Skip to content

L'analisi delle componenti principali (ACP) per lo sviluppo di un modello di score attraverso l'utilizzo di variabili dummy.

Analisi Discriminante

Abbiamo visto che lo sviluppo di un modello di score presuppone lo studio di un campione di sviluppo che osservato ad una data maturità ne consente di rilevarne le performance le quali diventano poi oggetto di studio per la determinazione della variabile target (variabile dipendente).

Nel mondo del credito tuttavia, se si parla di modelli di score di accettazione, bisogna tener conto anche delle operazioni di finanziamento rifiutate (ovvero di tutte le pratiche che in passato non sono state accettate). Il problema di queste operazioni è la mancata conoscenza delle performances. Il metodo più affidabile, non statistico, sarebbe quello di andare a rilevare nel Credit Bureau (esempio Crif) le posizioni rifiutate dal proprio Istituto ed eventualmente finanziate da altri e quindi osservarne la performance.

Questo è tuttavia un metodo molto costoso, applicabile solo in particolari circostanze ad esempio in aziende di credito in start-up. Tipicamente vengono usati metodi statistici per fare inferenza sulle posizioni respinte, ad esempio mediante l’Analisi Discriminante è possibile creare un modello di previsione per l'appartenenza al gruppo.

Il modello è costituito da una funzione discriminante oppure, per più di due gruppi, da un insieme di funzioni discriminanti, in base alle combinazioni lineari delle variabili predittore che forniscono la migliore discriminazione tra i gruppi. Le funzioni vengono generate da un campione di casi per cui è nota l'appartenenza al gruppo (nel nostro caso è rappresentato dalla popolazione accettata).
È quindi possibile applicare le funzioni ai nuovi casi con misurazioni per le variabili predittore, ma di cui non è nota l'appartenenza al gruppo.

È importante includere nel nuovo modello anche le posizioni respinte al fine di:

- scardinare le logiche del precedente modello di score e rimettere quindi tutto in discussione a livello di politiche di accettazione;
- tener conto anche della popolazione respinta in quanto rappresentativa del potenziale insieme di pratiche in ingresso. Questo consente di poter eseguire adeguate politiche di rifiuto e determinazione cut-off in maniera puntale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'analisi delle componenti principali (ACP) per lo sviluppo di un modello di score attraverso l'utilizzo di variabili dummy.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Rocco Capalbo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza Aziendale e Mercati Finanziari
  Relatore: Paola De Vincentiis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scorecard
rating
acp
scoring
risk
credit
ead
lgd
pd
elr

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi