Skip to content

Potenzialità dei trattamenti biologici per la protezione dei prodotti orto-frutticoli in post-raccolta: un caso studio.

Metodi Biologici e prodotti disponibili

La sicurezza del consumatore, in termini di alimentazione, passa attraverso due principi:
1) “Food Safety”;
2) “Food Security”.

La prima è volta a rispettare la giusta esigenza del consumatore in termini di utilizzo di “cibo salubre e sicuro”; mentre la seconda è volta al raggiungimento della autosufficienza alimentare. I metodi biologici di controllo delle infezioni e delle infestazioni si pongono in tale ottica.

Le perdite in post-raccolta di frutta e verdura possono raggiungere il 25% della produzione totale nei paesi industrializzati e oltre il 50% nei paesi in via di sviluppo. Queste perdite sono da attribuire prevalentemente all’attacco di funghi patogeni per l’alto contenuto di nutrienti, acqua e ad una diminuzione delle difese dopo la raccolta e stoccaggio (Droby et al., 1992 ). Il deperimento dei prodotti ortofrutticoli provoca grandi perdite economiche, da qui la necessità di introdurre tecniche di protezione rispettose della salute umana e dell’ambiente.

Il controllo biologico o biocontrollo (Biological Control Agents, BCA) ha tutte le caratteristiche per assolvere a tale compito, anche se si è ancora lontani dall’ottimizzazione dei metodi. L’applicabilità richiede una efficacia del 95 - 98%, valori non ancora raggiunti. Il biocontrollo è definito come “controllo di una fitopatia attuato tramite processo biologico o di suoi prodotti” (Wisniewski et al., 2007). Lo sviluppo di un BA (Biological Control) richiede una prima fase di identificazione del microrganismo, e una seconda fase di sviluppo. In Fig. 2.5 è rappresentato, in sintesi, il diagramma di flusso dei fattori che incidono nello sviluppo di un agente biologico.

Alla base della scelta di un agente di BA, fondamentale per il successo commerciale, ci sono l’isolamento e lo screening (Droby et al. 2009).
Caratteristiche essenziali di un agente di biocontrollo sono :
• stabilità genetica
• efficacia a bassa concentrazione verso un’ampia varietà di patogeni e prodotti
• sopravvivenza in condizioni avverse
• ridotte esigenze nutrizionali
• basso costo di produzione
• estesa “shelf-life”
• facile applicabilità
• compatibilità alle pratiche commerciali
• non patogenicità per l’uomo e l’ospite

Ancor prima delle caratteristiche elencate, il microrganismo utilizzato come antagonista biologico deve avere la capacità di colonizzare, sopravvivere e moltiplicarsi nell’ambiente abitualmente occupato dal patogeno (Janisiewicz 1988,1997; Manso e Nunes 2011). Molte delle infezioni in post-raccolta sono causate da patogeni da ferita, pertanto la ricerca è finalizzata ad identificare antagonisti che contrastino questi microrganismi. La prima selezione, oltre che in vitro, avviene con studi sui frutti feriti, sui quali si valuta direttamente la capacita dell’agente di BA di uccidere il patogeno. In vitro si seleziona il microrganismo in base ai metaboliti antifungini prodotti, mentre si scartano quegli antagonisti non produttori di antibiotici (Andrews, 1985). Normalmente per favorire la crescita dell’agente di BA si opera il lavaggio della frutta lesa. La tecnica descritta da Janisiewicz ,1987 consiste nell’isolare il microrganismo dalla superficie della frutta mediante lavaggio e l’applicazione di colonie pure nella ferita seguita da quella del patogeno.

Queste strategie hanno effetto protettivo, ma nessun effetto verso le infezioni latenti (Droby et al., 2009). Una volta selezionato l’antagonista si fa uno screening secondario che confermi l’attività di biocontrollo al fine di determinare la concentrazione minima efficace (CME). Generalmente il biocontrollo è applicato prima della comparsa del patogeno.

Per le infezioni latenti si consigliano applicazioni in pre-raccolta per consentire una stabilizzazione del microrganismo antagonista prima che il patogeno possa manifestarsi. Fondamentale è che l’antagonista possa sopravvivere nelle condizioni ambientali del campo ( Ippolito e Nigro 2000) e che le concentrazioni dell’antagonista siano compatibili con la possibilità dei prodotti trattati di essere commerciabili, nell’ambito 107-109 cfu/mL.

Meccanismi d’azione

I meccanismi d’azione attraverso cui si esprime il BA sono:
• Competizione per nutrienti e/o spazio
• Parassitismo e produzione di enzimi litici
• Produzione di sostanze antimicrobiche
• Resistenza indotta nel frutto

Produzione e formulazione di un agente di biocontrollo

La produzione di massa di un agente di BA ha come obiettivo l’ottenimento di un gran numero di cellule efficaci in un breve periodo. Condizione indispensabile è che i nutrienti del mezzo devono essere soddisfacenti ai bisogni della cellula. Invece i fattori limitanti alla produzione massiva sono quello riferiti agli alti costi sulla determinazione dei quali incidono: il substrato, lo scarso rendimento di biomassa prodotto e la scarsa richiesta del prodotto (Fravel et al.,1999).

Riguardo ai substrati , vi è un interesse notevole verso gli scarti dell’industria alimentare; utilizzabili come fonte di azoto e carbonio e che consentirebbero un abbattimento dei costi. Le fasi successive che portano alla commercializzazione sono l’aumento progressivo della produzione e la formulazione del prodotto. Il processo di formulazione ha come obiettivo la possibilità di poter mantenere stabile l’attività di biocontrollo. Una estensione della “shelf-life” di almeno 6 mesi alle condizioni ambientali abituali ripetuta per almeno 2 stagioni e la possibilità di applicazione del prodotto con attrezzature esistenti, fanno parte del processo di formulazione. (Hofstein e Chapple 1998).

Prospettive in biocontrollo

L’obiettivo primario è garantire efficacia elevata e costante del biocontrollo, in particolar modo verso le infezioni latenti. Per raggiungere questo traguardo è possibile adottare i seguenti approcci :
• Miscele antagoniste
• Manipolazione dell’ambiente nutrizionale
• Applicazioni in pre-raccolta
• Manipolazione genica
• Integrazione con altri metodi : Fisici, GRAS (Generally Recognized As Safe)

Applicazioni commerciali

Per essere commercializzato un agente di BA deve soddisfare alcuni criteri. Ogni agente prima di essere immesso in commercio deve superare alcuni test che riguardano il comportamento su frutti e cultivar diversi, modalità e condizioni di applicazione e stoccaggio. I test devono essere condotti su larga scala utilizzando il prodotto fresco e trattato con l’antagonista.

Inoltre il test commerciale pilota deve comportare l’utilizzo di una grande quantità di frutta in confezionamenti e luoghi diversi e sottoposta a infezioni naturali (Janisiewicz e Korsten 2002; Torres et al., 2007). La registrazione dell’agente di BA o dei suoi derivati è un requisito fondamentale all’uso commerciale come procedura di sicurezza alimentare. In Europa la registrazione risulta difficoltosa a causa della legislazione restrittiva. In USA i processi di registrazione sono semplici e poco costosi e richiedono poco tempo. L’ultima direttiva europea CE 1107/2009 definisce le nuove tempistiche di registrazione di prodotti a base di microrganismi ponendo un limite a cinque anni.

Il crescente interesse verso i metodi alternativi ai fungicidi in post-raccolta ha stimolato la ricerca, essendo pochi i prodotti commercializzati è necessario un impegno nell’approfondire i molteplici aspetti del biocontrollo in post-raccolta per potenziarne l’efficacia e la varietà in modo da diventare una valida alternativa all’uso dei prodotti fitosanitari.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Potenzialità dei trattamenti biologici per la protezione dei prodotti orto-frutticoli in post-raccolta: un caso studio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cosimo Maria Palopoli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Alessandro Ragazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chimica
patologia vegetale
microbiologia
tecnologie alimentari
food losses and waste

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi