Skip to content

Fenomenologia di un uomo cancellato dalla storia: il mito di Arpad Weisz

Sviluppo della tattica calcistica

Il calcio, almeno per come lo conosciamo oggi, deve la sua creazione agli inglesi che, già nel lontano 1863, diedero vita alla Football Association, la prima federazione calcistica al mondo. Allo stesso modo, circa vent'anni più tardi, crearono anche l'IFAB, meglio conosciuta come International Board, che tutt'oggi gestisce il cambio di tutti i regolamenti inerenti il gioco. Date le prime rudimentali regole, il calcio agli albori non veniva vissuto affatto come uno sport ma veniva identificato come un semplicissimo mezzo di intrattenimento, senza minimamente prestare attenzione neanche alle più elementari norme tecnico-tattiche.

Il gioco che va via via sviluppandosi nel corso di questi primi anni verrà ricordato con il termine “kick and run” (calcia e corri) proprio in ricordo della spontaneità con la quale i giocatori si apprestavano a scendere in campo. Non erano in molti ad avere tempo libero da dedicare all'intrattenimento in quel periodo e, di conseguenza, il calcio veniva prettamente praticato in ambito universitario. Ed è proprio da quell'ambiente, nella fattispecie Cambridge, deriva la prima vera rivoluzione tattica della storia. Si tratta del cosiddetto modulo a piramide o 2-3-5 che, frutto dello studio degli studenti inglesi, vide per la prima volta realizzata una strategia di gioco atta a coprire al meglio tutte le zone del campo. Come possiamo vedere dall'immagine, questo modulo di gioco prevedeva tre linee di giocatori ben distinte: una prima linea offensiva (forwards) composta da cinque attaccanti, una linea mediana (half-backs) composta dai tre giocatori di centrocampo ed una linea difensiva (backs) composta da due terzini più il portiere.

Considerando inoltre la più completa inefficienza delle marcature difensive, sembra piuttosto scontato notare come il 2-3-5 non fosse un modulo molto equilibrato; nonostante questo, in breve tempo ebbe una diffusione mondiale e senza alcun dubbio questa tattica andrà a formare la base di tutti i moduli di gioco che poi si svilupperanno negli anni a seguire. Tra le squadre più famose e vincenti ad aver utilizzato questo modulo ricordiamo il grande Uruguay campione del mondo nella prima edizione del mondiale. La piramide divenne obsoleta con il cambiamento, da parte dell'IFAB, della regola del fuorigioco che evidenziava l'incapacità della linea difensiva di arginare gli attaccanti avversari.

Da questa rivoluzione vennero così a crearsi due correnti di pensiero piuttosto diverse fra loro, che daranno vita ai due moduli più importanti della storia del calcio: il metodo ed il sistema.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fenomenologia di un uomo cancellato dalla storia: il mito di Arpad Weisz

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Ciccone
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze Motorie
  Relatore: Angela Di Baldassarre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi