Skip to content

Le seconde Camere in Italia e in Belgio

Primi segnali di crisi dei rapporti inter-etnici e prime revisioni costituzionali

Il neocostituito Regno del Belgio veniva a configurarsi come uno Stato fortemente francesizzato: la conoscenza della lingua francese era condizione necessaria per entrare a far parte delle élites del Paese e per salire la piramide sociale, mentre il regime elettorale censitario impediva qualsiasi tipo di ricambio delle classi dirigenti. Tutto questo però “non sfociò nella assimilazione totale della popolazione fiamminga o nella accettazione da parte di quest’ultima di uno stato unilingue e monoculturale. […] Dall’altra parte della frontiera, in Olanda, una lingua affine ai dialetti fiamminghi, l’olandese, offriva, infatti, un modello linguistico e culturale alternativo a quello francese”.

Verso la fine del XIX secolo, la popolazione neerlandese acquisì sempre più consapevolezza della propria identità e cominciò ad opporsi alla “francesizzazione” dello Stato. Gli intellettuali a capo del c.d. “movimento fiammingo” si occupavano fondamentalmente della questione della disparità sociale tra le lingue usate nel Paese. Il movimento tentava di promuovere il diritto del popolo fiammingo ad utilizzare il neerlandese come lingua del governo, dell’istruzione, del commercio e dell’esercito.

Sulle pressioni di tale movimento iniziò a svilupparsi la c.d. “legislazione linguistica”, e cioè una serie di provvedimenti normativi sull’uso delle lingue: nel 1873 fu approvata una legge che prevedeva l’uso del neerlandese nei Tribunali della parte fiamminga del Paese; nel 1878 fu esteso ai rapporti con le pubbliche amministrazioni; nel 1890 la conoscenza del fiammingo fu resa obbligatoria per i funzionari pubblici che prestavano servizio nelle Fiandre e infine, nel 1898, il neerlandese venne finalmente riconosciuto lingua ufficiale dello Stato accanto al francese.
Parallelamente alla legislazione linguistica, un secondo processo di riforma contribuì a modificare il quadro delle relazioni tra le due comunità etnico-linguistiche: si tratta della prima revisione della Costituzione belga del 1893, che prevedeva un allargamento del suffragio e una modifica dell’assetto bicamerale.

La riforma del 1893 riconosceva il diritto di voto a tutti i cittadini maschi con il sistema del voto plurimo: l’elettore, in base al grado di istruzione, ai beni di proprietà posseduti, alle tasse pagate o alla carica pubblica ricoperta, poteva avere diritto a un massimo di due voti supplementari. L’ampliamento del suffragio, benché “corretto” dal sistema del voto plurimo, costituì un fattore fondamentale ai fini dell’esaurimento dell’egemonia politica esercitata dalla borghesia francofona.

Per quanto riguarda il sistema bicamerale, la riforma costituzionale del 1893 prevedeva per il Senato una modifica sia per quanto riguarda la composizione, sia per quanto riguarda i criteri di eleggibilità. Veniva introdotta una nuova categoria di senatori, i senatori provinciali, eletti indirettamente dai Consigli provinciali per un numero variabile da 2 a 4, in misura dell’ampiezza demografica della Provincia. Tali senatori non erano sottoposti ad alcuna condizione di censo. Il censo rimaneva invece invariato per i senatori eletti e il numero rimaneva la metà di quello dei deputati, senza contare i senatori provinciali e i figli maschi maggiorenni del Re, i quali, in base al nuovo art. 58 Cost., divenivano senatori di diritto.

Le istanze regionaliste che si erano sviluppate nella seconda metà dell’800 a partire dalla questione linguistica propugnata dal movimento fiammingo andarono esaurendosi con lo sviluppo della legislazione linguistica. Nel periodo tra le due guerre la questione regionalista conobbe un momento di relativa stasi, in cui i Governi di unità nazionale proseguirono con il processo di equiparazione del neerlandese al francese all’interno delle istituzioni pubbliche.

Progressi si ebbero invece dal punto di vista del suffragio e dell’assetto bicamerale con la seconda revisione Costituzionale del 1920-21. La riforma prevedeva infatti l’introduzione del suffragio universale maschile e sostituiva il meccanismo del voto plurimo con il sistema proporzionale.

Per quanto riguarda la Camera alta venivano introdotte diverse novità. Alla classica lista dei criteri di eleggibilità dei senatori (come l’essere nato in Belgio o l’aver compiuto i 40 anni di età) veniva aggiunto un nuovo vincolo, che prevedeva la possibilità di candidarsi a senatore solo per chi avesse fatto parte di almeno una delle 21 categorie elencate nel nuovo articolo 56bis della Costituzione: per candidarsi diveniva necessario far parte dell’ élite politica, socio-economica o intellettuale del Paese (erano quindi passibili di elezione ex ministri, ex deputati, ex consiglieri provinciali, ex sindaci e consiglieri locali, direttori generali, proprietari ed usufruttuari di beni immobili situati in Belgio, capi di imprese industriali, capi di società cooperative o di sindacati ecc.).

Il numero dei senatori eletti rimaneva pari alla metà del numero dei deputati mentre il numero dei provinciali veniva aumentato a 40. Veniva poi introdotta la categoria dei senatori cooptati, ossia eletti secondo il sistema proporzionale dai senatori elettivi e dai provinciali, nel numero di un senatore cooptato ogni due elettivi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le seconde Camere in Italia e in Belgio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Savarese
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Salvatore Bonfiglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi