Skip to content

Gli organismi geneticamente modificati nell'Unione Europea: disciplina e orientamenti giurisprudenziali

OGM e salute

Uno degli aspetti maggiormente ribadito da coloro che si oppongono all'utilizzo delle colture biotech, riguarda i potenziali effetti negativi che tale tecnologia potrebbe avere sulla salute umana; in particolare, chi si oppone agli Ogm nel settore agroalimentare, sostiene che in seguito al loro utilizzo prolungato potrebbero insorgere allergie o che possano svilupparsi patologie tumorali.
Gli effetti delle modificazioni genetiche sulla salute umana sono stati ampiamente studiati; si stima che tra il 2002 e il 2012, siano stati effettuati circa 2000 studi, a conclusione dei quali non è emersa nessuna prova inconfutabile della pericolosità degli Ogm per l'uomo o per gli animali. A livello comunitario, in un documento preparato dalla direzione generale per la ricerca e l'innovazione, la Commissione ha ammesso che: “la principale conclusione che può essere dedotta dopo più di 130 progetti di ricerca, svolti durante un periodo di 25 anni, che hanno coinvolto più di 500 gruppi di ricercatori indipendenti, è che la biotecnologia, ed in particolare gli OGM, non sono di per se più rischiosi delle tecniche di incrocio tradizionali”.
Nonostante l'assenza di prove inconfutabili, ci sono stati casi che hanno suscitato scalpore e allarmismo, anche a causa del risalto mediatico che hanno scatenato.
Ad esempio, è noto il caso degli esperimenti condotti dalla società Pioneer Hi-Breed all'inizio degli anni '90 su delle varietà di soia; i ricercatori erano intenzionati ad aumentare il valore nutrizionale del prodotto e a tal fine pensarono di inserire all'interno del DNA della soia un gene proveniente dalla noce brasiliana, nota per il suo potenziale allergenico. La società che conduceva gli esperimenti, effettuando le necessarie valutazioni scientifiche, appurò il potenziale rischio di allergie che tale prodotto poteva comportare e ne sospese la sperimentazione. La soia GM contenente il gene della noce, non è mai stata commercializzata, proprio perché i severi controlli ne hanno evidenziato la pericolosità prima che essa potesse essere emessa nell'ambiente o immessa sul mercato.
Un altro caso che ha suscitato le paure dell'opinione pubblica è quello del mais Starlink, una varietà GM contenente il gene BT, di cui sono state trovate tracce all'interno di prodotti confezionati regolarmente venduti nei supermercati statunitensi; il problema nasceva dal fatto che tale varietà di mais aveva ricevuto l'autorizzazione solo per l'alimentazione animale, in quanto il gene inserito era responsabile della sintesi di una proteina ritenuta potenzialmente allergizzante. Sebbene le autorità statunitensi chiarirono che in realtà non si era verificato nessun caso di allergie, il caso suscitò molto scalpore al punto che derrate alimentari inviate dagli USA in Africa, risultate contaminate dal mais Starlink, sono state rifiutate e le polemiche indussero la società titolare del brevetto a ritirare volontariamente il mais Starlink dal commercio. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli organismi geneticamente modificati nell'Unione Europea: disciplina e orientamenti giurisprudenziali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Grazia Pellicano'
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Giovanna Endrici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
ogm
ingegneria genetica
organismi geneticamente modificati
moratoria
mais cotone colza
direttiva 2001/18 novel food
misure di emergenza clausole di salvaguardia
sicurezza agroalimentare
ogm in italia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi