Skip to content

Confronto fra trattamento motorio e trattamento cognitivo in pazienti con MCI e Malattia di Alzheimer di grado lieve e moderato

Tipologie di interventi cognitivi

Tra gli interventi definiti cognitivi in quanto mirati all’esercizio di questo tipo di capacità, in realtà è possibile riconoscere una molteplicità di tecniche, alcune mirate all’esercizio di specifiche funzioni cognitive e altre che offrono una stimolazione più globale (Clare & Woods 2004). Delle prime fanno parte il training cognitivo e la riabilitazione cognitiva, che hanno il vantaggio di proporre un programma di trattamento individualizzato basato sulle difficoltà e le performance del soggetto in trattamento (Talassi et al. 2007, Brodziak et al. 2015). Il training cognitivo è basato sull’esercitazione guidata individuale o di gruppo in una serie di compiti, presentati in forma cartacea o computerizzata, specifici per ciascuna funzione cognitiva da allenare.

Ad oggi sono disponibili diversi training specifici per il miglioramento di memoria, apprendimento, attenzione, funzioni esecutive, intelligenza e cognizione globale (Pieramico et al. 2014). La riabilitazione cognitiva invece consiste in un approccio individualizzato nel quale il paziente e la famiglia lavorano con diverse figure professionali per identificare gli obiettivi soggettivamente rilevanti (tipicamente il mantenimento delle autonomie funzionali) e trovare insieme strategie adeguate per il loro raggiungimento (Clare & Woods 2004).

La stimolazione cognitiva si configura piuttosto come un intervento cognitivo aspecifico che consiste nel coinvolgimento dei pazienti in varie attività di gruppo con l’obiettivo di migliorare il funzionamento cognitivo e sociale generale (Clare & Woods 2004). Di questa categoria fanno parte tecniche come la Terapia della Reminescenza (RT, Woods et al. 2005), la Reality Orientation Therapy (ROT, Taulbee & Folsom 1966) e la Cognitive Stimulation Therapy (CST, Spector et al. 2001).

La RT stimola la rievocazione e discussione di esperienze passate significative per la persona; può sfruttare materiale sensoriale che stimoli il ricordo (fotografie, immagini, oggetti) e, nonostante possa essere realizzata anche individualmente, la discussione di gruppo è spesso preferita per promuovere anche la socializzazione (Woods et al. 2009, Pinquart & Forstmeie 2012).

La ROT nasce invece con lo scopo di contrastare la confusione che spesso domina la vita dei soggetti anziani presentando informazioni in grado di orientare la persona nei parametri personali, spaziali e temporali; queste informazioni possono essere date nell’arco della giornata in maniera informale dal caregiver (ROT informale), oppure usando un approccio strutturato nel quale vengono segnate su una lavagna dopo essere state discusse in gruppo (ROT formale) (Spector et al. 2000, Carrion et al. 2013).

La CST nasce infine dal tentativo di creare un programma di stimolazione evidence-based che comprenda diverse tecniche, tra le quali anche le precedenti. Essa consiste quindi in un programma di gruppo composto da 14 sessioni realizzate due volte a settimana, ciascuna di 45 minuti e dedicata ad un tema specifico (Spector et al. 2001). A partire dalla CST originale sono stati proposti anche un programma di mantenimento composto di altre 24 sessioni che si tengono una volta a settimana (Aguirre et al. 2010), e una variante individualizzata (Yates et al. 2015).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Confronto fra trattamento motorio e trattamento cognitivo in pazienti con MCI e Malattia di Alzheimer di grado lieve e moderato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Denise Borgo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze cognitive
  Relatore: Pierluigi De Bastiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi