Skip to content

Progetto infermieristico di sensibilizzazione alla donazione di midollo osseo: ''5 minuti per te sono una vita per qualcun altro''

Utilizzo e prelievo delle cellule staminali

Il trapianto di midollo osseo (TMO), e quindi di CST in esso contenuto, si propone di eliminare totalmente la popolazione midollare (malata o quantitativamente carente) di un soggetto sostituendola con cellule staminali provenienti dallo stesso paziente (TMO autologo o autotrapianto), spesso dopo averlo “purificato” dalle cellule maligne eventualmente presenti o da un donatore HLA (Human LeucocyteAntigen) compatibile (TMO allogenico) o HLA identico (TMO singenico) nel caso che il donatore sia un gemello omozigote.

L’applicazione delle tecniche trapiantologiche ha registrato nei tempiuna progressiva estensione delle indicazioni (inizialmente limitate a pochi pazienti generalmente con malattie in fase avanzata), sino a diventare un trattamento di 1° linea già nelle fasi iniziali di alcuni disordini neoplastici. I progressi ottenuti nelle conoscenze biologiche del trapianto hanno inoltre consentito una estensione di questa procedura a situazioni cliniche non maligne, come nel caso delle emoglobinopatie (disordini genetici di sintesi dell’emoglobina, es. Talassemia).

Le sorgenti di cellule staminali attualmente utilizzate sono rappresentate dal midollo osseo, dal sangue periferico, dal cordone ombelicale e dal fegato fetale.

Midollo osseo: rappresenta la fonte classica di cellule staminali utilizzabili ai fini trapiantologici. Il tessuto midollare (e le CST in esso contenute) viene generalmente aspirato in anestesia totale o locale dalla cresta iliaca posteriore (figura 3) e risulta costituito da un insieme di elementi midollari e di sangue periferico. La quantità di cellule utile a un buon attecchimento nel ricevente non è definita con certezza; si ritiene tuttavia che il valore ottimale possa essere rappresentato da un volume di sangue midollare che va da 700 a 1500 ml a seconda del peso corporeo del donatore, della quantità richiesta e dalle esigenze del ricevente.

Sangue periferico: la dimostrazione che le cellule staminali emopoietiche sono presenti nel sangue periferico è scaturita dall’osservazione dei risultati ottenuti dopo il trattamento con fattori di crescita (CSF) o dopo la chemioterapia, ovvero che vi è un progressivo aumento di questi elementi in circolo, un processo definito mobilizzazione. Le cellule staminali mobilizzate hanno caratteristiche simili a quelle presenti nel midollo osseo e, dopo stimolazione nel soggetto donatore con fattori di crescita, è possibile prelevare un quantitativo di sangue periferico contenente un’adeguata quota di CST utile ai fini trapiantologici, mediante procedura aferetica. Quest’ultima consiste nel prelevare il sangue del paziente, “filtrarlo” attraverso speciali macchine detti separatori aferetici (in grado di separare attraverso processi di centrifugazione le varie componenti corpuscolate del sangue) e infine reinfondere il sangue privato delle CST, che vengono messe da parte in apposite sacche di raccolta (figura 4).

Cordone ombelicale: il sangue contenuto nel cordone ombelicale e nella placenta al momento della nascita, rappresenta una sorgente particolarmente ricca di cellule emopoietiche staminali. Le tecniche di prelievo attualmente a disposizione hanno permesso di raggiungere un volume di sangue di circa 140-200 ml, contenenti fino a 2.000.000 di cellule staminali. Questa quota è sufficiente per un trapianto allogenico in età pediatrica ma certamente insufficiente per effettuare trapianti nell’adulto. Per tale motivo si stanno studiando procedure intese a ottenere un’espansione in vitro di cellule staminali derivate dal cordone ombelicale.

Fegato fetale: il fegato rappresenta un’importante sede di produzione di cellule staminali nel periodo compreso tra il 3° e il 7° mese di vita intrauterina. Queste cellule sono in grado di ripristinare una normale emopoiesi, tuttavia l’utilizzo di questa sorgente di staminali è limitata da numerose difficoltà tecniche ed etiche oltre che da normative giuridiche.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Progetto infermieristico di sensibilizzazione alla donazione di midollo osseo: ''5 minuti per te sono una vita per qualcun altro''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Solla
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma
  Facoltà: Scienze Infermieristiche
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Emilio Corbo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

progetto
questionario
leucemia
donazione
sensibilizzazione
infermiere
infermieristica
nursing
midollo osseo
malattie ematologiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi