Skip to content

Spazio Scenico e New Digital Media: teorie e pratiche del nuovo teatro

L'(iper) attore nell'era digitale

«Un iperattore espande il corpo in modo tale che è in grado di accendere le luci, attivare suoni o immagini su uno schermo nel palcoscenico; controllare la risultante sembianza laddove la sua immagine o la sua voce sia mediata attraverso il computer; espandere le proprie capacità sensorie ricevendo informazioni attraverso cuffie o occhiali-video o controllare strumenti fisici come videocamere, parti del set, robot o altri macchinari teatrali».

Questa è la definizione di Hyperactor che in Computer Theatre (1996) Claudio Pinhanez tenta di definire, e come lui, ci sono stati svariati studiosi del campo che hanno tentato di indagare sul termine che designa la nuova figura dell'attore teatrale dei giorni nostri. Secondo quanto afferma Pinhanez, l'iperattore sarebbe un tipo di performer in grado di espandere il proprio corpo e quindi il proprio essere in maniera tale da poter accedere senza alcuna difficoltà, a qualsiasi ambito dello spazio scenico. Tutto questo sarebbe possibile grazie all'utilizzo da parte del perfomer di interfacce di comunicazione che interagiscono con un sistema computerizzato come wearable computers: data suite, cyberglove, sensori wireless, scarpe interattive. Joe Paradiso, ricercatore al Mit Medialab Laboratory (1994), ha creato infatti una famosa scarpa interattiva consistente in un paio di scarpe da ginnastica riempite con vari sensori che trasmettono dei dati di sedici tipi diversi, (come ad esempio la pressione sotto le dita piuttosto che l'orientamento della pianta del piede, la velocità, l'accellerazione etc.), continuamente tramite una radio ad un computer. Brenda Laurel d'altro canto ci offre un interessante spunto di riflessione in merito alla figura dell'iperattore che definisce agente aggiunto, dal latino agere; l'agente può essere umano o tecnologico e questa definizione in realtà deriva dallo studio che la Laurel ha condotto sulla Poetica di Aristotele, che le ha fornito lo schema di rappresentazione per la conoscenza attraverso il computer, in cui la nozione di “agente” spiegherebbe come l'imitazione di un'azione sia realizzata da persone che agiscono. L'agente aggiunto della Laurel quindi viene pensato per definire colui che attiva le interfacce che mettono in relazione e quindi in comunicazione, computer ed essere umano. Nel suo saggio Computer as Theatre (1991) infatti Brenda Laurel aveva intuito le potenzialità insite all'interno del computer, nuovo mezzo di comunicazione nascente di quel periodo. La studiosa si rese conto che il personal computer ed in particolare il computer multimediale che si serviva di interfacce grafiche, suono, mouse, colori etc., poteva essere letto e studiato anche da un punto di vista prettamente umanistico oltre che tecnico, al fine di rintracciare tutti quegli ambiti culturali e strumentazioni varie utili alla sperimentazione in ambito digitale per l'appunto. Sulla base della sua convinzione secondo la quale quindi il computer da semplice macchina numerica poteva essere utilizzato come nuovo medium per rappresentare la realtà, cerca di recuperare all'interno della tradizione storico/culturale occidentale quelle che sono le regole che potrebbero essere in grado di assecondare il linguaggio di questo nuovo medium. Per questo motivo compie vari studi all'interno della disciplina della semiotica da cui ricava l'idea che la nuova comunicazione in digitale può essere considerata come un vero e proprio discorso che viene posto all'interno della struttura performativa, in quanto la rappresentazione digitale è molto vicina a quelle che sono le rappresentazioni di tipo performativo e quindi, di conseguenza, la rappresentazione digitale ha molto in comune con il teatro stesso. In definitiva affinché si riesca a comprendere il mezzo digitale non bisogna riversarsi in un ambito prettamente tecnico ma bisogna volgere le proprie attenzioni anche verso l'arte drammatica in sé; per questo motivo la Laurel introduce lo studio dei nuovi media all'interno delle teorie aristoteliche sul teatro partendo da una rivisitazione proprio della Poetica di Aristotele:

Perché Aristotele? […] Non ci sono punti di vista più moderni che sarebbero più appropriati all'obiettivo? […] senza dubbio ci sono studiosi più recenti che hanno fornito contributi fondamentali alla teoria del dramma. Ma nessuno ha fornito una teoria del dramma così omnicomprensiva e ben integrata come Aristotele; […] Nessuno ha presentato una visione alternativa sulla natura del dramma che ha raggiunto un simile e universale riconoscimento […] Il paradigma aristotelico è più appropriato allo stato della odierna tecnologia al quale noi siamo interessati. Per costruire una rappresentazione che abbia qualità teatrali all'interno di un ambiente generato dal computer, è necessaria una profonda, robusta e logica nozione della struttura degli elementi e dinamiche – e questo è proprio ciò che ci fornisce Aristotele […] Le sue teorie possono essere utilizzate in senso produttivo, non perché sono ricette ma perché identificano e spiegano le caratteristiche formali e strutturali del dramma.

Teatro quindi come sapere dichiarativo atto ad essere rappresentato mediante svariate tecnologie logiche ed informatiche e non invece considerato come un mero contenuto da utilizzare solamente per archiviare materiale di scena; l'indagine performativa della Laurel quindi sembra focalizzarsi su quelli che sono gli aspetti ludici del teatro che rintraccia all'interno dei nuovi media digitali in particolare evidenziando le peculiarità dei videogames. Il centro della sua riflessione però è parecchio interessante dal punto di vista degli studi condotti nell'ambito della ricerca sullo spettacolo; in particolare Brenda Laurel incentra il suo lavoro sui famosi sei elementi della tragedia designati da Aristotele ovvero favola, carattere, pensiero, linguaggio, melodia e spettacolo per riproporli in rapporto al digitale. Troviamo così
1) Action, ovvero l'azione che deriva dalla collaborazione tra l'user ed il sistema durante le sessioni interattive
2) Character individuati come l'insieme dei tratti tipici dei soggetti agenti che siano artificiali o umani
3) Thought – pensiero, quindi i processi che conducono ad una scelta o verso un'emozione in particolare sia in attività umane che artificiali
4) Language, ovvero l'insieme e la disposizione di segni verbali, sonori, visuali etc.,
5) Melody – pattern, che riguarda la nostra percezione di forme e schemi
6) Spectacle – enactment ovvero la dimensione sensoriale dell'azione rappresentata.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Spazio Scenico e New Digital Media: teorie e pratiche del nuovo teatro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Di Natale
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale
  Relatore: Luca Ruzza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi