Skip to content

La musica sacra dopo il Concilio: funzioni, dibattiti, protagonisti.

La Messa dei giovani

La Messa dei giovani (o Messa beat o Messa je je) fu un fatto storico, una Woodstock cristiana che inizialmente suscitò più polemiche che altro, ma che segnò un vero punto di svolta nella musica liturgica. In essa sfociò il fermento di una base popolare e giovanile che ballava attorno a un jukebox e premeva per avere un maggior rilievo nella società; quella generazione che stava crescendo riunendosi attorno a un mangiadischi per ascoltare i complessi rock inglesi e americani.

Correva l’anno 1966 e il panorama musicale mondiale era abbastanza variegato: I Beatles, al culmine del successo, si apprestavano a pubblicare il loro album Revolver (che presenta i primi esperimenti di rock psichedelico), otto mesi dopo Rubber Soul; I Rolling Stone, già da sei anni sulle scene mondiali, pubblicavano il primo album di canzoni interamente composte da loro, Aftermath; Frank Sinatra confermava la sua importanza nella scena musicale con i celeberrimi album Moonlight Sinatra e Strangers in the Night; in Italia venivano pubblicate canzoni rimaste nella storia come Nessuno mi può giudicare, Il ragazzo della via Gluck, Riderà e il primo album di Fabrizio De Andrè.

In ambito “cattolico” muovevano i primi passi complessi che avrebbero avuto una lunga e importante storia come i Gen Rosso e i Gen Verde. Già da diversi anni le giovani generazioni crescevano con una “colonna sonora” caratterizzata da ritmi incalzanti e sincopati, strumentazione elettrica più batteria, volumi alti che, uniti al ritmo, instauravano un rapporto con la corporeità.
Si è già detto come, in ambito ecclesiale, una certa interpretazione del Concilio avesse determinato una nuova apertura alle esperienze e alla sensibilitâ dell’uomo contemporaneo, con il conseguente auspicio che la musica da Chiesa potesse accogliere stili e strumentazione in uso fra i giovani.

Colui che riuscì a far entrare la chitarra elettrica e la batteria in Chiesa fu Marcello Giombini (Roma, 8 luglio 1928 – Assisi, 12 dicembre 2003), che dopo un periodo giovanile in cui compose musiche sinfoniche (eseguite anche dalle orchestre della Rai) e di impostazione dodecafonica (tutte successivamente distrutte, tranne Eclisse), si affermò nella scena internazionale come buon compositore di colonne sonore, soprattutto di quel genere tutto italiano che fu lo Spaghetti Western.

La vera svolta della sua vita e della sua carriera avvenne però nel 1966 quando, insieme a Giuseppe Scoponi e, secondariamente, Carlo Gasbarri che si occuparono dei testi, attuò l’idea «di dare ai giovani l'opportunità di pregare cantando con la loro musica, coi loro strumenti, con la loro gioia di vivere». Questa iniziativa ebbe un consulente religioso e un punto di riferimento in padre Gabriele Sinaldi. […]

L’ideazione della Messa dei Giovani ha alla base tutto un pensiero sulla musica liturgica che, si è visto, pone l’esperienza liturgica sullo stesso piano dei partecipanti: viene quasi a mancare la relazione verticale nei confronti della divinità, a vantaggio di una relazione orizzontale nei confronti dei “fratelli”, basata sugli stessi linguaggi, verbali e non, usati dai giovani e dalle persone che vivono la vita di tutti i giorni. […]

La “prima” della Messa dei Giovani ebbe luogo il 27 aprile 1966 presso l’Aula Borrominiana dell’Oratorio di San Filippo Neri a Roma, attirando una marea di pubblico, soprattutto giovanile, che partecipò all’evento come se si trattasse di un concerto rock. L’esecuzione dei brani fu affidata a tre complessi: I Barritas, gli Angel and the Brainse i Bumpers.Verso le 18.30 si diede inizio all’evento alla presenza di sacerdoti, musicisti, giornalisti e a un pubblico foltissimo e anagraficamente variegato. La folla era tale che si dovettero piazzare degli altoparlanti all’esterno dell’oratorio per consentire l’ascolto a chi non era potuto entrare. […]

Le cronache del tempo ci raccontano di una partecipazione numerosa di giovani che accompagnarono l’esecuzione delle canzoni con fischi, urla e applausi tipici di un evento rock. Si rischiarono persino disordini. […]
Gli autori dei testi si concessero qualche licenza nel trasformare alcuni testi del messale ritenuti immutabili, come il Santo, il Padre Nostro e l’Alleluia. Nel primo troviamo “Cantano i cieli e le galassie la tua gloria” al posto di “I cieli e la terra sono pieni della tua gloria”; nel Padre Nostro, “Dacci anche oggi il nostro pane, perdona a noi le nostre colpe come noi le perdoniamo ai nostri fratelli, dacci tanta forza d’essere fedeli”; l’Alleluia viene farcito con versi di pura invenzione: “Alleluia alleluia, per la nostra gioventù noi ti ringraziamo, per la gioia di cantarti o Signore noi ti ringraziamo, alleluia alleluia”. […]

La musica di Giombini riflette le nuove istanze della sensibilità del dopoguerra, cioè una cultura pluralista dove coesistono diversi stili e linguaggi musicali. Non esistono molti studi sugli aspetti più propriamente musicali di tale repertorio, ma si può far riferimento ad alcune tesi degli allievi dei corsi di perfezionamento liturgico-musicale istituiti presso l’Ufficio Liturgico Nazionale della CEI (Conferenza Episcopale Italiana). Di particolare interesse quella di Luigi Mandorino, elaborata nel 1995 e intitolata Le forme musicali della Liturgia rinnovata nel panorama musicale di Marcello Giombini (relatore M° Antonio Parisi). […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La musica sacra dopo il Concilio: funzioni, dibattiti, protagonisti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Raffaello Pilato
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Musicologia
  Relatore: Pietro Misuraca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sequeri
musica sacra dopo il concilio
musica nei movimenti ecclesiali
musica nel movimento carismatico
musica nel cammino neocatecumenale
musica nei focolarini
giombini
frisina
giosy cento
claudio chieffo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi