; è grazie a questo “codice duale” dell’esperienza che i ricercatori sono arrivati a capire in che modo le emozioni organizzano le capacità intellettuali e creano il senso di sè. Gli esseri umani incominciano ad abbinare emozioni e sentimenti fin dalla nascita; anche i neonati di pochi giorni reagiscono emotivamente alle sensazioni preferendo, per esempio, la voce o il profumo della madre a tutti gli altri suoni o odori: già nei primi mesi accolgono con gioia certe persone e ne evitano altre.

Un’altra conferma della validità di questa interpretazione di pensiero ed emozione è la scoperta del fatto che una stessa sensazione non produce necessariamente la stessa reazione in tutti. Differenze innate nell’apparato sensoriale possono rendere un suono di una data frequenza e volume interessante e piacevole per una persona e fastidioso per un’altra. Nonostante si sia ritenuto a lungo che le sensazioni acustiche e tattili siano pressochè uguali per tutti, esistono notevoli variazioni nel modo in cui i singoli individui elaborano le informazioni sensoriali. Così una sensazione può produrre in certi individui effetti diversi dal punto di vista emozionale come piacere o al contrario angoscia. Quindi inconsciamente ci costruiamo una gamma di reazioni affettive alle esperienze sensoriali... inoltre le prime esperienze sensoriali di un bambino avvengono in un contesto relazionale che conferisce loro ulteriore significato emotivo.

Quasi tutte le emozioni di un bambino, positive o negative, coinvolgono persone da cui dipende la sua sopravvivenza e che possono prendersi cura di lui in modi diversi, per esempio dalla dedizione più assoluta all’incuria più totale.

A mano a mano che i bambini crescono ed esprimono il mondo, le emozioni li aiutano a comprendere relazioni che a prima vista paiono di natura solo fisica; per esempio, termini come caldo o freddo, si riferiscono a sensazioni prettamente fisiche, ma il bambino impara a distinguere fra “troppo caldo”, “troppo freddo” attraverso bagnetti piacevoli o troppo caldi o troppo freddi, ossia attraverso sensazioni e relative reazioni emotive. Anche i concetti astratti, come quelli da cui partono le speculazioni scientifiche più teoriche, riflettono l’esperienza vissuta del bambino, non è forse un caso che Einstein e altri pensatori, arrivarono alle intuizioni più geniali, grazie a “esperimenti di pensiero”...e non è forse un caso che l’adulto geniale, come il bambino, continuano a viaggiare con la fantasia. Le idee si formano attraverso esplorazioni giocose della fantasia e solo in seguito vengono tradotte nel rigore della matematica e sebbene tempo e spazio vengano alla fine codificati secondo parametri oggettivi in essi persiste una componente emotiva.

Per imparare a contare, il bambino deve avere una comprensione emotiva dell’estensione e della durata, deve essere in grado di esprimere con i gesti, prima che con le parole, che un oggetto è troppo lontano o troppo vicino; i numeri in seguito renderanno oggettivo questo senso della quantità, conferendogli parametri logici, ma per un bambino che non capisce intuitivamente il senso di poco-tanto o vicino-lontano, anche se li impara a memoria, i numeri non avranno significato (Martha Nussbaum, 2004).

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'intelligenza del cuore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Ghini
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicoterapia ed ipnosi clinica
Anno: 2014
Docente/Relatore: Riccardo Arone di Bertolino
Istituito da: SMIPI (Società italiana di psicoterapia ed ipnosi) Bologna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi