Skip to content

Reddito e felicità: alcuni paradossi

I beni pseudo-gratificatori

Secondo Bruni (2007), il mancato aumento della felicità all’interno dei paesi industrializzati potrebbe essere imputabile all’ampia diffusione dei beni pseudo-gratificatori: i beni la cui l’utilità effettiva è inferiore rispetto all’utilità decisionale, denotando un basso potenziale gratificatorio. Occorre soffermarsi su una sottocategoria di questi, ovvero i beni pseudo-posizionali e i beni pseudorelazionali, definiti come “beni a fornitura sociale”.

I beni posizionali sono una categoria di beni privati, soggetti al vincolo di scarsità sociale, inerente la natura sociale delle interazioni economiche (Sacco 1999). L’utilità degli individui derivante dal consumo di tali beni dipenderà dalla posizione relativa nella società. Si tratta quindi di beni simbolici, atti a dare al possessore una certa immagine sociale, certificatrice dello status sociale.

Nel 1700, Smith (1984) si pronunciò su tali beni di lusso. Secondo costui, il lusso a livello sociale determina benefici, in quanto opera la ‘mano invisibile’. Difatti, l’emulazione del ricco comporta uno sforzo da parte del povero al fine di ottenere, mediante il lavoro, risorse economiche atte a soddisfare le proprie esigenze emulative. Questo meccanismo consente al sistema economico di crescere e produrre ricchezza.

Alla base vi è però secondo Smith un inganno: l’idea che il ricco possa esser più felice del povero. Infatti, il ricco, possedendo più beni avrà anche più preoccupazioni rispetto al povero. Quindi la felicità dei due individui di diverso status socio-economico in realtà non è diversa tra loro. Ai giorni d’oggi, si sta assistendo ad un’ampia diffusione di beni posizionali, ad opera dei soggetti di offerta. Difatti, questi soggetti, attraverso indagini di mercato cercano di individuarli e alimentarli.

Si parla allora di beni posizionali di massa, o ancora meglio, beni pseudo-posizionali: sono apparenti beni posizionali, perché l’acquisizione di una posizione all’interno della società si rivelerà illusoria a causa dell’ampia diffusione di questi beni. Viene meno il loro valore simbolico: la diffusione di massa li rende incapaci di differenziare coloro che ne godono dagli altri. Viene quindi meno il vincolo della scarsità sociale di questi beni, nonché anche la capacità di differenziazione del consumatore rispetto gli altri soggetti della società.

I beni relazionali sono entità immateriali, corrispondenti alle relazioni sociali, che implicano la produzione e il consumo da parte di due o più individui della società. Donati definisce il bene relazionale “un bene che può essere prodotto e fruito soltanto insieme da coloro i quali ne sono gli stessi produttori e fruitori, tramite le relazioni che connettono i soggetti coinvolti” (Donati 1993, pp. 122-123). Quindi si tratta di una tipologia di bene che deve essere sia prodotto sia consumato simultaneamente. Numerose sono le definizioni riscontrabili, ma tutte si basano sul concetto di reciprocità.

Ai giorni d’oggi stiamo fondamentalmente assistendo alla diffusione di beni pseudorelazionali: si tratta di beni illusoriamente relazionali, che garantiscono una bassa utilità effettiva. Bruni (2007) riporta un esempio rappresentativo: la televisione e internet. La televisione difatti tende a sostituire le relazioni sociali degli individui con ‘relazioni simulate’. Soprattutto i reality svolgono un ruolo importante in tutto ciò, per quanto riguarda la diffusione sia di beni pseudo-relazionali, sia di beni pseudo-posizionali. Infatti, il telespettatore, consuma delle vere e proprie relazioni simulate, e la ragione principale per la quale segue il programma è che i concorrenti possiedono la caratteristica della notorietà (considerato un bene posizionale).

Quindi, in definitiva, il telespettatore, consuma entrambi i beni pseudo-gratificatori. Per capire l’importanza del problema, dobbiamo tener presente che la maggior attività di occupazione del tempo libero è la televisione o internet. Perché allora le persone consumano questi beni pseudo-gratificatori e non beni genuini? Scitovsky (1976), ha distinto due tipi di beni: beni di comfort, tali da garantire benessere nel breve periodo ma non nel lungo; beni di creatività, capaci di generare benessere nel medio-lungo periodo, presentando quindi una funzione di utilità marginale crescente.

Secondo Bruni (2007) è possibile associare i beni genuini (come i relazionali e posizionali) ai beni di creatività, mentre i beni di comfort ai beni pseudogratificatori. Scitovsky ha sostenuto che le economie moderne tendono a rendere estremamente cari i beni genuini, sostituendo questi con beni pseudo-gratificatori. Andiamo quindi a consumare un bene a basso potenziale gratificatorio perché tende a presentarsi come un bene genuino ed a un costo molto più basso rispetto a questo, con la conseguenza che il nostro benessere finale sarà minore.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Reddito e felicità: alcuni paradossi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Leandro Borghini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Mauro Caminati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi