Skip to content

Beethoven: ''Da Bonn all'Aurora''

La Sonata per pianoforte op. 53 in do maggiore

La sonata per pianoforte op. 53, composta nel 1803-04, è dedicata al Conte Ferdinand Ernst von Waldstein, mecenate, amico e uno dei primissimi protettori dell'artista. È detta anche “Aurora” forse per quel risveglio alla luce e alla vita che è nell'introduzione o per la meravigliosa melodia che fluisce nel rondò finale.
Insieme alla Terza Sinfonia, che è dello stesso periodo, ai Quartetti “Razumowsky”, che la seguono di due anni, la “Waldstein” rappresenta una tappa fondamentale lungo il cammino che spinge Beethoven ad introdurre, nel tessuto sintattico e strumentale, innovazioni tecniche e contenutistiche che troveranno poi la loro logica conclusione negli ultimi capolavori. In particolare si possono evidenziare la ricchezza timbrica e lo sviluppo tecnico-espressivo del pianismo beethoveniano, la fantasia dei tracciati modulativi e l'audacia degli accostamenti sonori.

La sonata si compone di due movimenti di pari importanza separati da un intermezzo lento. Originariamente questo movimento doveva essere un comodo Andante che in corso d'opera venne eliminato dalla Sonata e sostituito con ventotto battute di “introduzione”, che fungono da base sulla quale risplende ed emerge il sopraggiungere del finale. Straordinario è l'apparato virtuosistico attinto da Clementi, con scale, arpeggi, passaggi brillanti, i quali, grazie al geniale sfruttamento dei registri pianistici, creano prodigiosi effetti espressivi. 2Nella sonata l'agilità leggera di alcuni passi si alterna ad un'agilità di forza, martellata, con mirabili effetti di fasce sonore punteggiate dalle note in “sforzato”. Pertanto l'agilità si combina con la potenza creando effetti di grande sontuosità.

Nell'Opera 53 emerge una drammatizzazione del virtuosismo così come succede nelle Sonate opera 27 n. 2 ed opera 57.
Nelle opere precedenti il passaggio virtuosistico che metteva in mostra la bravura dell'esecutore si alternava con il tema ritmicamente vario oppure con la melodia. Qui invece è il virtuosismo, il passaggio virtuosistico che diventa tema, è l'eccitazione del movimento che diventa, da elemento tecnico, fatto espressivo. Lo sviluppo del virtuosismo viene indirizzato verso le note doppie, gli accordi, i tremoli, i trilli, verso l'utilizzazione della mano destra in due funzioni contemporaneamente, verso gli arpeggi rapidissimi.

La tendenza è quella di far suonare contemporaneamente il pianoforte in tutta la sua estensione, come per evocare lo spettro sonoro dell'orchestra.
Si accentua il fenomeno della “percussione”, come già era avvenuto nella “Patetica” e come accadrà poi nell'“Appassionata”. Tutta la Sonata è dominata dall'ansia di liberare al massimo le energie timbriche e di spingere oltre misura i limiti della dinamica, dell'estensione e dell'intensità, in modo da piegare la materia sonora alle esigenze più intime e profonde dell'ispirazione. È un'opera caratteristica di quel “secondo periodo” che inizia nel 1802 circa; pertanto presenta lo “stile eroico” che si manifesta in forme nelle quali i temi e il loro sviluppo mostrano una nuova tendenza verso l'astrazione, con l'atteggiamento di chi si rivolge, non al singolo individuo, ma a tutta l'umanità.

L'effetto prodigioso della Sonata, che per la sua dinamica orchestrale il von Lenz definì «una sinfonia eroica per pianoforte», sta nella sua bellezza, potenza ed espressività, e nel linguaggio tecnico fatto di arpeggi, salti di ottave, trilli lungamente tenuti, sonorità indefinite. In essa confluiscono in una unità compatta e dinamica le diverse componenti melodiche, ritmiche e strutturali che danno vita ad una inquietante drammaticità e ad una fervente immaginazione. (Ugo Morale, Introduzione a Beethoven, Edizioni Bruno Mondatori, Milano 1999)

Questo brano è tratto dalla tesi:

Beethoven: ''Da Bonn all'Aurora''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariella Di Giovannantonio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2004-05
  Università: Istituto Superiore di Studi Musicali "G. Braga" - Teramo
  Facoltà: Discipline musicali - Pianoforte
  Corso: Discipline Musicali
  Relatore: Antonio Castagna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

beethoven
aurora

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi