Skip to content

Il contratto sociale in Thomas Hobbes: analisi dei testi e riletture storiografiche

Uomo e contratto sociale nel Leviathan

Il Leviathan è considerato il capolavoro di Hobbes e deve innegabilmente la sua fortuna letteraria alla carica suggestiva racchiusa nel titolo evocante il mito di un serpente marino di biblica creazione.
Non solo: oltre alla mera intitolazione, è il contenuto dell’opera ad incarnare un significativo interesse per un approccio al pensiero più maturo del suo autore. Alla stregua di quanto si è potuto in precedenza affermare a proposito del De Cive, anche il Leviathan è figlio del tempo in cui è stato elaborato e pubblicato: trattasi degli anni compresi tra il 1648 e il 1651, all’indomani della Pace di Westfalia e contemporaneamente (da intendersi per la data di pubblicazione) al ritorno in patria di Hobbes dall’esilio francese.

Sono quindi nuovamente le vicende che sconvolgono l’Europa e l’Inghilterra di metà XVII secolo a far da teatro allo sviluppo delle idee hobbesiane, che nel Leviathan si traducono e sublimano in una teoria assolutistica non più sovrapponibile empiricamente all’amministrazione del potere della monarchia Stuart bensì alla dittatura militare (celata sotto l’egida di un formale governo repubblicano) di Oliver Cromwell.

Diversamente però rispetto ai precedenti Elements of Law, Natural and Politic e rispetto al De Cive, Hobbes supera gli schematismi, le rigidità e le incertezze che ne avevano contraddistinto il modus operandi (ormai “sgrezzato” dall’esperienza intellettuale e i lunghi viaggi), riuscendo a fondare una teoria politica logica e coerente, oltre che innegabilmente innovativa e moderna.

Per far ciò, peculiarmente nelle parti Prima (“Dell’uomo”) e Seconda (“Dello Stato”) analizza l’individuo, il diritto, lo stato di natura, il contratto e la sovranità statuale (ossia i concetti cardine della suddetta teoria) con un realismo e con un disincanto tali da introdurre una vera e propria riforma in materia: il “problema” politico non è caratterizzato, come pensavano molti giusnaturalisti, da uno scontro tra individui che nello stato di natura destabilizzano un ordine giusto precostituito, quanto dal fatto che quest’ultimo non esista e al suo posto sia un dominio di disordine e caos.

E’ necessario quindi un radicale cambiamento (che i più definirebbero col termine di “rivoluzione”) che introduca un ordine di tipo artificiale e, per questo, suscettibile di ulteriori modifiche nonché perennemente a rischio di collasso; il cambiamento è sul piano astratto e sul piano concreto incarnato dal Leviatano, nel primo caso inteso come mostro (o come si vedrà infra, dio mortale) e nel secondo inteso come il trattato, volto ad una vera e propria impresa di formattazione della storia e relativo reset della società. Infatti, e giova ricordarlo sin dall’inizio di questa analisi, il Leviathan è anche simbolo della lotta di Hobbes contro le istanze rivoluzionarie del suo tempo e ritenute, come nel De Cive, foriere di disordine e perciò empiricamente paragonabili allo stato di natura.

Si valuti un paragone tra le pretese dei Diggers e dei Levellers, movimenti dissenzienti inglesi di quel tempo, in lotta contro l’abolizione dei privilegi, e l’idea tutta hobbesiana della naturale uguaglianza degli uomini: solo apparentemente le due posizioni paiono accomunabili, poiché Hobbes eleva l’uguaglianza a causa della necessarietà dello Stato, il quale elimina i privilegi di nascita ma d’altra parte tutela le disuguaglianze sociali e la proprietà privata purché non integrino un pericolo per lo stesso.

Volendo riassumere il pensiero contenuto nell’opera de qua non ci si può che riferire alle parole di Carlo Galli, il quale nell’introduzione alla stessa afferma come per Hobbes “l’intera struttura di una ordinata vita associata è resa
possibile solo dalla politica, e non dalla morale tradizionale, né dalle teologie, e neppure dalla nascente economia. Da una politica assoluta e autonoma, scientificamente atteggiata, che ha in sé la forza di lasciarsi investire dalle questioni e dalle ragioni della morale e della teologia, e di reinterpretarle, che le assume in sé, che non se ne lascia fondare”
. In questo senso la teoria politica è l’unico instrumentum in grado di portare stabilità ed equilibrio in vece di sregolatezza e confusione, a patto che (come da consuetudine hobbesiana) sia elaborata in modo razionale, con metodo scientifico e sia volta all’assolutezza.

Per completezza si evidenzia come i periodi poco sopra citati facciano riferimento altresì alla materia della teologia politica, alla quale non a caso sono dedicate integralmente la Parte Terza (“Di uno Stato Cristiano”) e la Parte Quarta (“Del Regno delle Tenebre”) del Leviathan. Queste stesse rappresentano una delle maggiori differenze intercorrenti tra Leviathan e De Cive, e denotano come Hobbes ritenga che lo Stato possa ben contenere al fianco della materia politica anche gli elementi della morale e della religione, e che, però, esso debba nascere ed ergersi senza esserne l’influenzato (“nondimeno, non dobbiamo rinunciare ai nostri sensi e all’esperienza né alla nostra ragione naturale”) Egli arriva così a negare ogni autorevolezza politica della Chiesa affermando l’egemonia e l’assolutismo del potere dello Stato.

In seconda battuta, da un’analisi più contenutistica, si evince come le suddette parti costituiscano una vera e propria “sezione storica” dell’opera, essendo ancora chiaro intento dell’autore esporre il modello politico prendendo in considerazione due dei grandi problemi della sua epoca: le guerre civili di religione e la materia teologica, l’uno conseguenza dell’altro (come noto, l’interpretazione non univoca della relazione tra cielo e terra è da sempre portatrice di conflitti). Da qui, e difformemente dal De Cive, è evidente come la teologia abbia avuto un’assoluta rilevanza nella formazione del Leviathan e come Hobbes abbia manipolato a sua foggia la materia e le relative concezioni del tempo per giustificare la totale supremazia del potere laico sulla religione, con la conseguente cancellazione di quest’ultima dal piano politico e scientifico.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il contratto sociale in Thomas Hobbes: analisi dei testi e riletture storiografiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Molari
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Brescia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Corso Magistrale a Ciclo Unico
  Relatore: Aldo Andrea Cassi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto
storia del diritto
contratto sociale
filosofia del diritto
thomas hobbes
carl schmitt
leviatano
de cive
storia del diritto moderno e contemporaneo
homo homini lupus

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi