Skip to content

Dietro l'incanto: un viaggio alla scoperta del genere fiabesco

Primi studi scientifici sulla fiaba: il ruolo dei Grimm

Seguendo il percorso tracciato da Giuseppe Gatto si arriva così all’Ottocento, secolo importantissimo poiché in Germania iniziano i primi studi scientifici sul folklore e sulla fiaba, promossi dalla sensibilità romantica. Il filosofo tedesco Herder aveva distinto la “poesia d’arte” dalla “poesia di natura”, secondo lui superiore all’altra perché espressione della creatività collettiva, rappresentante dello spirito del popolo intero, il Volksgeist. Nasce così la spinta alla raccolta e salvataggio dall’oblio della produzione culturale popolare, tra cui si trovano le fiabe.

Chi meglio risponde a questa esigenza sono i fratelli Grimm, due filologi che si occuparono di studi su lingua, fiabe, miti e leggende del popolo tedesco. Loro progetto fu la creazione di una raccolta di fiabe che rappresentasse appieno il sentire comune della popolazione. L’impostazione del lavoro provenne dalla lettura di quelle opere fiabistiche rinascimentali e barocche, che i due bibliotecari di Kassel riuscirono a trovare senza fatica. Le fonti per la raccolta invece, non provenirono direttamente dagli strati popolari della società, ma da una serie di amici e parenti acculturati, che le narrarono loro così come le avevano sentite dalla fonte popolare.

Nell’introduzione alla raccolta, che chiamarono Kinder-und Hausmärchen (pubblicata in due volumi tra il 1812 e il 1815), specificano come questa sia principalmente un’operazione scientifica, in cui si attenevano alla fedeltà assoluta ai testi, che venivano trascritti parola per parola. Col tempo però, il loro approccio cambiò e iniziarono ad agire sui testi, traducendoli dal dialetto e modificandoli ove lo ritenessero necessario. Bisogna chiarire infatti, che la loro concezione di fedeltà si basava solo sul rifiuto di elaborare nuove creazioni a partire dal materiale tradizionale, ma si sentivano in diritto di intervenire laddove il testo non si confacesse al pubblico a cui il loro lavoro era destinato - attenuando gli aspetti più crudi della vita popolare, come sessualità e violenza – e combinavano tra loro le varianti dei diversi racconti di cui venivano a conoscenza. Il fine era quello di ricostruire la fiaba originaria, attraverso il confronto con le varianti e fornire un utile diletto. Gli stessi autori lo affermano, quando, nella prefazione all’opera, precisano come lo scopo sia da un lato di «[…] far agire la poesia che in essa vive», ma dall’altro «[…] che serva anche da libro educativo». L’operazione diventa palese dalla seconda edizione, quando il solo Wilhelm si occuperà delle fiabe e decide di destinarle principalmente ai bambini. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dietro l'incanto: un viaggio alla scoperta del genere fiabesco

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Giancana
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Laura Restuccia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

critica letteraria
letteratura italiana
italo calvino
fiaba
racconti popolari
dialetto siciliano
giuseppe pitrè
vladimir ja. propp
novellistica popolare
giuseppe cocchiara

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi