Skip to content

La comunicazione e l'ingegneria sociale

L’interazione strategica

Considerando i rapporti interpersonali, sorge il problema della valutazione delle diverse possibilità. Nell’analisi delle varie possibilità, Goffman, si avvale della teoria dei giochi al fine di analizzare i rapporti interpersonali.
Le persone, sovente, fanno un esame della loro situazione in modo da valutare ciò che accade intorno a loro e ciò che è probabile accada. Compiuta l’analisi, l’individuo sarà in grado di intraprendere una linea d’azione fra le varie possibili. Questo processo decisionale è di tipo razionale.

Gli interessi di una parte vengono soddisfatti dall’azione intrapresa per conto della parte da individui che sono autorizzati ad agire per essa; il singolo agente è chiamato giocatore, questi esercita l’intelligenza valutando la situazione dalla sua parte, facendo una scelta fra i corsi d’azione a disposizione e impegnando la sua parte. Un individuo può giocare una parte ed essere simultaneamente ed essere parte della parte stessa. La prospettiva della teoria dei giochi è abbastanza chiara circa la necessità di distinguere, in relazione all’individuo, fra parte e giocatore, ma è meno chiara circa la necessità di distinguere le altre funzioni che l’individuo può svolgere in una situazione di gioco. Le circostanze possono essere tali da mettere in pericolo il benessere sociale o fisico di un individuo e questo benessere può costituire l’interesse che è in gioco nella partita.

Un individuo può fungere da segno simbolico, cioè quale mezzo per esprimere e marcare una posizione acquistata. Può, inoltre, fungere da fonte di informazione le quali possono essere utilizzati dagli altri nella loro valutazione della situazione. Quindi il singolo individuo può rivestire diverse posizioni.
Per quanto riguarda l’analisi delle interazioni un primo concetto importante è la mossa. Una mossa è un pensiero, una decisione o un’espressione, è qualunque cosa venga nella mente al giocatore, ma tale mossa comporta delle conseguenze reali che muteranno il gioco stesso. Altra considerazione importante è che deve tenersi conto dell’abilità dei giocatori nel lasciare trapelare espressioni ed emozioni che possono rivelare agli altri giocatori le vere intenzioni di questi.

Il concetto di interazione di interazione strategica si avvicina a quello di interazione simbolica, dal momento che in nessun’altra occasione meglio che nell’analisi dei giochi si può vedere l’attore mettersi al posto dell’altro e vedere, almeno temporaneamente, le cose dal suo punto di vista. La prospettiva dell’interazione strategica ha dei vantaggi rispetto all’interazione simbolica. In primo luogo, la prospettiva strategica insistendo sulla completa interdipendenza dei risultati, sulla consapevolezza reciproca di questo fatto e sulla capacità di utilizzare questa conoscenza. In secondo luogo, l’interazione strategica riguarda direttamente la dinamica dell’interdipendenza perché implica reciproca consapevolezza, individua le mosse fondamentali e cerca di trovare dei punti naturali d’arresto nel ciclo potenzialmente infinito di due giocatori che prendono in considerazione le considerazioni dell’altro.
Il quadro di riferimento dell’interazione strategica è molto formale, non vi è nessun limite o restrizione, incluso il pagamento finale, ciò fin quando i partecipanti sono prigionieri di quella fatalità reciproca e sono obbligati ad intraprendere uno dei corsi d’azione a loro disposizione in una prospettiva strategica.

Se si considera la struttura dei rapporti sociali, si vede che la loro creazione, il rifiuto, l’approfondimento, l’attenuamento e via dicendo, sono obiettivi reciproci delle persone interessate e quindi trova applicazione l’analisi strategica. Vi sono pagamenti finali che consistono in rapporti sociali e l’analisi strategica comincia con la valutazione degli interessi di un singolo giocatore nell’atto di confrontare il valore delle conseguenze del rapporto con quello dei beni da lui posseduti.

Per quanto riguarda l’interazione faccia-a-faccia nelle riunioni sociali, determinate mosse strategiche hanno particolare efficacia solo perché il giocatore che le compie, si trova faccia a faccia col suo avversario. Nelle riunioni faccia-a-faccia tutti i giocatori sono presenti e vi è una continuità temporale delle azioni compiute da questi.
Rapporti sociali e riunioni sociali sono due sfere distinte e separate, l’interazione strategica è una prospettiva analitica che chiarisce entrambe ma non coincide con nessuna delle due.
Altra sfera, con cui è facile confondere l’interazione strategica, riguarda lo studio dei sistema di comunicazione, cioè reti, canali, segnali, codici.

Nel sistema di comunicazione, una volta ricevuto chiaramente un messaggio, la questione da prendere in considerazione è la questione della cornice, ossia il contesto e tutte quelle circostanze variabili in cui si trova l’emittente quando trasmette il messaggio. Ma nel sistema di comunicazione, la stessa comunicazione non può essere considerata una mossa, ma un aspetto di quest’ultima. Goffman, si avvale dell’esempio dei giochi ricreativi, in cui ciascun giocatore è immedesimato nella propria parte, una buona mossa è un guadagno significativo. Solo incidentalmente la mossa è un mezzo di comunicazione, infatti alcune mosse non verranno comunicate, saranno invisibili. In questi giochi, le mosse informano, ma la comunicazione non è che un aspetto della mossa, non è la mossa.

Per quanto riguarda il rapporto tra interazione e giochi di espressione, questi ultimi possono essere distinti dall’ interazione, possono essere considerati come una componente variabile di qualcosa di più completo, appunto, dell’interazione strategica.
Nell’analisi della interazione strategica, le mosse sono l’elemento centrale, ma rappresentano una classe che è molto più ampia di quella rappresentata dai giochi di espressione. Nell’interazione una mossa consiste di un corso d’azione strutturato a disposizione di un giocatore, che una volta intrapreso muta oggettivamente la situazione dei partecipanti.

Alcune mosse sono invisibili, altre visibili e per queste ultime sorgerà sempre la questione dell’interpretazione che l’avversario darà all’evento. Questa interpretazione, non sarà altro una tra le possibili e sarà un caso di interazione ma non la cosa essenziale. Ciò che viene realizzato mediante le mosse strategiche non è semplice informazione ma, piuttosto, corsi d’azione intrapresa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La comunicazione e l'ingegneria sociale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pierluigi Lupo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Massimiliano Ruzzeddu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
hacker
hacking
ingegneria sociale
comunicazione strategica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi