Skip to content

La tutela dell'embrione

Crioconservazione e soppressione degli embrioni

La crioconservazione e la soppressione degli embrioni, sono regolati nel nostro ordinamento dall’articolo 14, della Legge 40/2004.
Questo è intitolato “Limiti all’applicazione delle tecniche sugli embrioni” ed al 1° comma, stabilisce che: “è vietata la crioconservazione e la soppressione di embrioni (…)”.
La legge impone un generale divieto di crioconservazione; tuttavia, continuando nella lettura della medesima disposizione questo divieto diviene più labile in quanto il 3° comma, prescrive che se le condizioni di salute della donna non permettono l’impianto degli embrioni, questi possono essere crioconservati fino alla data del nuovo impianto, da realizzare, cito testualmente, “non appena possibile, senza pregiudizio della salute della donna”.
Questa postilla è stata recentemente aggiunta nelle Linee Guida del 2015 dalla più volte citata sentenza n. 151/2009 della Corte Costituzionale.
Dispone il comma 3, dell’articolo 14, che la donna ha sempre il diritto di ricevere il trasferimento degli embrioni crioconservati e tutti gli embrioni, che non sono stati impiantati, devono essere crioconservati presso dei centri specializzati. I costi della crioconservazione, stabilisce ancora la normativa, sono a carico di questi centri clinici.
Occorre a questo punto comprendere cosa si intende per crioconservazione.
La crioconservazione è una “tecnica di conservazione delle cellule viventi mediante congelamento effettuato con opportune tecniche, anche automatiche”.
La prima gravidanza ottenuta da embrioni crioconservati è avvenuta in Australia nel 1983 e da allora le tecniche si sono alquanto evolute.
Esistono due principali tecniche di crioconservazione: il “congelamento” e la “vitrificazione”.
Il congelamento, definito anche come procedimento “lento”, consiste nell’esporre l’embrione, in modo graduale, a temperature al di sotto dello zero con l’utilizzo di crioprotettori, ossia di sostanze in grado di migliorare la sopravvivenza delle cellule durante le fasi di congelamento e scongelamento.
Questa metodologia di conservazione tuttavia ha delle lacune, difatti al momento dello scongelamento, la formazione di cristalli di ghiaccio può compromettere la riuscita della gravidanza. Le percentuali di gravidanze ottenute con questa tecnica è parecchio inferiore rispetto a quelle ottenute con i cosiddetti embrioni “freschi”.
La vitrificazione è un processo di congelamento che impedisce la formazione di cristalli di ghiaccio intracellulare, in quanto il raffreddamento a -196° avviene in un lasso di tempo brevissimo, istantaneo ed attraverso l’utilizzo di elevate concentrazioni di crioprotettori.
Utilizzando le procedure di crioconservazione ci sono due fondamentali vantaggi per la salute della donna, innanzitutto gli embrioni crioconservati possono essere utilizzati in un successivo tentativo di fecondazione artificiale in vitro senza quindi dover necessariamente sottoporre la donna ad un altro ciclo di stimolazione ovarica ed inoltre il congelamento offre la possibilità di verificare l’esistenza di patologie infettive o malformazioni genetiche sull’embrione stesso.
Nella Relazione del Ministro della Salute al Parlamento sullo stato di attuazione della legge 40/2004, si specifica che in Italia esistono circa 369 centri autorizzati di Pma, di cui 141 pubblici e 228 privati convenzionati con il SSN. Grazie poi all’applicazione della sentenza 151/2009, sono aumentati anche i numeri relativi agli embrioni formati e crioconservati, circa 22.143, dati che risalgono al biennio 2013-2014.
Nel nostro Stato aumentano anche i centri di crioconservazione pubblici, anche se la tendenza va sempre di più verso l’ambito privatistico.
Quando si parla di crioconservazione degli embrioni si devono considerare due differenti categorie di embrioni congelati:
la prima è composta da tutti quegli embrioni congelati in attesa di essere trasferiti nell’utero;
la seconda categoria è composta dagli embrioni per i quali sia stato accertato lo “stato di abbandono”, che può avvenire in due ipotesi. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La tutela dell'embrione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Mazzuca
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Catanzaro Magna Grecia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giusy Cosco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bioetica
embrione
aborto
procreazione medicalmente assistita
legge 40/2004
biodiritto
embrione soprannumerario
pratiche eugenetiche
snowflakes babies
tutela embrione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi